Microsoft si fa sfuggire le chiavi del Secure Boot

La Golden Key consente di sbloccare i tablet e i PC con Windows 10.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 12-08-2016]

goldenkey microsoft

Secure Boot è un nome che porta in sé una promessa impegnativa: grazie a esso, all'avvio del computer soltanto software autorizzato può venire eseguito, impedendo in tal modo che qualche programma indesiderato acquisisca il controllo della macchina.

Ciò avviene in particolare nei prodotti Microsoft che montano Windows 8.1 e successivi (tablet con processori ARM e Windows Phone in primis): per evitare l'installazione di altri sistemi operativi non certificati il gigante di Redmond ha preteso dai produttori di hardware l'attivazione del Secure Boot.

Tutto ciò dovrebbe rappresentare una misura di sicurezza in più per gli utenti e certamente costituisce, come fa notare la Free Software Foundation Europe, una limitazione delle loro libertà: sacrificare la seconda per la prima è un prezzo che molti sono però disposti a pagare, a patto che la millantata sicurezza sia garantita per davvero.

Per usi interni, Microsoft ha poi creato delle golden key, delle policy che disabilitano la verifica delle firme del sistema operativo: l'uso di queste "chiavi" doveva essere strettamente legato alle operazioni di test e debug e per nessuna ragione esse sarebbero dovute diventare pubbliche.

Invece è successo: le golden key di Secure Boot, in pratica i "certificati" che permettono di autorizzare l'esecuzione dei software, sono finiti in Rete e diventati pubblici, mostrando così l'intrinseca insicurezza di un sistema per il quale esiste una chiave universale che lo sblocchi.

Tecnicamente, le chiavi non sono "chiavi" nel senso in cui possiamo intenderle pensando a quelle, per esempio, che si usano per cifrare le email o firmare i file binari, ma sono piuttosto delle policy che intervengono sui processi eseguiti dallo UEFI al boot. Qualunque sia la natura delle golden key, tuttavia, se vengono rubate il risultato è lo stesso.

Chiunque possieda queste chiavi può aggirare le protezioni apposte da Microsoft: da un lato, ciò permette di installare liberamente qualunque operativo sui dispositivi dotati di Secure Boot, come i tablet Surface, ma dall'altro consente a qualsiasi hacker di creare rootkit e bootkit che prendono il controllo della macchina sin dal suo avvio.

Sondaggio
Il file di cui hai bisogno si trova su di un sito di file-sharing. Quando clicchi per scaricarlo, hai l'opzione di effettuare il download a velocità normale o di provare gratis il download ad alta velocità. Quale opzione scegli?
Utilizzo l'opzione velocità normale
Perché aspettare? Vado per l'opzione ad alta velocità
Scarico il file da un'altra fonte
Non uso questo genere di siti Internet

Mostra i risultati (1710 voti)
Leggi i commenti (4)

L'intera vicenda dimostra quanto sia pessima l'idea di creare dispositivi sicuri che però possono essere violati da chi possegga la golden key: in pratica, è la demolizione della richiesta fatta dall'FBI a Apple qualche tempo fa, ossia di fornire una chiave universale per decifrare la crittografia degli iPhone.

Gli hacker che hanno scoperto il problema parlano esplicitamente di backdoor riferendosi alle golden key che Microsoft ha voluto creare per i propri prodotti: in effetti, il funzionamento non è concettualmente diverso, e l'unica differenza sta nel fatto che questa backdoor è presente sin dal progetto.

Anche il modo in cui le golden key sono diventate pubbliche è imbarazzante: sono state scovate in un dispositivo tranquillamente in vendita, dimenticate per errore come parte di uno strumento di debug.

Per Microsoft, ora il problema è venire a capo del guaio. Da Redmond sono già arrivate due patch che però non sono sufficienti per chiudere definitivamente la backdoor e, secondo i ricercatori che hanno scoperto la falla, «in pratica per Microsoft è impossibile revocare ogni bootmgr prima di un dato momento, dato che così facendo renderebbe inutilizzabili i supporti per l'installazione, le partizioni di ripristino, i backup e via di seguito». In sostanza, c'è tutta una serie di prodotti che non potranno mai essere resi sicuri.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Bios, dal 2020 gli diremo addio
Perché Apple va contro l'FBI sull'anti terrorismo?
Windows 8, Microsoft vuole il diritto di bloccare i PC

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 8)

Il primo PC dove installati Linux, che ho tutt'ora, un Athlon XP del 2002 aveva un opzione simile secure boot. Un antivirus della Trend Micro sul bios che mi impediva l'avvio di Linux (e anche del GRUB). PC inutilizzabile, finché non ho disabilitato quell'opzione sul BIOS. Lo stesso XP (in dual boot) ovviamente non poteva avviarsi. ... Leggi tutto
18-8-2016 15:33

L'intero universo "hacktivist" ha lottato a lungo contro questa tecnologia negli anni passati. Lo ha fatto con ogni mezzo e sin dalla sua prima apparizione. Questa vulnerabilità, infatti, era già stata messa sotto la luce dei riflettori negli anni '90, quando si è cominciato a parlare di queste tecnologie. Come era ovvio, ciò... Leggi tutto
17-8-2016 08:59

Che M$ utilizzi tutti i mezzi a sua disposizione, leciti ed illeciti, per limitare la concorrenza di altri SO e SW e per contribuire e alimentare la profilazione degli utenti è evidente ma, ancora una volta, hanno dimostrato di non essere in grado di farlo se non in modo grossolano e puerile... oppure ci nascondono qualcos'altro... :?
16-8-2016 17:15

{gianca}
Secure Boot, dietro la millantata sicurezza aggiuntiva, è un sistema per limitare la concorrenza di Linux, BSD e compagnia, oltre che per contribuire a profilare e individuare con certezza ogni singolo utente. Non ha funzionato già prima di questa scoperta (sospetta di per sé). La 'fortuna' è che M$,... Leggi tutto
14-8-2016 23:28

Il fatto che siano state scovate su un dispositivo in vendita proprio da qualcuno che era in grado di capire cosa fossero e come usarle fa pensare che non se le siano dimenticate su un solo dispositivo ma su parecchi - e in questo caso sono sltate fuori - oppure la stanno raccontando per mascherare qualcos'altro... :roll: Leggi tutto
14-8-2016 15:19

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Cosa utilizzi per inviare messaggi privati?
Uso varie applicazioni su qualsiasi dispositivo disponibile
Uso varie applicazioni sui miei dispositivi
Uso solo applicazioni affidabili su dispositivi di fiducia
Non invio messaggi privati online

Mostra i risultati (862 voti)
Marzo 2020
La truffa della chiavetta Usb che arriva per posta
Windows 10, Pannello di Controllo verso la pensione
Windows 10, in un video un assaggio delle novità
Cellulari, app e privacy ai tempi della pandemia
Coronavirus Challenge, leccare una toilette per notorietà
Windows 10, patch di emergenza per evitare il nuovo WannaCry
L'open source contro il coronavirus
Windows 10, l'update KB4535996 mina le prestazioni
L'Unione Europea vuole un proprio sistema operativo
Addio, Dada.it
Febbraio 2020
Smartphone, la UE rivuole le batterie rimovibili
Il ransomware che prende di mira gli italiani
Il browser per navigare sempre in incognito
Equo compenso, raffica di aumenti per Pc, smartphone e schede Sd
Come provare Windows 10X in anteprima, gratis
Tutti gli Arretrati


web metrics