Con il 5G scaricheremo a 20 Gbit/s

Navigheremo velocissimi, senza interruzioni del servizio e con una latenza praticamente inesistente.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 26-02-2017]

5G 20 gbps

Qua e là gli operatori mobili stanno iniziando a suggerire che la connettività 4G è ormai "roba vecchia" ed è tempo di soppiantarla con una rete con prestazioni superiori.

L'ovvio successore del 4G-LTE si chiama 5G, ma non è ancora uno standard definito: ciò avverrà soltanto il prossimo novembre.

Sebbene quindi manchino ancora mesi all'ufficializzazione del nuovo standard, l'Unione Internazionale delle Comunicazioni ha già stabilito (seppure come bozza) quali siano le specifiche delle reti 5G, indicando i requisiti e le prestazioni che gli utenti possono aspettarsi.

In base a tali specifiche, ogni cella deve fornire una velocità di connessione di almeno 20 Gbit/s in download e 10 Gbit/s in upload, ovviamente da dividere tra tutti gli utenti che usano quella specifica cella.

L'ITU si è occupata anche di questo aspetto, indicando che ogni chilometro quadrato coperto dalla rete 5G deve essere in grado di supportare la connessione di almeno 1 milione di dispositivi: può sembrare un numero molto elevato, ma è stato scelto in previsione dell'era della Internet delle Cose, in cui pressoché ogni oggetto sarà connesso alla Rete.

La connettività mobile di quinta generazione deve anche essere in grado di offrire connessioni stabili a quanti si spostano, sia che ciò avvenga a piedi, in auto, in treno o con qualsiasi altro mezzo (escludendo ovviamente gli aerei).

Per l'ITU è necessario che sia garantita la connessione anche se si viaggia a una velocità sino a 500 km/h, realizzando le celle in previsione dei bisogni dei suoi utenti.

Per esempio, una stazione base costruita nel centro di una città potrà fare a meno di supportare la connessione di dispositivi che si spostano a centinaia di chilometri orari, mentre invece quelle il cui segnale copre anche le ferrovie dovranno essere attrezzate.

Sondaggio
Quale stanza renderesti più smart per prima?
La camera da letto
La cucina
Il bagno / lavanderia
La sala

Mostra i risultati (843 voti)
Leggi i commenti (4)

Altre indicazioni che i dispositivi 5G dovranno rispettare sarà la capacità di funzionare in modalità "a basso consumo" quando non vengono adoperati. Inoltre, la latenza massima in condizioni ideali dovrà scendere dai 20 ms di LTE a soli 4 ms. Per le comunicazioni ultra affidabili a bassa latenza (URLLC) sarà inoltre necessario rispettare un limite pari a 1 ms.

Infine, al di là delle indicazioni circa le prestazioni massime delle singole celle fornite più sopra, le specifiche 5G indicano una velocità di download per ogni utente pari almeno a 100 Mbit/s, e una velocità di upload di 50 Mbit/s.

Vengono inoltre fornite indicazioni circa l'affidabilità, come la necessità di garantire che ogni pacchetto raggiunga la stazione base in 1 ms e che il passaggio da cella a cella sia istantaneo, senza interruzioni del servizio.

Secondo i piani dell'ITU, l'approvazione definitiva di novembre dovrà essere seguita dalla stesura dei piani che permetteranno di realizzare in pratica quanto indicato dalle specifiche, mentre lo sviluppo vero e proprio delle reti 5G avverrà a partire dal 2020.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Intel svela i portatili con connettività 5G e velocità fino a 1 Gbit/s
UE, 100 Mbit/s e Wi-Fi gratuito per tutti
Reti 5G, più veloci della fibra
Samsung sperimenta la rete mobile 5G a 7,5 Gigabit/s
Europa e Sud Corea collaborano per il 5G
Samsung annuncia il 5G a 1 Gbps
L'Europa investe 50 milioni di euro nella tecnologia 5G

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 6)

Giusta considerazione il "terzo fenomeno" di Zio_LoneWolf...
6-3-2017 19:13

In teoria, sì. In realtà, c'è da fare i conti con tre fenomeni: i dati "pompati" dai cellulari da e per la stazione fissa da qualche parte devono andare, dalla stazione viaggiano sulle dorsali terrestri e quelle sono piene; coi contratti attuali, in un paio di minuti ti sei "fumato" tutto il traffico mensile, e da... Leggi tutto
28-2-2017 09:32

Non metto in dubbio l'affermazione, ma IMHO occorre considerare anche altri dati; p.es. che molte malattie, che solo poche decine di anni fa portavano alla morte, oggi si possono curare; di conseguenza le malattie mortali sono diminuite (una di quelle è il tumore) Leggi tutto
27-2-2017 19:36

Quindi in una zona affollata, i 20GB potrebbero essere divisi fra un centinaio di utenti, e la velocità abbassata a 200Mbit/s Leggi tutto
27-2-2017 16:13

{cartas}
@Vincenzo Non ti preoccupare per l'inquinamento. Se giri sui forum scoprirai che la metà deigli scriventi è trumpiana: l'inquinamento non esiste, e se esiste arriva da qualche altra parte, qualunque argomento si consideri. Poco prima di morire, Umberto Veronesi aveva detto che la gente 100 anni fa moriva di tumore... Leggi tutto
27-2-2017 11:15

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
L'Italia e gli italiani sono pronti per il (video)gioco online?
I giocatori sarebbero anche pronti, ma il problema è il digital divide. Senza una connessione broadband il gioco online è una chimera.
In Italia più che in altri paesi ha ampia diffusione la pirateria. Il fatto che buona parte dei giocatori utilizzi prodotti contraffatti limiterà la crescita dell'online gaming.
Barriere linguistiche e ritardi nella diffusione di giochi e tecnologie online ci hanno penalizzato nel passato, ma oggi le possibilità di sviluppo sono rosee.
Non ci sono barriere tecniche, ma solo culturali. Il videogioco è tradizionalmente visto come un prodotto da fruire individualmente o in compagnia di amici.
La comunità di giocatori online italiana non ha nulla da invidiare per qualità e quantità a quelle degli altri paesi.

Mostra i risultati (707 voti)
Gennaio 2020
Cooler Master: addio siringhe, ma la pasta termica non è una droga
Edge è morto, viva Edge (Chromium)
Il giorno della morte di Windows 7
The New Facebook, il social network cambia pelle
Samsung fa un balzo in avanti con il Galaxy S20
Dicembre 2019
Le peggiori password del 2019
Il chip che realizza la crittografia perfetta a prova di hacker
Apple al lavoro sull'iPhone satellitare
Il water inclinato che impedisce ai dipendenti di stare troppo in bagno
Se i poliziotti vendono nel dark web l'accesso alle telecamere di sicurezza
Il preservativo per i dispositivi USB
Il motorino elettrico di Xiaomi che costa come uno smartphone
Il ransomware che riavvia il PC in modalità provvisoria
Il malware fileless che attacca i Mac
Il software per ricevere gli update di Windows 7 senza pagare
Tutti gli Arretrati


web metrics