Comunicare dopo la morte? Si fa via email

Al momento del vostro trapasso i responsabili di questo macabro e lungimirante servizio invieranno alle persone da voi selezionate il vostro estremo saluto.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 19-11-2003]

"Perché ci vuole un minuto per dirsi ciao ma un'eternità per dirsi addio?". Questa la citazione-slogan da cui prende le mosse l'iniziativa di MyLastEmail, servizio di posta elettronica postuma.

A chi, secondo voi, può venire in mente di abbonarsi a questo sito? La risposta degli stessi webmaster è più che eloquente: "Non è appropriato essere troppo melensi: ogni volta che si esce di casa, si sale in macchina o a bordo di un aereo. MyLastEmail ti dà l'opportunità di esprimere i tuoi sentimenti ora, in modo sicuro e personale". In poche parole, pensaci ora a salutare tutti, che non si sa mai: e questo vale per tutti, purché maggiorenni.

Il funzionamento è molto semplice: al momento dell'iscrizione dovrete stampare un apposito attestato, da conservare finché... ci siamo capiti (ci viene diligentemente consigliato di conservarlo in una cartellina coi documenti della nostra assicurazione sulla vita). In quel momento una persona di fiducia lo rispedirà a MyLastEmail corredato da copia del certificato di morte, e i vostri messaggi verranno inoltrati.

Con un contributo triennale di 9,99 dollari avremo a disposizione 5 email, aumentabili a 10 con un'aggiunta di 5 dollari, e l'opzione denominata triggering: se non ci si connette al sito per un determinato periodo di tempo, i nostri messaggi dall'aldilà verranno inviati automaticamente. Servizio, quest'ultimo, sviluppato a grande richiesta della previdentissima clientela.

Alla portata di tutti e consigliato da terapisti del settore (e ce ne sono), l'abbonamento a MyLastEmail sembrerebbe non avere controindicazioni. Ma voi come reagireste se vi ritrovaste nella casella di posta una email di saluti di un morto? Per ora chi si dovrebbe abbonare a un servizio del genere è il buon gusto, che di questo passo ha proprio poco da vivere.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Twitter potrà rimuovere le fotografie dei defunti

Commenti all'articolo (4)

Alberto
The Last Emai Leggi tutto
24-4-2004 16:57

Death
Bella cacata!!! Leggi tutto
24-11-2003 16:29

Dario Meoli
risposta di Paolo Leggi tutto
22-11-2003 23:58

Erik
geniale Leggi tutto
21-11-2003 15:01

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Cosa ne pensi del ritocco digitale dei film classici (non solo di fantascienza)?
E' un falso storico; i film vanno visti come furono girati.
E' necessario, per evitare che certi film vengano dimenticati.
Va bene, basta che sia indicato chiaramente.
Non me ne pu˛ fregar di meno.

Mostra i risultati (3244 voti)
Gennaio 2022
Video porno interrompe convegno online del Senato
Amazon introduce la consegna con la password
Parchimetri e pagamenti via codice QR, la truffa è servita
Norton e Avira generano criptovalute coi PC degli utenti
Chiude per sempre Popcorn Time, il netflix dei pirati
Digitale terrestre, riparte il balletto delle frequenze
BlackBerry addio, stavolta per davvero
Dicembre 2021
Windows 11 sbaglia a mostrare i colori
L'app che “sgonfia” Windows 10 e 11
Il CEO di Vivaldi: “Microsoft è disperata”
Gli AirTag? Ottimi per rubare le auto
Microsoft ammette: SSD più lenti con Windows 11
Smart working: dall'emergenza alla normalità
Perché Intel accumula hardware obsoleto in Costa Rica?
Antitrust, 30 aziende contro Microsoft per colpa di OneDrive
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 23 gennaio


web metrics