Condannato gestore sito per commento offensivo di utente anonimo

Secondo il Tribunale di Belluno il gestore di un sito è responsabile di aver ospitato un contributo ritenuto diffamatorio.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 18-11-2015]

gracis

Per ora l'ha spuntata l'ex deputato Maurizio Paniz, esponente di Forza Italia e avvocato di Silvio Berlusconi, nonché autore di un ricorso contro il taglio dei vitalizi degli ex parlamentari. Infatti, il Tribunale di Belluno ha condannato Matteo Gracis, amministratore del portale Nuovo Cadore, su querela del Paniz.

Il caso risale all'anno scorso: in un commento sottoscritto da un utente anonimo, nascosto dietro lo pseudonimo "Smara", si definiva l'avvocato ed ex deputato Paniz come "una persona che usa la propria professionalità in maniera distorta con l'unico obiettivo di fare leggi ad personam per salvaguardare dalla galera chi ha il ruolo di pensare al bene del Paese e invece porta avanti solo degli interessi personali".. L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
Facebook Ŕ un gran bel social network, per˛...
... genera dipendenza e condiziona la mia vita reale.
... mi rende pi¨ ansioso o pi¨ depresso del solito.
... non c'Ŕ nessun "per˛".
... non lo uso.

Mostra i risultati (2619 voti)
Leggi i commenti (1)
Paniz già nel 2012 aveva denunciato (e il tribunale gli aveva dato ragione) il sito Vajont.info, ed era riuscito ad ottenere la cancellazione di alcune frasi considerate lesive della sua reputazione ed una condanna per diffamazione dell'amministratore Tiziano Dal Farra (subendo anche l'ira del collettivo Anonymous).

In questo caso Gracis aveva rimosso il commento ritenuto diffamatorio, ma solo dopo 11 giorni da quando il Paniz glielo aveva chiesto attraverso l'email. Gracis è stato quindi condannato a condannato a pagare 200 euro di multa per diffamazione dell'onorevole Paniz, 5mila euro di risarcimento danni, 2mila euro per le spese di costituzione di parte civile, nonché il pagamento delle spese legali.

Matteo Gracis nella sua pagina di Facebook ha dichiarato: "Non la comprendo ma accetto molto serenamente questa sentenza. So di essere nel giusto e farò valere i miei diritti per dimostrarlo. Ci si vede in appello e poi se serve in Cassazione, sempre comunque, a testa alta."

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 6)

Io credo che il passaggio critico sia " usa la propria professionalitÓ in maniera distorta". E' qui che si "offende la reputazione". Avesse detto, ad esempio, "una persona che ha promosso leggi ad personam per salvaguardare dalla galera chi dovrebbe pensare al bene del Paese e invece porta avanti solo degli... Leggi tutto
20-11-2015 14:11

Seppur a malincuore, concordo. Per˛ a mia volta mi chiedo perchÚ invece in parlamento e in senato (le minuscole non sono un refuso) questi signori cosý attenti alla legalitÓ possono tenere comportamenti che in un qualsiasi locale pubblico provocherebbero nella migliore delle ipotesi la cacciata a calci nel sedere. Oh, spero che anche... Leggi tutto
19-11-2015 16:32

{1421}
ma solo a me non sembra una frase diffamatoria? Quante volte si è sentito parlare di leggi ad personam da quando c'è berlusconi, e non mi pare che ogni volta ci fossero cause per diffamazione, o no?
19-11-2015 12:12

Una legge pu˛ anche non piacere, ma se c'Ŕ si deve rispettare. Inoltre non vedo perchŔ il web debba poter consentire alcune cose e la carta stampata no. La diffamazione a mezzo internet Ŕ equiparata a quella a mezzo stampa. E la trovo corretta. Non si pu˛ ipotizzare che sul web si possa violare la legge, perchŔ Ŕ un altro... Leggi tutto
19-11-2015 09:35

{Cione}
Da "ice": "...leggi imbarazzanti". Imbarazzanti per te che capisci e hai il senso del pudore. E specialmente non vivi nel layer delle leggi ma in quello della realtà. Molta gente li confonde ritenendo che siano la stessa cosa.
18-11-2015 14:30

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Come preferiresti controllare la Tv?
Con lo smartphone
Con il tablet
Con i gesti del corpo
Con la voce
Con il pensiero
Con il telecomando

Mostra i risultati (2159 voti)
Giugno 2023
Pirati del web in lutto: Rarbg chiude per sempre
Venti di tecnocontrollo in Spagna
Maggio 2023
Stack Overflow è la prima vittima della IA
WhatsApp, ora i messaggi si possono modificare dopo l'invio
HP e l'aggiornamento che rende inutilizzabili le stampanti
Windows 10 21H2, aggiornamento forzato in vista
Google Chrome dirà addio al lucchetto da settembre
WhatsApp accede di nascosto al microfono. Solo un bug di Android?
Western Digital agli utenti: gli hacker hanno i vostri dati
Il “Padrino della IA” lascia Google per avvertire il mondo dei pericoli
Aprile 2023
WhatsApp introduce il supporto a più smartphone
La UE metterà il naso negli algoritmi dei giganti del web
Con la vendita della Rete TIM avremo le tariffe più alte
Windows 11 in versione live
Western Digital violata, sottratti 10 Tbyte di dati
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 5 giugno


web metrics