In prova: Toshiba Satellite Click Mini L9W-B-102

IL TEST DI ZEUS - Un notebook ibrido 2-in-1 che offre tutta la praticità di un tablet e la versatilità di un laptop con Windows.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 01-02-2016]

g3 satellite click mini

Con Satellite Click Mini, Toshiba sembra quasi aver riportato in vita una razza estinta: quella dei netbook, che una decina d'anni fa ebbero il loro momento di gloria perché promettevano di offrire tutto l'indispensabile a basso prezzo.

Satellite Click Mini non è un vero e proprio netbook: è un ibrido 2-in-1, un tablet in grado di trasformarsi in un piccolo notebook grazie alla base che contiene una tastiera, una batteria supplementare e alcune porte di espansione.

Disponibile in due colorazioni - Smart White Pearl o Satin Gold - il prodotto di Toshiba è costruito interamente in plastica. Si tratta però di una plastica robusta, che non comunica alcuna sensazione di debolezza.

Il peso non è indifferente: quando è assemblato, ossia quando la base e il tablet sono uniti, arriva a 999 grammi. Il tablet da solo è però maneggevole e pesa 470 grammi.

Con uno schermo da 8,9 pollici, il Click Mini in versione tablet sta comodamente in mano e non ingombra. La qualità del display IPS touchscreen è elevata e grazie alla risoluzione di 1920x1200 pixel si possono apprezzare anche i contenuti in alta definizione.

Sondaggio
Secondo te è stato l'iPad a uccidere il mercato dei PC?
Sì, perché permette di fare tutto quello che gli utenti normali vogliono da un PC.
No, il mercato era ormai prossimo alla saturazione comunque.
Altro (specificare nei commenti).

Mostra i risultati (1498 voti)
Leggi i commenti (38)

Sono presenti una fotocamera frontale (da 2 megapixel) e una posteriore (da 5 megapixel), e due altoparlanti posti ai lati. Il lato destro ospita anche il pulsante di accensione e i tasti per il volume, mentre il sinistro ospita una porta Micro-USB, una Mini HDMI, un mini jack per cuffie/microfono, uno slot per schede MicroSD e un tasto Home per Windows.

Il dispositivo si aggancia alla base tramite un connettore centrale e due perni metallici dall'aria sufficientemente robusta. In questo modo si può aprire e chiudere proprio come il "coperchio" di un PC portatile, ma l'angolo al quale è possibile aprirlo è purtroppo un po' ridotto.

Satellite Click Mini 21

Una volta in modalità notebook, le possibilità del dispositivo si ampliano in maniera interessante, innanzitutto perché l'autonomia si estende grazie alla seconda batteria integrata nella base.

Le due batterie insieme offrono un'autonomia che, a detta di Toshiba, supera le 12 ore, mentre la sola batteria del tablet permette di arrivare a 7 ore.

Satellite Click Mini 24

Una piccola pecca è rappresentata dalla modalità di ricarica, poiché la batteria della base non può essere ricaricata in modo indipendente.

Quando si collega il tablet al caricabatteria tramite la porta MicroUSB, verrà infatti ricaricata prima la batteria del tablet e poi quella della base: non è possibile caricare le due batterie contemporaneamente e così il tempo necessario complessivamente sfiora le 8 ore. Inoltre, non c'è nemmeno un LED che indichi lo stato della batteria.

Ti invitiamo a leggere la pagina successiva di questo articolo:
Con la tastiera diventa un vero e proprio notebook

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 6)

Non lo so... Forse ti saresti affezionato ancora di più a lui? Che domanda è? :) Leggi tutto
16-5-2016 09:14

{Rita}
buongioro a tutti, il prodotto in questione mi è stto regalato, è molto carino e versatile; ho provato a configurarlo. Praticamente è diventato il clone più piccolo del mio portatile. Cosa sarebbe succeso se lo avessi considerato "nuovo pc"? Inoltre non ho capito se posso usarlo come tablet anche... Leggi tutto
13-5-2016 18:19

Io sono uno di coloro che usa un tablet senza 3G/4G e, per l'uso che ne faccio io - principalmente in casa o in zone in cui c'è comunque una connessione WiFi - mi trovo benissimo e non sento alcuna mancanza di quel tipo di connessione. In quanto a questo oggetto per il prezzo dell'offerta linkata dall'articolo potrebbe essere... Leggi tutto
6-3-2016 15:56

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quale tra queste tecniche diffusamente utilizzate dagli hacker ti sembra la più pericolosa?
1. Violazione di password deboli: l'80% dei cyberattacchi si basa sulla scelta, da parte dei bersagli, di password deboli, non conformi alle indicazioni per scegliere una password robusta.
2. Attacchi di malware: un link accattivante, una chiave USB infetta, un'applicazione (anche per smartphone) che non è ciò che sembra: sono tutti sistemi che possono installare malware nei PC.
3. Email di phishing: sembrano messaggi provenienti da fonti ufficiali o personali ma i link contenuti portano a siti infetti.
4. Il social engineering è causa del 29% delle violazioni di sicurezza, con perdite per ogni attacco che vanno dai 25.000 ai 100.000 dollari e la sottrazione di dati.
5. Ransomware: quei programmi che "tengono in ostaggio" i dati dell'utente o un sito web finché questi non paga una somma per sbloccarli.

Mostra i risultati (2146 voti)
Gennaio 2020
Windows 10: e adesso la pubblicità
Batterie al grafene, ormai ci siamo
Edge è morto, viva Edge (Chromium)
Il giorno della morte di Windows 7
The New Facebook, il social network cambia pelle
Samsung fa un balzo in avanti con il Galaxy S20
Dicembre 2019
Le peggiori password del 2019
Il chip che realizza la crittografia perfetta a prova di hacker
Apple al lavoro sull'iPhone satellitare
Il water inclinato che impedisce ai dipendenti di stare troppo in bagno
Se i poliziotti vendono nel dark web l'accesso alle telecamere di sicurezza
Il preservativo per i dispositivi USB
Il motorino elettrico di Xiaomi che costa come uno smartphone
Il ransomware che riavvia il PC in modalità provvisoria
Il malware fileless che attacca i Mac
Tutti gli Arretrati


web metrics