Wii U pronta alla pensione? Nintendo smentisce

Il colosso dei videogiochi starebbe per interrompere la produzione e lasciare spazio alla nuova console NX, ma arriva la smentita.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 23-03-2016]

nintendo wii u pensione

Quando uscì, la Wii rivoluzionò l'industria dei videogiochi, ottenendo un successo tale da farle superare, in termini di vendite, sia la PlayStation 3 di Sony che la Xbox 360 di Microsoft.

Con la Wii U Nintendo cercò di ripetere l'operazione, ma senza successo. A tre anni dal lancio, è la meno venduta della console di ottava generazione, e da qualche tempo l'azienda di Kyoto ha fatto sapere di essere al lavoro sul suo successore, provvisoriamente noto come Nintendo NX.

Secondo il sito giapponese Nikkei, Nintendo sarebbe tanto delusa dalla Wii U da aver deciso di chiudere la produzione entro la fine dell'anno fiscale attuale, per poi lanciare finalmente una console di cui andare fieri, possibilmente prima di Natale.

L'affermazione ha sorpreso tutti: se davvero fosse così, la Wii U sarebbe la console con la vita più breve di tutte tra quelle prodotte da Nintendo. Non solo: la NX per ora non ha nemmeno un nome definitivo, e certamente non una data di lancio: difficile che gli sviluppatori riescano a lanciare un prodotto davvero innovativo in così poco tempo.

In effetti, Nintendo ha smentito categoricamente le affermazioni di Nikkei, sostenendo che si tratta soltanto di speculazioni e non di «un annuncio ufficiale dell'azienda», che invece «pianifica di continuare la produzione di Wii U durante il prossimo anno fiscale, e oltre».

Sondaggio
Qual è il risultato corretto di 6/2(1+2) ?
1
9

Mostra i risultati (3548 voti)
Leggi i commenti (34)

Non si possono d'altra parte negare i dati provenienti dal mercato: se nel dicembre 2015 sono state vendute 250.000 Wii U, a gennaio la cifra è stata di appena 40.000. La prima settimana di febbraio ha fatto registrare soltanto 4.000 vendite, segno evidente di un calo continuo che, seppur fisiologico rispetto al periodo natalizio, desta comunque preoccupazione ai piani alti di Nintendo.

Aggiornamento 24 marzo ore 8:00

Nintendo ha smentito le voci circolate nei giorni scorsi con una dichiarazione rilasciata al sito giapponese Itmedia: "Non si tratta di un annuncio proveniente dalla nostra azienda. Nel prossimo trimestre e anche successivamente, la produzione del Wii U continuerà."

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Il declino dell'E3
Il Game Boy compie 25 anni
Nintendo: pirateria e mercato dell'usato ci spaventano
Wii U, Nintendo svela tutti i dettagli

Commenti all'articolo (3)

Non mi sembra poi una gran garanzia che la produzione continuerà anche il prossimo anno, anzi mi sembra che stiano dicendo: "per quest'anno state tranquilli che la produzione continua" e nulla più... :roll: Leggi tutto
26-3-2016 14:47

Come direbbe Tex Willer: "puro vangelo aldolo" =)
25-3-2016 09:32

{aldolo}
se riasciano una patch per craccarla svuotano i magazzini in una settimana
24-3-2016 20:27

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Con quale di queste affermazioni concordi maggiormente?
Il Governo sta facendo troppo poco per portare la banda larga anche nelle zone più remote.
Il Governo riuscirà a migliorare la diffusione della banda larga.
Il Governo vorrebbe fare di più per la diffusione della banda larga, ma mancano le risorse.
Il Governo non sta facendo abbastanza per reperire risorse per la banda larga.
Al Governo non frega nulla della banda larga a meno che qualche lobby o qualche gruppo finanziario o industriale gliela chieda; a quel punto troverà il modo di mettere una nuova tassa ai pensionati o ai lavoratori dipendenti per reperire i fondi.

Mostra i risultati (3335 voti)
Agosto 2020
Windows 10, bloccare la telemetria è una minaccia
Chrome permetterà di modificare le password salvate
Red Hat: Non installate quella patch
Il dispositivo che assorda gli Amazon Echo
Luglio 2020
La vecchia raccolta di Cd e Dvd potrebbe essere in pericolo
5G: come eliminare il 90% delle emissioni
Bloatbox ripulisce Windows 10 dalle app indesiderate
Non coprite quella webcam
Falla nei caricabatterie: telefoni e tablet a rischio incendio
Windows 10, come aggirare il bug che segnala la mancanza di connessione
Windows 10 e l'aggiornamento che risolve tutti i bug
Razzismo: via i termini blacklist, master e slave dal kernel Linux
WindowsFX, la distribuzione Linux per chi vuole lasciare Windows 10
Come disinstallare il nuovo Edge da Windows 10
Iliad diventa operatore di rete fissa
Tutti gli Arretrati


web metrics