5 milioni di multa per aver bypassato la protezione dei film 4K

La somma è stata chiesta da Intel e Warner Bros.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 13-06-2016]

ace deals multa

Aggirare le protezioni dei film negli USA è un reato, per lo meno dai tempi di DVD Jon.

Anche con l'avvento dei Blu-ray e dello streaming le cose non sono cambiate e, anzi, per meglio proteggere i contenuti Intel ha creato il sistema HDCP.

Come tutti i sistemi che l'hanno preceduto, HDCP non è perfetto e, con un po' di fatica, si può aggirarlo. Esistono però alcune aziende che facilitano l'operazione, producendo dispositivi hardware in grado di eseguire copie dei film protetti da HDCP.

Una di queste è la californiana Ace Deal che proprio per questa sua attività è finita nel mirino sia di DCP (la controllata di Intel che gestisce HDCP) sia di Warner Bros.

Messa davanti alle accuse, Ace Deal s'è dichiarata colpevole di aver violato il DMCA (la legge statunitense sul copyright) ma ai due giganti ciò non basta, e pretendono un risarcimento dei danni subiti a causa della vendita di 2.078 dispositivi.

Sondaggio
Quanto sei disposto a pagare per l'acquisto di prodotti per la ''casa intelligente'' nei prossimi 12 mesi?
Fino a 150 euro
Fino a 250 euro
Fino a 500 euro
Fino a 1000 euro
Oltre 1000 euro
Non sono sicuro

Mostra i risultati (903 voti)
Leggi i commenti (7)

Tale risarcimento ammonta a ben 5.250.000 dollari, e la cosa sorprendente è che Ace Deals ha accettato di pagare nonostante ciò significhi indebitarsi sino al collo.

Naturalmente, all'azienda è anche vietato produrre o vendere in futuro dispositivi in grado di bypassare le protezioni DRM.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
La giornata internazionale contro i DRM
Che bella idea, il DRM sulle immagini JPEG
Il festival della musica senza DRM
Craccata la cifratura del Blu-Ray
Violate le protezioni dei contenuti HD

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 7)

...sempre meglio di un DRM all'italiana... :twisted: Leggi tutto
19-6-2016 17:33

{gayon}
@ Gummy Bear Non è così semplice, perché l'italia non sarà solo cinese, ma anche francese (con tutti i soldi che dobbiamo alla Francia...), tedesca (idem), spagnola, egiziana, russa e, in misura minore, di tanti altri. E' un vero casino capirci qualcosa, visto che tutti i personaggi alla guida delle... Leggi tutto
18-6-2016 19:36

I fatti son fatti, ci piaccia o no. E il fatto Ŕ che in questo european caccacommon, i paesi aderenti invece di darsi unitÓ politica (e di tempo ne hanno avuto, io mi sono fatto fare il primo tema scolastico in merito giÓ una settantina d'anni fa) ed economica unificando almeno il sistema bancario, hanno preferito continuare a blaterare... Leggi tutto
15-6-2016 06:24

{aldolo}
geniali questi tizi. adesso potranno vendere sottobanco le loro scoperte a chi vuol piratare industrialmente.
15-6-2016 06:02

no si passerÓ da un drm usa ad uno dei cinesi dalla padella alla brace :D
15-6-2016 00:38

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Una ricerca dell'UniversitÓ di Lund (Svezia) mostra che avere un bambino costa al Pianeta l'emissione di 58,6 tonnellate di CO2 l'anno. In proporzione, si tenga conto che non avere l'auto fa risparmiare 2,4 tonnellate di CO2, l'essere vegani 0,8 tonnellate ed evitare un viaggio aereo 1,6 tonnellate. Lo studio conclude che una famiglia che sceglie di avere un bambino in meno contribuisce alla riduzione di emissioni di CO2 quanto 684 teenager che decidono di adottare un comportamento ecologista per il resto della vita. Cosa ne pensi?
╚ corretto. Far˛ meno figli.
Sono pazzi questi svedesi.

Mostra i risultati (1356 voti)
Settembre 2021
Microsoft cede: Windows 11 si installa anche su hardware incompatibile
Windows 10, l'update di settembre impedisce di stampare
Truffatori scavalcano le difese informatiche nella maniera più semplice
Apple svela gli iPhone “più Pro” di sempre
Ripristinare il vecchio menu Start in Windows 11
Uno spot mette Windows 11 KO
L'auto elettrica di Apple
Microsoft non bloccherà Windows 11 sui PC non supportati
Windows 11, svelata la data di lancio
Agosto 2021
La barra di Windows 11 è di proposito peggiore di quella di Windows 10
Violati i server TIM, password degli utenti a rischio
Windows 11, disponibile la prima ISO ufficiale
Microsoft: disabilitate il sistema di stampa di Windows (di nuovo)
Google taglia gli stipendi a chi sceglie il telelavoro
Gli iPhone scansioneranno tutte le foto alla ricerca di pedopornografia
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 26 settembre


web metrics