Mazar, il malware che infetta Android con un SMS

Arriva tramite un messaggio di testo e cancella tutti i dati dello smartphone.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 19-02-2016]

mazar android sms

Si chiama Mazar l'ultima minaccia che pende sul capo degli utenti di Android.

È un malware spietato, che ha il potere di cancellare i dati memorizzati sullo smartphone, di monitorare le attività dell'utente, di effettuare chiamate e di leggere i messaggi di testo presenti sul dispositivo, tutto a discrezione del suo creatore.

È stato scoperto dalla danese Heimdal Security e si diffonde tramite un messaggio di testo, un SMS dall'apparenza innocua.

Il messaggio invita a scaricare quello che dovrebbe essere un contenuto multimediale, e fornisce il link per farlo. Chi è così incosciente da seguire il link si trova invece a scaricare un file .apk e installare una copia di TOR.

La connessione anonima aperta con TOR viene poi utilizzata per scaricare il malware vero e proprio, che consegna al suo creatore le chiavi dello smartphone aprendo una backdoor. Dettaglio curioso: pare che non colpisca i dispositivi la cui lingua di sistema è il russo.

Sondaggio
In che modo salvi informazioni importanti affinché nessuno le possa vedere sul tuo computer?
Salvo tutti i dati più importanti in una cartella protetta da password
Nessuno accede al mio computer
Il mio dispositivo è protetto da una password
I dati più importanti sono protetti da crittografia
Proteggo i miei dati quando presto il computer a un'altra persona
Elimino tutti i dati che non voglio che nessuno veda
Non ho dati importanti da proteggere

Mostra i risultati (1554 voti)
Leggi i commenti (7)

Heimdal Security ritiene che il messaggio sia già stato inviato a oltre 100.000 utenti danesi di Android, ma non è in grado di dire quanti poi siano stati davvero infettati.

Mazar colpisce sicuramente la versione 4.4.4 KitKat di Android e, secondo l'azienda danese, anche le versioni precedenti del sistema, sebbene non siano state direttamente testate.

La situazione è quindi preoccupante, ma non è il caso di farsi prendere dal panico, poiché il modo per evitare di farsi infettare è semplice: evitare di aprire i link contenuti nei messaggi di testo, specialmente (ma non esclusivamente) se provengono da sconosciuti.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Godless è il nuovo malware che infetta Android
Aggiornamenti di sicurezza per Android
Il malware Android virtualmente impossibile da rimuovere
Android troppo insicuro? Colpa dei mancati aggiornamenti

Commenti all'articolo (5)

Come dire: L'auto ti uccide, basta usarla per guidare fino ad un mcdonalds, abboffarsi di cheesburgher e morire per il colesterolo alto!
22-2-2016 11:43

Così dovrebbe essere, se l'installazione di applicazioni da sorgenti sconosciute non è abilitata il SO dovrebbe consentire l'installazione di sole app provenienti dal Google Store... Leggi tutto
21-2-2016 16:54

Il malware non si trasmette via SMS. Io lo considero un Troian.
20-2-2016 19:39

{beppec3}
bravi per aver specificato tutta la procedura per acchiapparsi il malware, e non come si sente di solito in giro che basta aprire la email
20-2-2016 17:11

Non ho provato (e non ci tengo nemmeno a provarlo...), ma se nelle impostazioni non e' attivato "Origini sconosciute" (di default e' disattivato) il sistema operativo non installa app se non provengono dal playstore
20-2-2016 16:11

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Se il telefonino è generalmente personale, spesso il tablet è condiviso in casa. E' così?
Ho un tablet e lo uso solo io.
Ho un tablet e lo condivido con i miei familiari.
Non ho un tablet ma utilizzo quello di un mio familiare.
Non ho un tablet.

Mostra i risultati (1786 voti)
Agosto 2020
Che cosa succede dentro a uno pneumatico quando si viaggia?
Chrome permetterà di modificare le password salvate
Red Hat: Non installate quella patch
Il dispositivo che assorda gli Amazon Echo
Luglio 2020
La vecchia raccolta di Cd e Dvd potrebbe essere in pericolo
5G: come eliminare il 90% delle emissioni
Bloatbox ripulisce Windows 10 dalle app indesiderate
Non coprite quella webcam
Falla nei caricabatterie: telefoni e tablet a rischio incendio
Windows 10, come aggirare il bug che segnala la mancanza di connessione
Windows 10 e l'aggiornamento che risolve tutti i bug
Razzismo: via i termini blacklist, master e slave dal kernel Linux
WindowsFX, la distribuzione Linux per chi vuole lasciare Windows 10
Come disinstallare il nuovo Edge da Windows 10
Iliad diventa operatore di rete fissa
Tutti gli Arretrati


web metrics