Facebook: niente soldi per chi diffonde fake news

Il social network taglierà gli introiti pubblicitari alle Pagine che pubblicano bufale.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 29-08-2017]

facebook fake news

Da quando ha dichiarato guerra alle notizie false - in buon italiano: fake news - Facebook ha iniziato a mettere in atto tutta una serie di accorgimenti per evitarne la proliferazione.

Ora ha scoperto che il modo migliore per far sparire chi diffonde falsità è sospenderne l'alimentazione: in altre parole, togliergli il diritto a godere dei proventi della pubblicità.

L'annucio della nuova misura anti-fake news è stato dato ufficialmente e la sua messa in opera avverrà a breve.

«Se qualche Pagina condividerà ripetutamente storie indicate come false, a questi recidivi non sarà più permesso di mettere pubblicità su Facebook» scrive, minaccioso, il social network in blu.

Sondaggio
Per cosa soprattutto ti sono utili i social media, sul lavoro?
Per prendermi una pausa dal lavoro
Per comunicare con gli amici e la famiglia mentre sono al lavoro
Per comunicare con i miei contatti professionali
Per trovare informazioni che mi aiutino a risolvere problemi di lavoro
Per costruire o rinforzare relazioni personali con i colleghi o i miei contatti di lavoro
Per scoprire cose sulle persone con cui lavoro
Per porre domande relative al lavoro a persone fuori dalla mia azienda
Per porre domande relative al lavoro a persone dentro la mia azienda

Mostra i risultati (372 voti)
Leggi i commenti (10)

L'idea è che chi diffonde notizie fasulle lo faccia per trarvi un guadagno grazie alle pubblicità che può mostrare ai visitatori della sua Pagina. Se non ci sono pubblicità non c'è nemmeno il guadagno, e quindi sparisce l'incentivo a pubblicare le bufale.

«Le notizie false» - spiega Facebook - «sono dannose per la nostra comunità. Rendono il mondo meno informato ed erodono la fiducia».

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Mozilla si scaglia contro le fake news
Dopo la fake news, la fake music? Gli inganni su Spotify
Come contrastare le ''fake news''
Fake news: le gravi colpe dei social network
Chi diffonde bufale si arricchisce (sulle spalle della comunità)
Facebook, una task force per combattere le notizie false

Commenti all'articolo (3)

Puro fumo negli occhi da parete di fessbuk... :roll:
2-9-2017 19:16

Da quel che vedo io, la maggioranza dei link facebook bufalari rimandano a siti web esterni pieni zeppi di banner. A conti fatti non credo cambierà nulla...
30-8-2017 12:19

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Numerosi utenti lamentano disservizi con i coupon-sconto. Quale di questi inconvenienti giudichi più grave?
La difficoltà nell'ottenere i rimborsi (o l'avere come rimborso un altro coupon anziché i soldi).
Non avere un livello adeguato di assistenza al cliente.
L'impossibilità di prenotare un servizio nonostante si sia acquistato il voucher (a causa di scarsa disponibilità da parte di chi eroga quel servizio).
Il trattamento diverso, da parte di chi eroga il servizio, nei confronti di chi paga con un coupon rispetto agli altri clienti.
Il ritardo nella consegna dei prodotti.
La non corrispondenza dell’acquisto effettivo con l’offerta iniziale.
La mancanza di modalità specifiche per i reclami.
Il fatto che l'esercizio per il quale si è acquistato il voucher ha chiuso o il servizio non è più attivo.
La mancata emissione della ricevuta fiscale da parte dei portali.
Non ho mai riscontrato alcuno di questi inconvenienti.

Mostra i risultati (913 voti)
Giugno 2018
Il malware che infetta Windows 10 e scatta foto del desktop
Huawei brevetta lo smartphone ''tutto schermo''
Lucchetto ''smart'' annuncia a tutti la propria password
Lo smartphone pieghevole di Samsung con doppio display
Pseudoscienza al potere oggi: Sud Africa, Spagna, Stati Uniti
Windows 10, il 50% degli utenti ha dovuto pagare un tecnico per i problemi dell'aggiornamento
Ubisoft: ''Le console sono destinate a sparire: ancora una generazione e poi basta''
Bug in Facebook rende pubblici i post privati di 14 milioni di utenti
Microsoft affonda i datacenter per tenerli freschi
L'auto volante di Larry Page: si impara a guidare in meno di un'ora
Microsoft compra GitHub e i programmatori scappano
Il primo attacco informatico della storia... nel 1834?
Medico fa causa a paziente per una recensione negativa online
L'attacco sonico che manda in crash il sistema e rovina gli hard disk
Maggio 2018
Semplicità
Tutti gli Arretrati


web metrics