Cyberbullismo, tentano di nuovo di imbavagliare il Web

La protezione dei minori è il cavallo di Troia per limitare la libertà d'espressione.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 12-08-2016]

cyberbullismo imbavagliare internet

È inutile: periodicamente ci ritentano, da destra e da sinistra, tutte le forze politiche, questa volta con l'unica eccezione dei deputati del Movimento 5 Stelle.

L'occasione per riprovare a imbavagliare Internet è il disegno di legge in discussione alla Camera (attualmente in pausa per le ferie: riprenderà il 12 settembre) che dovrebbe riguardare soltanto il fenomeno della prevenzione e della repressione del cyberbullismo su minori, bambini e adolescenti.

Nonostante la portata relativamente limitata della proposta, la discussione si sta allargando fino a diventare l'occasione per introdurre nuove norme che limitino pesantemente la libertà di opinione e di espressione nel Web.

Lo scorso 27 luglio il Senato aveva approvato una norma per la tutela dei minori in Internet. Tale testo è però già stato completamente stravolto.

Tra i vari emendamenti approvati spicca in particolare questo (entrato a far parte dell'articolo 2bis): «Ai fini della presente legge, con il termine "cyberbullismo" si intende qualunque comportamento o atto, anche non reiterato, rientrante fra quelli indicati al comma 2 e perpetrato attraverso l'utilizzo della rete telefonica, della rete Internet, della messaggistica istantanea, di social network o altre piattaforme telematiche».

«Per cyberbullismo si intendono, inoltre, la realizzazione, la pubblicazione e la diffusione online attraverso la rete Internet, chat-room, blog o forum, di immagini, registrazioni audio o video o altri contenuti multimediali effettuate allo scopo di offendere l'onore, il decoro e la reputazione di una o più vittime, nonché il furto di identità e la sostituzione di persona operate mediante mezzi informatici e rete telematica al fine di acquisire e manipolare dati personali, nonché pubblicare informazioni lesive dell'onore, del decoro e della reputazione della vittima».

Dove sta il problema? Nel fatto che sono spariti i riferimenti ai minori, che permettevano di delimitare l'ambito di applicazione della norma.

Sondaggio
Cosa fai quanto ricevi una richiesta d'amicizia da una persona che non conosci?
Di solito accetto tutte le richieste d'amicizia. Più amici ho, meglio è
Accetto l'amicizia solo di persone con cui ho conoscenze in comune
Sui social, aggiungo come amici solo le persone che conosco personalmente

Mostra i risultati (788 voti)
Leggi i commenti (9)

In base alla nuova e attuale stesura qualsiasi attività, anche isolata (e quindi effettuata anche una sola volta) e compiuta nel web da cittadini di qualunque età, dà la possibilità a chiunque di ordinare la cancellazione di un contenuto. Ciò inoltre avviene non tramite l'intervento di un magistrato ma attraverso quello del Garante della privacy, autorità indipendente ma di nomina politica, e dunque strettamente legata alla maggioranza politica di quel momento.

Le pene stabilite dalla legge in discussione, oltre alla rimozione e all'oscuramento dei contenuti, prevedono addirittura una pena detentiva fino a sei anni.

In pratica chiunque operi qualche attività di critica sui social network, attraverso blog o testate telematiche può incorrere nella rimozione del contenuto (sia esso un articolo, un messaggio, una foto e via di seguito) e rischia anche di veder bloccato il sito sul quale il contenuto è apparso.

A tutto ciò si aggiungono anche delle sanzioni penali pesanti proprio nel momento in cui si vuole depenalizzare il reato di diffamazione a mezzo stampa.

