Microsoft pronta a comprare la piattaforma per sviluppatori GitHub

Il sito ospita moltissimi progetti open source.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 05-06-2018]

github microsoft

Chiunque si interessi anche solo marginalmente di programmazione conoscerà GitHub, popolarissimo servizio di hosting per progetti software.

Grazie a esso diventa semplice iniziare, coordinare e far progredire lo sviluppo di un software, grazie all'integrazione con Git, noto strumento di controllo versione, creato da Linus Torvalds.

Ovviamente caratteristiche del genere hanno reso GitHub una scelta particolarmente apprezzata nel mondo open source, che spesso e volentieri vi si appoggia per i vari progetti che ne fanno parte.

Negli ultimi tempi, però, GitHub ha avuto qualche problema nel trarre profitto dai servizi che offre, tanto da trovarsi in difficoltà. Ed è qui che arriva quello che potrebbe sembrare il più improbabile dei salvatori: Microsoft.

L'azienda di Satya Nadella, che da tempo ormai cerca di scrollarsi di dosso la nomea di "nemico giurato dell'open source (e Linux in particolare)", ha deciso di farsi avanti per acquistare l'intero sito di hosting.

L'annuncio ufficiale non c'è ancora stato nel momento in cui scriviamo, ma le indiscrezioni raccolte da Bloomberg indicano che ormai è questione di poco tempo.

Sondaggio
Qual è il tuo linguaggio di programmazione preferito?
C
Java
PHP
JavaScript
C#
Visual Basic .NET
C++
Perl
Python
Ruby

Mostra i risultati (2482 voti)
Leggi i commenti (18)

Per Microsoft si tratta di una sorta di ritorno alle origine, quando la piccola azienda di Seattle produceva strumenti per sviluppatori. Ma si tratta anche di un bel salto di qualità rispetto alla gestione Ballmer, quando davvero la collaborazione con gli sviluppatori del mondo open source sembrava quasi una bestemmia.

Come, se e quanto cambierà GitHub in seguito all'acquisizione è una previsione che è difficile da fare, anche se la Microsoft di oggi a tutto pare intenzionata tranne che inimicarsi gli sviluppatori.

Quanto al valore della transazione, l'ultima valutazione di GitHub risale al 2015, quando la cifra indicata era pari a 2 miliardi di dollari.

Ti invitiamo a leggere la pagina successiva di questo articolo:
Microsoft compra GitHub e i programmatori scappano

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Il File Manager di Windows 3 diventa open source dopo 28 anni
iOS, parte del codice sorgente trapela in Rete: faciliterà hacker e jailbreaker
L'IA di Microsoft che capisce quel che legge e risponde alle domande
Ceo di GitHub: i programmatori sono condannati all'estinzione
Una petizione per rendere Flash open source
Doom 3, il codice adesso è open

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 6)

"Se non puoi batterli, unisciti a loro", recita il vecchio adagio... Personalmente, preferivo quando Microsoft l'open source lo odiava. :D Ad ogno modo, rischia di fare il Re Mida al contrario... sembra che sia in atto una fuga generalizzata da GitHub a sistemi analoghi ancora aperti (ossia tutti gli altri), tipo GitLab,... Leggi tutto
5-6-2018 15:49

ci sarebbe da chiedersi cosa esattamente Microsoft abbia comprato con l'acquisto di GitHub... di sicuro non è diventata proprietaria del software presente nei repository, dato che questi comunque conservano la licenza indicata, e quindi ci deve essere qualcos'altro di interessante che GitHub possiede e che le ha fatto gola. I dati degli... Leggi tutto
5-6-2018 10:43

Quanto pessimismo! Ms metterà tanti soldi e risorse dentro GitHub, secondo me può solo migliorare. Cosa significa "prendere il controllo dell'opensource"? Se GitHub si è fatta comprare ci saran stati dei buoni motivi, ricordatevi che i contratti si stipulano tra "parts.Count > 1".
5-6-2018 10:19

I volponi di Microsoft si comprano GitHub e la sgretolano nel giro di poco tempo, ovvio.
5-6-2018 08:50

No, siamo almeno in due... :cry: questa è davvero una pessima notizia, e spero che il mondo open si mobiliti subito per creare un'alternativa.
5-6-2018 08:14

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
L'Italia e gli italiani sono pronti per il (video)gioco online?
I giocatori sarebbero anche pronti, ma il problema è il digital divide. Senza una connessione broadband il gioco online è una chimera.
In Italia più che in altri paesi ha ampia diffusione la pirateria. Il fatto che buona parte dei giocatori utilizzi prodotti contraffatti limiterà la crescita dell'online gaming.
Barriere linguistiche e ritardi nella diffusione di giochi e tecnologie online ci hanno penalizzato nel passato, ma oggi le possibilità di sviluppo sono rosee.
Non ci sono barriere tecniche, ma solo culturali. Il videogioco è tradizionalmente visto come un prodotto da fruire individualmente o in compagnia di amici.
La comunità di giocatori online italiana non ha nulla da invidiare per qualità e quantità a quelle degli altri paesi.

Mostra i risultati (696 voti)
Settembre 2019
Falla nelle SIM, vulnerabili 1 miliardo di telefoni
La Francia non vuole Libra in Europa
Il bug di Windows 10 che tinge di rosso gli screenshot
Antibufala: le foto di raggi spaziali che causano incendi nei boschi
Lo smartphone etico attento alle persone e al pianeta
Storie di hacker, campeggi e libertà
USB 4 è ufficiale e raggiunge i 40 Gbit/s
5 consigli (più uno) per non farsi lasciare a piedi dal PC
La lotta al ransomware procede silenziosa ma con successo
La maledizione dei connettori USB
Agosto 2019
GIMP è un insulto: sviluppatori ribelli fondano il fork Glimpse
Sextortion, il malware che registra davvero chi guarda video a luci rosse
Misteriosa malattia colpisce i fumatori di sigarette elettroniche
L'analisi del sangue che predice quando moriremo
Bug negli iPhone, ritorna il jailbreaking
Tutti gli Arretrati


web metrics