Google Allo, troppo poco troppo tardi?

Alternative a WhatsApp.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 11-10-2016]

allo

Un ascoltatore del Disinformatico radiofonico mi ha chiesto un parere su Google Allo (per Android e iOS), la recente app di messaggistica che dovrebbe essere la risposta di Google allo strapotere di WhatsApp. In sintesi: troppo poco, troppo tardi, anche se le chicche interessanti non mancano.

Le somiglianze con WhatsApp sono davvero notevoli, al limite del plagio, per cui usare Allo per chi già usa l'app di Zuckerberg non è un problema. L'autenticazione si basa esclusivamente sul numero di telefonino, per cui non è obbligatorio associare Allo al vostro account Google.

Sono molto utili le risposte preconfezionate, che imparano dal vostro stile di scrittura, e i suggerimenti automatici in base al contesto: se per esempio state chattando di andare a mangiar fuori, Allo propone i nomi e gli orari dei ristoranti più vicini (senza dover uscire dall'app per cercarli e poi rientrare nell'app per copiaincollarli).

L'invio di messaggi di testo semplice da Allo a chi non ha Allo è molto allettante: se il destinatario ha un iPhone, i messaggi vengono convertiti in SMS tradizionali; se ha un Android, riceve una notifica che sembra un'anteprima di Allo. Ma in entrambi i casi i messaggi arrivano da numeri brevi, non dal vostro numero, e chi li riceve può sapere che li avete mandati voi soltanto perché Allo inizia il messaggio scrivendo il vostro nome.

Non c'è, però, la possibilità di usare Allo su più di un dispositivo o su computer o su tablet (se non ha una SIM), e soprattutto le conversazioni normali non sono cifrate end-to-end (da quando escono dal dispositivo a quando arrivano al destinatario) come quelle di WhatsApp ma sono leggibili da Google: devono esserlo per poter fornire i suggerimenti contestuali. Per fare una conversazione cifrata con Allo è necessario utilizzare la modalità Incognito, che però conserva comunque sul dispositivo un archivio della conversazione.

Sondaggio
Che cosa utilizzi prevalentemente per la posta elettronica?
Una webmail
Un client di posta
Entrambi

Mostra i risultati (2682 voti)
Leggi i commenti

Questo, nota per esempio la Electronic Frontier Foundation, è un brutto modo di usare la cifratura, perché fa risaltare i messaggi sensibili (che sono cifrati) rispetto alle conversazioni normali (che sono in chiaro), mentre WhatsApp e altri applicazioni di messaggistica cifrano tutto, in modo che le conversazioni da proteggere si perdono nel mare di messaggi innocui perché sono tutte cifrate allo stesso modo.

Ma il limite principale di Allo è che arriva troppo tardi: è inutile usare un'app di messaggistica se non la usa nessun altro dei nostri amici, e ormai quasi tutti gli utenti sono su WhatsApp o Telegram, nel bene e nel male.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
 

Paolo Attivissimo

(C) by Paolo Attivissimo - www.attivissimo.net.
Distribuzione libera, purché sia inclusa la presente dicitura.

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 6)

Per ovvi motivi: ognuno spinge la propria piattaforma e cerca di scalzare le altre, in fondo il loro interesse primario fare soldi non semplificarci la vita... Leggi tutto
16-10-2016 18:15

Infatti e' cosi'. Google ha pasticciato non spingendo abbastanza Hangout che gia' esiste e che fa gia' messaggi e videochiamate mentre ora sdoppia con Allo e Duo, alla fine Hangout e' destinato alla chiusura, ma era comunque inutile lanciare ora applicazioni di messaggistica simili a quelle esistenti, non e' che uno puo' installarla... Leggi tutto
12-10-2016 20:20

Mi sembra di essere tornato a quando avevo 13 anni e il mio operatore mi dava gli SMS gratis verso gli amici con lo stesso operatore. Quindi andavo prima a controllare il numero e poi inviavo l'sms...che stress... Leggi tutto
12-10-2016 15:18

{linares}
@zero ...è una bella idea, in effetti, anche se non sembra tenuta molto in considerazione dai gestori delle varie piattaforme...
12-10-2016 14:25

linares, piu' che una metachat, si deve stabilire uno standard (e' un pezzo che lo sostengo). Come d'altronde succede con l'email ed altri servizi. Pensa che bailame se, prima di spedire un'email, ti dovessi preoccupare di cosa usa il destinatario.
11-10-2016 17:27

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Confessa. Hai mai acquistato un farmaco online?
Assolutamente no, un reato.
Fossi matto! E' un rischio per la salute.
Non si dovrebbe... ma lo ammetto, qualche volta successo.
Lo faccio abitualmente anche se contro la legge o pericoloso.

Mostra i risultati (3541 voti)
Febbraio 2020
Il primo smartphone con Windows 10
Equo compenso, raffica di aumenti per Pc, smartphone e schede Sd
Come provare Windows 10X in anteprima, gratis
Windows 10, la patch causa più problemi di quelli che risolve
Gennaio 2020
Mummia di 3.000 anni torna a parlare
Microsoft per pietà aggiorna Windows 7
Agcom, due milioni di multa per Tim, Vodafone e Wind Tre
Windows 10: e adesso la pubblicità
Batterie al grafene, ormai ci siamo
Edge è morto, viva Edge (Chromium)
Il giorno della morte di Windows 7
The New Facebook, il social network cambia pelle
Samsung fa un balzo in avanti con il Galaxy S20
Dicembre 2019
Le peggiori password del 2019
Il chip che realizza la crittografia perfetta a prova di hacker
Tutti gli Arretrati


web metrics