Tutti i libri mai scritti in un francobollo

All'hard drive più piccolo del mondo basta un atomo per codificare un bit.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 20-07-2016]

hard drive atomico delft

Un solo atomo per codificare un bit: è questo l'incredibile traguardo che alcuni ricercatori dell'Università di Delft sono riusciti a raggiungere.

«Ogni giorno, nel mondo si creano nuovi dati per un totale di oltre un miliardo di Gigabyte» scrivono gli scienziati che, di fronte a una produzione tanto imponente, hanno deciso di trovare un modo per far stare il maggior quantitativo di informazioni nel minor spazio possibile. L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
Quali sono i principali ostacoli che ti frenano nell'acquisto di prodotti per una smart home?
Non ne capisco molto di prodotti per la domotica.
Semplicemente non sono interessato a comprare prodotti per la domotica.
Non vedo molti benefici dai prodotti per la domotica.
I prodotti per la domotica sono troppo costosi.
Non ho mai visto un prodotto per la domotica in negozio.
Non ho mai visto un prodotto per la domotica online.

Mostra i risultati (1201 voti)
Leggi i commenti (17)
Hanno così creato un hard drive che funziona a livello atomico. «Ogni bit consiste di due posizioni su una superficie di atomi di rame e un atomo di cloro che possiamo far scivolare avanti e indietro tra queste due posizioni» spiega Sander Otte, uno dei ricercatori.

«Se l'atomo di cloro» - continua Otte - «si trova nella posizione superiore, allora sotto c'è un buco, e chiamiamo questo stato 1. Se il buco è nella posizione superiore e l'atomo di cloro è quindi sotto, allora il bit vale 0».

Il sistema ideato a Delft è organizzato in blocchi da 8 byte, ognuno dei quali ha un indicatore che contiene le informazioni sulle posizioni dei blocchi sullo strato di rame. Indica anche l'eventualità che un blocco sia danneggiato.

atomic storage ani

Con questa tecnica, si possono conservare 500 Terabit di dati per pollice quadrato; per fare un confronto, i moderni hard disk da 4 Tbyte hanno una densità di 1 Terabit per pollice quadrato, dato che usano centinaia di atomi per ogni singolo bit e non un atomo soltanto.

«In teoria» - commenta Otte - «questa densità permetterebbe di contenere tutti i libri mai scritti dagli esseri umani nello spazio di un solo francobollo».

block code

Non aspettiamoci però di vedere presto sul mercato drive grandi quanto un'unghia e che offrono uno spazio tanto vasto da bastare per tutta la vita: al momento, la tecnica ideata a Delft funziona soltanto in laboratorio.

La matrice di rame e cloro è infatti stabile soltanto nel vuoto e a una temperatura costante di 77 kelvin (-196 gradi Celsius); qualunque variazione di temperatura rovina l'allineamento degli atomi.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (3)

:lol:
10-6-2021 15:50

Ma se non stati "mai scritti" come fai a digitalizzarli?
10-6-2021 15:01

Ma se non stati "mai scritti" come fai a digitalizzarli?
10-6-2021 15:01

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
L'Italia e gli italiani sono pronti per il (video)gioco online?
I giocatori sarebbero anche pronti, ma il problema è il digital divide. Senza una connessione broadband il gioco online è una chimera.
In Italia più che in altri paesi ha ampia diffusione la pirateria. Il fatto che buona parte dei giocatori utilizzi prodotti contraffatti limiterà la crescita dell'online gaming.
Barriere linguistiche e ritardi nella diffusione di giochi e tecnologie online ci hanno penalizzato nel passato, ma oggi le possibilità di sviluppo sono rosee.
Non ci sono barriere tecniche, ma solo culturali. Il videogioco è tradizionalmente visto come un prodotto da fruire individualmente o in compagnia di amici.
La comunità di giocatori online italiana non ha nulla da invidiare per qualità e quantità a quelle degli altri paesi.

Mostra i risultati (779 voti)
Agosto 2022
Microsoft avvisa: attenzione all'aggiornamento KB501270
WhatsApp, arriva il blocco degli screenshot
Le chiavi dell'auto? Al sicuro nel microonde
Intel, 5 miliardi per costruire uno stabilimento in Italia
E Spot prese il fucile
Gmail, la nuova interfaccia adesso è per tutti
Luglio 2022
Istruzioni per il voto: la busta
Il Tribunale di Milano ordina a Cloudflare di censurare tre siti
Microsoft, un nuovo Windows ogni tre anni
TIM: 9.000 esuberi e un ultimatum al Governo
L'algoritmo che predice i crimini con una settimana d'anticipo
Alexa fa parlare i morti
Giugno 2022
Tesla e la batteria che dura 100 anni
Cosa succede alle password se cambio o perdo il mio dispositivo?
Il sistema operativo open source che ridà vita ai vecchi smartphone
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 19 agosto


web metrics