Telecom Italia, nessun licenziamento per gli esuberi

I sindacati ottengono i contratti di solidarietà difensivi bloccando di fatto le 4.000 assunzioni previste.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 08-09-2015]

telecom esuberi

Un accordo quadro per gestire i 3.000 esuberi denunciati da Telecom Italia alla fine di luglio è stato siglato il 7 settembre a Roma presso il Ministero dello Sviluppo Economico fra le sole Cisl, Uil e Ugl, senza il maggiore sindacato del settore, la Cgil.

L'accordo che non prevede licenziamenti ma la mobilità volontaria per 330 persone e l'utilizzo dei contratti di solidarietà cosiddetti «difensivi» che, di fatto, impediscono a Telecom Italia di realizzare l'ambizioso e impegnativo piano di assunzioni per 4.000 unità in 4 anni annunciato dall'amministratore delegato di Telecom Italia Marco Patuano.

Se invece il governo avesse autorizzato e, soprattutto, finanziato i contratti di solidarietà «espansivi» ci sarebbero state assunzioni pagate dall'Inps in cambio delle riduzione di orario per i dipendenti già in organico. L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
Numerosi utenti lamentano disservizi con i coupon-sconto. Quale di questi inconvenienti giudichi più grave?
La difficoltà nell'ottenere i rimborsi (o l'avere come rimborso un altro coupon anziché i soldi).
Non avere un livello adeguato di assistenza al cliente.
L'impossibilità di prenotare un servizio nonostante si sia acquistato il voucher (a causa di scarsa disponibilità da parte di chi eroga quel servizio).
Il trattamento diverso, da parte di chi eroga il servizio, nei confronti di chi paga con un coupon rispetto agli altri clienti.
Il ritardo nella consegna dei prodotti.
La non corrispondenza dell’acquisto effettivo con l’offerta iniziale.
La mancanza di modalità specifiche per i reclami.
Il fatto che l'esercizio per il quale si è acquistato il voucher ha chiuso o il servizio non è più attivo.
La mancata emissione della ricevuta fiscale da parte dei portali.
Non ho mai riscontrato alcuno di questi inconvenienti.

Mostra i risultati (985 voti)
Leggi i commenti (3)
I dettagli dell'accordo quadro, cioè le percentuali di riduzione di orario e le modalità applicative, staranno decisi entro un mese fra le parti.

Intanto Telecom Italia ha accettato di rinunciare a scorporare i call center - ossia di attuare la cosiddetta societarizzazione di 187, 191 e 119 - che rimarranno quindi dentro Telecom Italia; inoltre esiste la possibilità che l'azienda possa prepensionare, ma pagando interamente i contributi e senza oneri per lo Stato, quei dipendenti a cui dovessero mancare fino a 4 anni per raggungere i requisiti per la pensione.

Ora la Cgil dovrà decidere se siglare l'accordo o se opporsi anche con azioni di lotta.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Approfondimenti
La Cgil chiede l'intervento della Polizia per l'accordo con Telecom
Esuberi Telecom Italia: verso un accordo ma la CGIL non ci sta

Commenti all'articolo (3)

L'mformazione di Zeus News, come già successo altre volte, è imprecisa ed incompleta. In questo caso sembra dettata direttamente da Telecom Italia. Se non si conoscono i fatti sarebbe meglio non diffondere notizie false, incomplete e faziose. Già il sottotitolo "I sindacati ottengono i contratti di solidarietà difensivi bloccando di... Leggi tutto
10-9-2015 15:31

Non mi è chiaro un dettaglio sul prepensionamento. Leggi tutto
8-9-2015 18:27

{danix}
Con la solidarietà espansiva le nuove assunzioni le avrebbero pagate anche i lavoratori perchè il contributo dell' inps non avrebbe raggiunto il 100 per cento della riduzione di stipendio dei lavoratori in solidarietà
8-9-2015 18:00

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Vuoi scaricare la canzone 'Yesterday' dei Beatles; esistono varie opzioni su Internet. Quale file scarichi tra i seguenti?
Yesterday-Beatles-Song.scr
Beatles_All_songs.zip
Beatles_Yesterday.mp3.exe
Betles-Yesturday.wma

Mostra i risultati (1275 voti)
Marzo 2019
WhatsApp in crisi, Telegram guadagna milioni di nuovi utenti
I portatili HP rischiano di prendere fuoco per colpa della batteria
La rete e il mercato dei guardoni
Effetto Iliad: Vodafone dichiara 1.130 esuberi
Google: C'è una falla in Windows 7, passate a Windows 10
Intelligenza artificiale genera volti, appartamenti, manga. E gattini
Falla in Word permette di aggirare i sistemi di sicurezza
Facebook: tutti possono trovarvi dal numero di telefono, anche nascosto
USB 4, velocità sino a 40 Gbit/s e tutti i benefici di Thunderbolt
Da Western Digital la microSD da 1 Tbyte più veloce del mondo
Febbraio 2019
A proposito di quell'intelligenza artificiale di OpenAI troppo pericolosa da pubblicare
Swatch contro Samsung: Ha copiato i nostri orologi
Servi dello smartphone che ci doveva servire
Azienda italiana lascia esposto online l'intero archivio clienti
WinRAR, falla vecchia di 14 anni minaccia 500 milioni di utenti
Tutti gli Arretrati


web metrics