Google Car, incidente per eccesso di prudenza

L'auto senza pilota è troppo ligia al Codice della Strada e ''causa'' incidenti per l'imprudenza degli umani.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 04-09-2015]

google incidente auto autonoma

Se l'incontro con il ciclista si è risolto in un divertente "balletto di precedenze", quello con un pedone ha avuto conseguenze più serie per l'auto senza pilota di Google.

A rivelarlo è il New York Times, il quale riporta la notizia dell'ultimo incidente di cui è stato protagonista il veicolo autonomo di Google.

Eppure, la colpa non è dell'auto. L'incidente si è verificato a un incrocio lo scorso 20 agosto: l'auto si è avvicinata all'incrocio e, rilevando la presenza di un pedone che stava per attraversare la strada, ha segnalato al suo "autista di sicurezza" di azionare i freni.

Questi, intervenendo manualmente, così ha fatto, ma gli autisti delle auto che seguivano la Google Car non si aspettavano tale decisione: come capita spesso quando un pedone che sta attraversando è ancora dall'altro lato della strada, erano convinti che l'auto di Google avrebbe accelerato per passare prima dell'uomo a piedi, non che si fermasse per lasciarlo passare. E così l'hanno tamponata.

Non si può quindi dare la colpa dell'incidente all'auto, che ha quindi semplicemente applicato le regole del Codice della Strada con le quali è programmata: sono stati gli autisti dei veicoli al seguito che si aspettavano quella che è ormai un'infrazione comune.

L'avvenimento ha però fatto riflettere i progettisti, i quali hanno compreso che per funzionare al meglio l'auto deve riuscire a muoversi in modo fluido in un mondo in cui gli esseri umani non sempre rispettano le regole: «Il vero problema è che l'auto è troppo sicura» ha dichiarato Donald Normna, direttore del Design Lab all'Università della California a San Diego. «Deve imparare a essere aggressiva quanto basta, e il "quanto basta" dipende dalla cultura».

Sondaggio
Immaginiamo un mondo popolato dalle auto di Google: senza pilota, senza sterzo e senza pedali. Qual è il maggior svantaggio? (vedi anche i vantaggi)
L'auto di Google è veramente brutta! Più che un auto è un'ovovia.
Ci toglierà il piacere di guidare e la nostra vita sarà un po' più triste.
Avrà un costo non sostenibile per la maggior parte degli utenti.
Ci sarà maggior traffico: con un'auto senza pilota il trasporto privato verrebbe incentivato rispetto al trasporto pubblico.
Il Gps incorporato potrebbe non essere efficiente, costringendoci a fare percorsi più lunghi o più lenti o addirittura non portandoci mai a destinazione.
Ho timori soprattutto per la privacy: le auto di Google potranno collezionare dati su come mi sposto e quando.
In caso di incidente con nessuno al volante, non è chiaro di chi sarà la responsabilità civile. E a chi tocca pagare l'assicurazione? All'utente o a Google? O allo Stato?
Sarà esposta ad attacchi hacker o terroristici: di fatto avremo minore sicurezza sulle strade.
Se il sistema prevede un urto inevitabile, potrebbe trovarsi di fronte a scelte etiche insormontabili. Uccidere un anziano o un bambino? Due uomini o un bambino? Un uomo o una donna? Uscire di strada o urtare altri veicoli o pedoni? Andare addosso a un SUV o a un'utilitaria?
Rispetto alle auto tradizionali impiegheranno troppo tempo ad arrivare a destinazione, non potendo superare i limiti di velocità o fare manovre azzardate.
I tassisti non esisteranno più: già immagino le loro legittime proteste.

Mostra i risultati (2199 voti)
Leggi i commenti (21)

Uno degli autisti impiegati da Google per seguire dall'interno dei veicoli i test delle autoe senza pilota è sostanzialmente d'accordo: «Seguirà sempre le regole» commenta Tom Supple, l'autista. «Voglio dire, lo farà fino a spingere gli autisti umani all'interno a dire "Ma perché fa così?"».

Quello avvenuto lo scorso mese è il sedicesimo incidente in cui sono stati coinvolti i veicoli autonomi di Google dal 2009: nella maggior parte dei casi si è trattato di ricevere qualche ammaccatura, e solo in un caso una persona è stata coinvolta.

Courtney Hohne, portavoce di Google, conferma che uno dei campi di ricerca su cui si stanno concentrando i progettisti è proprio trovare il modo per ottimizzare l'interazione tra esseri umani e veicoli. Spesso gli autisti umani risolvono le questioni di precedenza «guardandosi in faccia e stabilendo al volo chi deve passare» commenta il professor John Lee, dell'Università del Winsconsin. «Ma dov'è la faccia in un veicolo autonomo?».

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 15)

Googlecar ha agito nello sconsiderato modo automatico in cui era stata programmata, senza l'elasticità di pensiero indispensabile nel nostro mondo analogico dove le varianti vanno ponderate e gestite e non ignorate "perché non inserite in programma", e chiaramente è impossibile prevederle TUTTE. Ovviamente pagherà chi ha... Leggi tutto
20-11-2021 06:49

Multata una googlecar per eccesso di prudenza... :roll: link Oddio che incubo, quando ci saranno milioni di "vecchiette elettroniche" al volante!!!
13-11-2015 10:51

Anche a me è successo più di una volta di rischiare di essere tamponato per aver dato la precedenza ad un pedone sulle strisce e anche in quei casi erano i guidatori delle macchine che seguivano che non rispettavano la distanza di sicurezza e, contemporaneamente, davano per scontato che non avrei rispettato il codice della strada... Leggi tutto
10-9-2015 19:01

Forse non capite: il mondo non è matematica pura. Le nuvole non sono tonde, le montagne non sono triangolari, le spiagge non sono linee rette: per descriverle serve la geometria frattale. I numeri non sono una quantità finita: per questo non esistono linee oblique su un monitor di un PC, ma solo tante linee orizzontali e verticali di... Leggi tutto
6-9-2015 21:44

La causa dell'incidente non è l'eccesso di prudenza, ma il non rispetto della distanza di sicurezza... Dare la precedenza ai pedoni va fatto sempre e dovremmo essere in grado di frenare in sicurezza. Di cintro il pedone ha l'obbligo di verificare di poter attraversare senza creare situazioni di pericolo per sé e gli altri. Alla google... Leggi tutto
6-9-2015 09:10

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Il cosiddetto "smart working" (o "remote working" a seconda delle definizioni) che impatto avrà secondo te?
Aumenterà il logoramento
Migliorerà la produttività
Ridurrà l'efficienza
Non avrà un impatto significativo

Mostra i risultati (498 voti)
Maggio 2024
Imparare l'hacking
Il passaporto elettronico si farà alle Poste, anche nei comuni più grandi
Google infila la IA dappertutto
Il reddito universale di base secondo OpenAI
Windows 11 24H2 cripta tutti i drive all'insaputa dell'utente
L'app per snellire Windows 11 rimuove anche la pubblicità
Netflix, utenti obbligati a passare agli abbonamenti più costosi
Aprile 2024
La fine del mondo, di silicio
Enel nel mirino dell'Antitrust per le bollette esagerate
TIM, altre ''rimodulazioni'' in arrivo
L'algoritmo di ricarica che raddoppia la vita utile delle batterie
Hype e Banca Sella, disservizi a profusione
Falla nei NAS D-Link, ma la patch non arriverà mai
La navigazione in incognito non è in incognito
Le tre stimmate della posta elettronica
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 28 maggio


web metrics