Il file sharing monouso di Mozilla

Firefox Send cancella ogni file non appena viene scaricato.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 03-08-2017]

firefox send

Bisogna ammettere che il cloud computing ha una sua utilità. Per esempio, se si vuole mandare un file voluminoso a qualcuno, l'email spesso non è la soluzione più adatta.

È molto più pratico - e a volte obbligato - parcheggiarlo presso qualche servizio che offre spazio per il file hosting (come Dropbox o OneDrive) e spedire al destinatario soltanto il link che consente il download.

Questa modalità presenta però qualche problema: per esempio, in linea teorica qualche persona non autorizzata potrebbe riuscire ad accedere al file, magari perché il servizio usato ha subito una violazione di cui ancora non si sa niente.

Oppure, il file potrebbe continuare a giacere dimenticato per lungo tempo presso l'hosting, anche dopo aver esaurito la propria utilità. Se all'interno del file vi sono informazioni preziose, il pericolo che finiscano in mani sbagliate è quantomeno possibile.

Tutte queste considerazioni hanno spinto Mozilla a ideare Firefox Send, un servizio di invio condivisione di file monouso.

Sondaggio
Il file di cui hai bisogno si trova su di un sito di file-sharing. Quando clicchi per scaricarlo, hai l'opzione di effettuare il download a velocità normale o di provare gratis il download ad alta velocità. Quale opzione scegli?
Utilizzo l'opzione velocità normale
Perché aspettare? Vado per l'opzione ad alta velocità
Scarico il file da un'altra fonte
Non uso questo genere di siti Internet

Mostra i risultati (1324 voti)
Leggi i commenti (4)

Send permette infatti di caricare un file fino a 1 Gbyte e di condividerne il link per il download con chiunque, esattamente come molti altri servizi già fanno.

A differenza di questi, però, Send conserva il file soltanto per 24 ore; trascorso questo periodo, viene inesorabilmente cancellato.

Non solo: non appena il destinatario scarica il file, questo viene egualmente eliminato, senza aspettare che sia passato il tempo concesso.

Allo stato attuale Send è soltanto un sito sperimentale, e non è dato sapere per quanto tempo Mozilla deciderà di tenerlo in vita. È possibile che la mamma di Firefox voglia valutare l'interesse degli utenti prima di deciderne il fato.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Gli hacker all'assalto di Mega
UK: 10 anni di carcere per file sharing su Internet
''Porteremo in tribunale le mamme, i papà e gli studenti''
Dai torrent all'abbigliamento: libertà di condividere
Sequestrato notebook a bimba pirata di 9 anni

Commenti all'articolo (4)

Forse la differenza sta nel tempo di permanenza molto breve e nel fatto che, appena scaricato, il file viene eliminato dal server, utilizzando WeTransfer mi pare che il file non venga eliminato al primo download. Leggi tutto
14-8-2017 16:43

Quando la posta elettronica si spediva dai terminali a carattere, e i client grafici erano di là da venire - figurarsi poi "il cloud" - bastava prendere il file "grosso" e farne un archivio multivolume, spedendo ciascun segmento in un messaggio separato. I client di posta erano in grado di farlo da soli, rimettendo... Leggi tutto
4-8-2017 08:36

Mi sfugge la differenza con WeTransfer https://wetransfer.com/ oltre all'inferiore capacità (1GB contro 2GB della versione gratuita) ed il tempo di permanenza (un giorno anziché una settimana) :o
4-8-2017 08:21

{ictuscano}
Come scritto anche nell'articolo, ci sono vari altri servizi che fanno più o meno la stessa cosa (compresi i programmi di posta). Dal mio punto di vista, l'interesse potrebbe essere che mi fido di più di un servizio gestito da Firefox.. al tempo stesso però la permanenza forzata di massimo un solo giorno mi... Leggi tutto
4-8-2017 08:21

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News (P.Iva 06584100967). Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quali sono i rischi maggiori del cloud computing?
Distributed Denial of Service (DDoS): cresce l'impatto dei tempi di indisponibilità di un sito web, che possono costare perdite di milioni di euro in termini di introiti, produttività e immagine aziendale.
Frode: perpetrata da malintenzionati con l'obiettivo di trafugare i dati di un sito e creare storefront illegittimi, o da truffatori che intendono impadronirsi di numeri di carte di credito, la frode tende a colpire - prima o poi - tutte le aziende.
Violazione dei dati: le aziende tendono a consolidare i dati nelle applicazioni web (dati delle carte di credito ma anche di intellectual property, ad esempio); gli attacchi informatici bersagliano i siti e le infrastrutture che le supportano.
Malware del desktop: un malintenzionato riesce ad accedere a un desktop aziendale, approfittandone per attaccare i fornitori o le risorse interne o per visualizzare dati protetti. Come il trojan Zeus, che prende il controllo del browser dell'utente.
Tecnologie dirompenti: pur non essendo minacce nel senso stretto del termine, tecnologie come le applicazioni mobile e il trend del BYOD (bring-your-own-device) stanno cambiando le regole a cui le aziende si sono attenute sino a oggi.

Mostra i risultati (1043 voti)
Ottobre 2017
Il ransomware per Android che blocca lo smartphone due volte
Il falso Adblock che ha ingannato decine di migliaia di utenti
Windows Media Player sparisce da Windows 10
Disqus violato, rubati i dati di 17,5 milioni di utenti
Il caso dell'iPhone 8 che si gonfia mentre è in carica
Gli auricolari di Google che traducono le conversazioni in tempo reale
La falla in Windows Defender che a Microsoft non interessa
Con un salto quantico, Firefox diventa più veloce di Chrome
Settembre 2017
Internet Explorer spiffera quel che digitiamo nella barra
Windows, gli ultimi aggiornamenti bloccano gli account utente
Violazione di CCleaner, guai più gravi del previsto
Il primo smartphone con Linux davvero libero
Falla nel Bluetooth, vulnerabili 5 miliardi di dispositivi
Se il robot sessuale diventa un terminator
I consigli di Linus Torvalds per gli hacker
Tutti gli Arretrati


web metrics