Una petizione per rendere Flash open source

Altrimenti parti importanti del web andranno perse per sempre.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 01-08-2017]

adobe flash petizione open source

L'annuncio della morte di Adobe Flash, fissata per il 2020, è stata in generale accolta con un certo sollievo e, in qualche caso, persino con entusiasmo.

Sondaggio
Qual Ŕ il tuo linguaggio di programmazione preferito, tra questi?
PHP
Java
C#
VB.Net

Mostra i risultati (1213 voti)
Leggi i commenti (30)

Non tutti però si sono lasciati prendere dall'euforia. Anzi, un gruppo di sviluppatori è stato addirittura colto dallo sconforto quando si è reso conto che, con la sparizione di Flash, i file .Swf diventeranno illeggibili.

Se è vero che già oggi esistono alcuni software open source che forniscono un certo grado di compatibilità con le funzioni di Flash Player, è anche vero che soltanto l'originale permette di sfruttarle tutte.

Così quegli sviluppatori hanno deciso di dare vita a una petizione su GitHub per chiedere ad Adobe di rendere open source le specifiche di Flash che - ricordiamo - è tuttora una tecnologia proprietaria.

«Flash è un pezzo importante della storia di Internet, e uccidere Flash comporta il fatto che le future generazioni non possano avere accesso al passato» scrivono gli autori della petizione. «Giochi, esperimenti e siti web saranno dimenticati».

Per sottoscrivere la petizione, non si deve fare altro che assegnare una stella al repository in cui essa si trova. Al momento in cui scriviamo, il numero di persone che ha già aderito è quasi arrivato a 4.000.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Adobe annuncia la morte di Flash

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 8)

Personalmente ritengo che Flash vada bene da morto e prima lo si seppellisce meglio Ŕ per tutti giÓ il 2020 mi sembra un pochino troppo in la, figuriamoci una petizione per renderlo open source farlo rientrare dalla finestra.
11-8-2017 16:50

@ utontello @zero Usare una vecchia macchina virtuale con un vecchio sistema operativo M$ per vedere qualche vecchio flash Ŕ sicuramente molto insicuro. Molto meno peggio avere una versione aggiornata ed open source del lettore flash. Una versione open source di flash installata nel computer di qualche nostalgico non Ŕ pericolosa quanto... Leggi tutto
4-8-2017 14:02

Anche a me non dispiacerebbe, se non fosse che ci sono sw commerciali scritti in Java per essere eseguiti nel browser :o Ne abbiamo acquistato uno in azienda dove lavoro, e non Ŕ banale (sono oltre 200MB nel cd di installazione, gestisce aggiornamenti delle librerie utilizzate, gestisce apparecchiature industriali tramite USB, ecc) Leggi tutto
3-8-2017 18:35

La fine di Flash e' sicuramente una buona notizia. Cercare di mantenere in vita i siti web basati su flash e' dannoso per tutti. Chi volesse continuare ad usarlo puo' crearsi una macchina virtuale e farci girare cio' che vuole. Altra notizia che attendo e' la fine del plugin di java per i browser.
3-8-2017 16:01

Va bene, ma... qualcuno potrebbe sfruttare chissÓ quale vulnerabilitÓ di o.s.Flash per qualunque scopo e chi farÓ le pulizie? E le probabili varianti, elaborate per studio, hobby o arte, chi le controllerÓ? E qualcuno che decidesse di inglobare codice di Flash in un suo programma? Insomma, giÓ non si sta dietro a tutte le insidie di... Leggi tutto
3-8-2017 14:24

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quasi la metÓ delle famiglie italiane (nel 2012 erano il 45,5% secondo Confindustria Digitale) non possiede ancora un collegamento a Internet. Qual Ŕ secondo te il principale motivo?
La connessione a banda larga non Ŕ disponibile.
Motivi di privacy e sicurezza.
Mancanza di skill e capacitÓ d'uso.
Alto costo del collegamento.
Alto costo degli strumenti.
Internet non Ŕ utile.
Accedono a Internet da altro luogo.

Mostra i risultati (3540 voti)
Settembre 2020
Windows XP, il codice sorgente finisce in Rete
Vecchio televisore mette KO la connessione Adsl di un intero paese
Attacco ransomware mette in ginocchio Luxottica
Ransomware blocca ospedale, muore una paziente
Veicolo autonomo investe e uccide; guidatore accusato di omicidio colposo
Il bug più serio mai scoperto in Windows
Bug in Immuni vanifica l'efficacia dell'app
Facebook ti paga se disattivi l'account
Amazon cancella 20.000 recensioni fake
Samsung brevetta lo smartphone completamente trasparente
L'app che abilita il God Mode in Windows 10
Intel, i Core di undicesima generazione sorpassano Amd
Windows 10 e il bug che deframmenta di continuo gli Ssd
Agosto 2020
Windows 10 rimuoverà automaticamente le app meno utilizzate
Malware negli smartphone a basso costo ruba dati e denaro
Tutti gli Arretrati


web metrics