UK, il ricatto corre su Wikipedia

Una banda di ricattatori si faceva pagare dalle vittime per non pubblicare notizie negative su di loro nell'enciclopedia online.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 04-09-2015]

ricatti wikipedia

Sono centinaia le piccole imprese britanniche e le celebrità "minori" rimaste vittima dei ricatti avanzati da alcuni falsi redattori di Wikipedia.

Secondo il quotidiano The Indipendent tra le vittime ci sono un noto fotografo di matrimoni, un gioielliere di Londra e anche un ex concorrente del popolare show Britain's Got Talent.

Le vittime venivano contattate e sollecitate a pagare per ottenere "protezione": se non avessero sborsato una certa somma di denaro, i redattori avrebbero pubblicato sull'enciclopedia online informazioni negative sulle loro vittime, rovinando la loro reputazione.

In altri casi, le pagine relative alle aziende venivano cancellate ricattatori, e poi l'azienda veniva informata del fatto che l'articolo era stato rimosso perché conteneva troppo materiale promozionale: ma in cambio di un "contributo" tali redattori avrebbero provveduto a riscriverlo adeguandolo alle regole dell'enciclopedia facendolo così riapparire.

Sondaggio
Quale di questi grandi portali visiti più frequentemente?
Libero
Blogspot
YouTube
Virgilio
Facebook
Wikipedia
Live (MSN)
eBay
Google
Yahoo!

Mostra i risultati (4073 voti)
Leggi i commenti (6)

Dopo le prime denunce, Wikipedia ha bloccato 381 account e 210 articoli legati a questo giro di ricatti.

Nonostante il recente calo dei visitatori, Wikipedia rimane comunque uno dei siti web più conosciuti e visitati nel mondo, nonché una fonte d'informazioni primaria e, spesso, esclusiva per centinaia di milioni di persone.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Approfondimenti
Lo scam della segreteria di WhatsApp torna a colpire
Google blocca le vendette osé
Nokia ricattata pagò milioni per proteggere Symbian
Come rubare un account Twitter da 50.000 dollari
A Friburgo piccolo boom di ricatti sessuali via web

Commenti all'articolo (2)

@ Gladiator: è quello che subito è parso lampante anche a me ;)
10-9-2015 00:00

Se veramente Mi verrebbe da dire che più che falsi redattori questi fossero redattori regolarmente registrati i quali, forse, avevano ampia libertà d'azione e pochi controlli fino a che la "bomba" è scoppiata... Leggi tutto
9-9-2015 19:21

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Secondo te, come bisogna definire chi commette intrusioni informatiche?
un hacker
un cracker
un grissino

Mostra i risultati (4437 voti)
Gennaio 2020
Windows 10: e adesso la pubblicità
Batterie al grafene, ormai ci siamo
Edge è morto, viva Edge (Chromium)
Il giorno della morte di Windows 7
The New Facebook, il social network cambia pelle
Samsung fa un balzo in avanti con il Galaxy S20
Dicembre 2019
Le peggiori password del 2019
Il chip che realizza la crittografia perfetta a prova di hacker
Apple al lavoro sull'iPhone satellitare
Il water inclinato che impedisce ai dipendenti di stare troppo in bagno
Se i poliziotti vendono nel dark web l'accesso alle telecamere di sicurezza
Il preservativo per i dispositivi USB
Il motorino elettrico di Xiaomi che costa come uno smartphone
Il ransomware che riavvia il PC in modalità provvisoria
Il malware fileless che attacca i Mac
Tutti gli Arretrati


web metrics