Il periodo ormai vacanziero impedisce una reale mobilitazione della Rete contro il provvedimento, ancora in iter legislativo e quindi suscettibile di tutte le modifiche possibili e auspicabili; speriamo che tale mobilitazione si verifichi al momento in cui a settembre riprenderà la discussione alla Camera.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Approfondimenti
Cyberbullismo, il Parlamento sta snaturando la legge
Da Alfano una stretta alla libertà del Web
Arriva il codice di autoregolamentazione contro il cyberbullismo
Pene più severe per furto di identità digitale e cyberbullismo
Il ddl Carlucci approda in Parlamento

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 10)

@Maary79 Chiaro il tuo pensiero, ci tenevo solo a chiarire meglio il mio punto di vista "complottista" che però, a mio giudizio, è più realista che complottista. :wink:
19-8-2016 14:41

Sorry Gladiator, con "lascio agli altri le tesi complottiste" intendevo che non avevo nulla da aggiungere a ciò che è stato già detto giustamente dagli altri. Anche se capisco la buona fede di Sbazaars, che cerca di vedere il lato positivo della cosa, l'utilità, e l'interesse che ne avrebbero le persone vittime di cyberbullismo.
19-8-2016 00:36

Vedi Maary la tesi "complottista" nasce dal fatto che, come sottolinei anche tu, le leggi esistono già ed è sufficiente farle applicare per contrastare il fenomeno però si pensa sempre a scriverne di nuove, magari evitando di farle chiare e semplici, in modo poi da lasciare ampi margini di interpretazione adeguabili alla... Leggi tutto
18-8-2016 18:37

Sono d'accordo. Ma penso che questa legge sia tutto sommato inutile, se non pericolosa (lascio agli altri le tesi complottistiche). Le leggi ci sono già. Basta applicare quelle già esistenti e non che il governo perda tempo per queste cose. Il bullismo, da cui deriva il cyberbullismo, sono fenomeni che sono sempre esistiti, ma le leggi... Leggi tutto
18-8-2016 16:08

{gortoz}
La repressione della libertà di espressione e la limitazione dei diritti, insieme al transito obbligato attraverso lo Stato per ogni cosa che rguarda la vita sociale, non ha bisogno di complotti: è una necessità di tutti coloro che governano, da sempre. E' difficilissimo, forse impossibile, governare un Paese... Leggi tutto
14-8-2016 23:16

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News (P.Iva 06584100967). Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Completa la frase con quella che ritieni più opportuna, oppure aggiungi una risposta nei commenti. Secondo te, il networking online attraverso i siti social...
Serve a costruirsi un'efficiente rete professionale.
E' particolarmente utile per cercare opportunità di lavoro.
Serve a comunicare la qualità di saper lavorare in team.
E' un'opportunità che sfruttano soprattutto i più giovani.
Elimina le barriere geografiche.
Accorcia le distanze tra amici e famigliari.
Serve a tenersi sempre aggiornati.
Permette di stabilire relazioni rilevanti.
E' lo strumento per eccellenza per creare solide relazioni professionali.
Consente di comunicare i propri successi lavorativi.
E' utile per chiedere una raccomandazione.

Mostra i risultati (709 voti)
Ottobre 2017
Ceo di GitHub: i programmatori sono condannati all'estinzione
Il ransomware per Android che blocca lo smartphone due volte
Il falso Adblock che ha ingannato decine di migliaia di utenti
Windows Media Player sparisce da Windows 10
Disqus violato, rubati i dati di 17,5 milioni di utenti
Il caso dell'iPhone 8 che si gonfia mentre è in carica
Gli auricolari di Google che traducono le conversazioni in tempo reale
La falla in Windows Defender che a Microsoft non interessa
Con un salto quantico, Firefox diventa più veloce di Chrome
Settembre 2017
Internet Explorer spiffera quel che digitiamo nella barra
Windows, gli ultimi aggiornamenti bloccano gli account utente
Violazione di CCleaner, guai più gravi del previsto
Il primo smartphone con Linux davvero libero
Falla nel Bluetooth, vulnerabili 5 miliardi di dispositivi
Se il robot sessuale diventa un terminator
Tutti gli Arretrati


web metrics