Mio figlio ha ricevuto in regalo un giocattolo intelligente. Posso fidarmi?

Gli smart toy possono nascondere più di un'insidia.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 31-12-2017]

smart toy spia natale

Se in famiglia avete dei bambini, ci sono buone probabilità che quest'anno sotto l'albero ci sia stato almeno uno smart toy.

I cosiddetti giocattoli intelligenti somigliano ai loro progenitori "sciocchi", ma possiedono la capacità di collegarsi a Internet e sono dotati di sensori, videocamere e microfoni.

Tutto ciò dovrebbe permettere al destinatario del regalo di divertirsi in modi che prima dell'arrivo di questi prodotti non erano nemmeno pensabili, ma la verità è che le insidie non mancano.

A ricordare come gli smart toy non siano così innocui come si potrebbe pensare pensa Sophos, elargendo anche un invito rivolto a tutti gli adulti: verificate che il regalo ricevuto da vostro figlio o da vostro nipote non presenti pericoli invisibili.

I problemi riguardano soprattutto la possibilità che, tramite quei giocattoli, qualcuno sia in grado di spiare i bambini, oppure che i dati personali siano raccolti per chissà quale scopo, o che i giocattoli stessi possano subire un attacco da parte di qualche hacker.

Non si tratta soltanto di scenari teorici: già nel 2015 un produttore di Hong Kong finì sotto accusa perché i suoi prodotti smart raccoglievano dati sensibili (relativi a 6,3 milioni di bambini) e li inviavano all'azienda, dov'erano conservati con scarsissime precauzioni.

Più di recente, l'americana CloudPets è stata scoperta ad archiviare i messaggi vocali scambiati dai bambini attraverso i giocattoli; anche in questo caso, con pochissime attenzioni verso la sicurezza.

Sondaggio
Un collaboratore di Zeus News ci ha posto il quesito: "Mio figlio ha ormai 8 anni, che grosso modo è l'età in cui io ho ricevuto il Commodore 16 (avevo 9 anni). Lui per Natale vorrebbe un tablet. Che cosa gli regalo?" Secondo voi, è meglio regalare...
Un tablet
Un notebook
Un Pc
Un Commodore 16
Qualcos'altro

Mostra i risultati (2072 voti)
Leggi i commenti (28)

Né si può dimenticare il bando imposto dalla Germania agli smartwatch per bambini, considerati paragonabili a delle microspie.

Questi e altri casi dimostrano come non sia possibile fidarsi ciecamente delle rassicurazioni dei produttori, ma sia necessaria una vigilanza costante da parte di chi acquista questi prodotti.

Anche perché, qualora un problema in qualche giocattolo venisse riconosciuto e identificato, niente garantisce che venga poi corretto, o che il prodotto venga ritirato dal mercato. E nemmeno che la falla sia pubblicamente annunciata in modo che i potenziali acquirenti ne siano informati.

Anche se ormai è tardi per agire prima dell'acquisto, qualcosa ancora si può fare: utilizzare le risorse messe a disposizione da Internet per informarsi sui giocattoli intelligenti ricevuti in regalo dai bambini e verificare se siano presenti falle, debolezze o vulnerabilità.

Inoltre - come consiglia ancora Sophos - anche se lo smart toy funziona esattamente come indicato sulla scatola ciò non significa che non ci siano rischi, almeno per quanto riguarda la privacy: la raccolta di dati sui bambini è un fenomeno ancora poco considerato e difficile da quantificare, ma certamente reale.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Centinaia di giochi per smartphone usano il microfono per spiare gli utenti
Germania, niente smartwatch microspia per i bambini
CloudPets, altri giocattoli ''smart'' spioni
Perché i giocattoli digitali mandano ai loro fabbricanti le foto dei bambini?

Commenti all'articolo (2)

Come per tutti i dispositivi "smart" collegati ad internet la sicurezza è quasi una chimera e, per questi, forse lo è ancora di più. Considerando poi che finiranno in mano a dei bambini che non hanno alcuna possibilità di difendersi da eventuali attacchi o sottrazioni di informazioni la vigilanza deve essere ben superiore a... Leggi tutto
31-12-2017 14:42

{forestiere}
link
29-12-2017 16:11

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Secondo te, come nascono la maggior parte delle bufale che girano su Internet?
Come scherzi rivolti esclusivamente ad amici e conoscenti (che poi involontariamente li propagano in giro)
Dalla "buona volontà" di persone che credono di fare un favore al mondo diffondendo dicerie e stranezze dandole automaticamente per buone
Dalla curiosità di vedere se una propria invenzione possa diventare "famosa" sulla rete, ma anche quanta gente ci arriverà a credere e con che velocità si propagherà
Dalla volontà di creare disinformazione su determinati argomenti
Altro (specificare)

Mostra i risultati (1929 voti)
Novembre 2018
Il Garante privacy boccia la fattura elettronica
Windows 10, ritorna l'October Update
Tim in piena tempesta: sfiduciato l'amministratore delegato Genish
Windows 10, aggiornamento problematico: non ricorda le associazioni dei file
Il bug di Windows 10 Pro che spinge gli utenti a passare alla versione Home
Il primo ibrido smartphone-tablet che si piega davvero
Microsoft abolisce il servizio Hotfix per Windows
Visita 9.000 siti a luci rosse dall'ufficio e infetta l'intera rete aziendale
Google si allea con iRobot per mappare le case degli utenti
Surriscaldamento globale entro 15 anni, per colpa dei Bitcoin
Ottobre 2018
IBM compra Red Hat Linux per 34 miliardi di dollari
La SIM che si connette direttamente a TOR
Adottando uno smart meter si può far calare la bolletta del 20 per cento
Ladri rubano una Tesla Model S armati soltanto di tablet e smartphone
Giovanissimi in fuga da Facebook
Tutti gli Arretrati


web metrics