5 consigli per i brand che vogliono proteggersi online



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 27-06-2017]

brand

I giornali riportano una previsione di crescita dell'e-commerce quest'anno che nel nostro paese si aggirerà intorno al 20%, raggiungendo il valore di 23,4 miliardi di euro. Il numero degli acquirenti online è cresciuto dal 2014 al 2016 del 26% pari a quasi 21 milioni, di cui 16 milioni che si definiscono ormai clienti abituali delle vetrine online.

A causa dell'enorme successo e diffusione dei canali digitali, anche i contraffattori stanno evolvendo le loro tecniche per trarre vantaggio dalla situazione e ingannare i consumatori che possono acquistare inconsapevolmente prodotti contraffatti o subire il furto dei dati personali.

Tra le varie tecniche utilizzate dai truffatori, l'impersonificazione del brand è una delle più diffuse e nessun settore ne è immune. Dalla pirateria musicale ai film, alle truffe sui viaggi, farmaci falsi, parti di automobili, abbigliamento e accessori, tutto può essere sfruttato.

I contraffattori possono utilizzare i contenuti e le immagini dei siti originali, URL che appaiono autentici ma non lo sono (pratica conosciuta come cybersquatting) e impiegare altre tecniche che mirano ad appropriarsi del traffico web. In questo modo, gli impostori possono facilmente dirottare il traffico del marchio, ingannando sia i consumatori che le aziende.

Per i brand questo si traduce in una perdita di traffico web, ricavi e fedeltà dei clienti.

Iniziative come il Crazy Web Shopping, la "notte bianca dell'e-commerce" che si è tenuta il 22 e 23 giugno, hanno visto l'utilizzo sui siti delle aziende partecipanti del sigillo Netcomm che garantisce sicurezza e un'esperienza di acquisto di qualità per i consumatori.

Sondaggio
Utilizzi i motori di ricerca soprattutto per approfondire quello che hai...
... letto sui social network
... sentito alla radio
... ricevuto sul cellulare (Sms/Mms)
... letto su giornali o riviste
... visto in Tv
... visto per strada
... passaparola

Mostra i risultati (1071 voti)
Leggi i commenti (6)

Sfortunatamente acquistare online non è sempre così semplice e sicuro.

MarkMonitor, azienda specializzata nella protezione del brand online, ha stilato una lista di semplici consigli per i brand per aiutarli a non essere vittima delle azioni fraudolente da parte dei contraffattori e criminali informatici.

1) Monitorare e proteggere il traffico web, impedendo ai contraffattori di intercettarlo. Questa pratica può avere un impatto considerevole sui ricavi dell'azienda, per questo motivo intraprendere misure proattive in modo che i potenziali clienti non siano indotti a visitare siti web fraudolenti e a comprare prodotti contraffatti che pretendo di essere genuini è di vitale importanza.

2) Assicurarsi che i distributori, gli affiliati, i franchisee e in sostanza tutti i partner commerciali del brand che attirano il traffico online e generano entrate indirette rispettino le linee guida del brand. La percezione del brand deve essere coerente su tutti i canali.

3) Gestire correttamente il portafoglio dei domini. Le aziende dovrebbero massimizzare il valore del loro portafoglio esistente attraverso la riorganizzazione del portafoglio e l'utilizzo dei domini. Ciò significa revisionare il portafoglio una volta all'anno per identificare le lacune nelle registrazioni, e verificare la presenza di registrazioni out-of-policy, i domini non utilizzati e quelli legacy che consumano inutilmente il budget dell'azienda.

4) Mantenere la reputazione del brand su tutti i canali digitali, compresi social e mobile. La diffusione di questi canali ha portato anche a un aumento delle minacce, tra cui l'impersonificazione del brand e la vendita di prodotti contraffatti attraverso profili o applicazioni non autorizzate.

5) Monitorare il Deep Web. Le aziende devono monitorare ciò che accade in queste zone oscure di internet, utilizzate dai criminali informatici per vendere prodotti contraffatti, rubare i dati personali degli utenti e diffondere malware.

I consumatori possono essere attirati nel Deep Web a causa di spam e pubblicità fraudolente, o da nomi di dominio compromessi da cybersquatting. Una buona strategia di protezione del brand online deve assolutamente includere il monitoraggio e il controllo di queste aree del web per garantire la massima sicurezza.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Fa causa alla Francia per cybersquatting perché gli ha soffiato France.com

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual il maggior problema tra questi?
La gente comune non capisce molto di scienza.
La stampa e i media non mettono in risalto le scoperte veramente importanti.
La stampa e i media semplificano troppo le scoperte scientifiche.
La gente comune si aspetta soluzioni semplici e veloci.

Mostra i risultati (1803 voti)
Ottobre 2020
Windows 10, Microsoft si prepara a rivoluzionare l'interfaccia
Windows 10 elimina la schermata Sistema, un trucco la riporta in vita
L'app che “spoglia” le donne: garante privacy apre istruttoria
Gasolio addio, FS vuole i treni a idrogeno
Windows 10, guai a catena dopo l'ultimo aggiornamento
Windows 10, Pc riavviati a forza per installare le web app di Office
Quel motivetto che hai in testa? Se lo fischietti, Google lo indovina
YouTube pronta a far guerra ad Amazon
Le cipolle troppo sexy per Facebook
Smishing, i consigli per non cadere nel tranello
Arrestato per recensioni online negative di un albergo
Windows 10, arriva l'installazione personalizzata
Il sito che installa tutte le app essenziali per Windows 10
Covid-19, casi sottostimati per colpa di Excel
Il furto automatico del PIN della carta di credito
Tutti gli Arretrati


web metrics