Bollette di 30 giorni, ma a vincere sono sempre i gestori telefonici



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 06-07-2018]

E' passato ormai più di un anno da quando la tariffazione a 28 giorni sulle utenze di telefonia fissa era stata vietata dall'Agcom. Ad oggi, la fatturazione è ritornata mensile (c'è voluta addirittura una legge...) ma della restituzione degli importi che i consumatori hanno pagato illegittimamente nemmeno l'ombra.

Tanto che l'Agcom è nuovamente intervenuta sul tema, con un'altra delibera (n. 269/18/CONS) in cui ordina ai gestori coinvolti - Wind Tre, Vodafone, TIM e Fastweb - di restituire ai consumatori non le somme, ma i servizi pagati e non goduti entro il 31 dicembre 2018. La restituzione dovrà avvenire o posticipando la fatturazione delle singole bollette per un numero di giorni corrispondenti a quelli erosi (anche in più "rate") oppure proponendo ai singoli clienti "soluzioni di compensazione alternative, satisfattive del diritto di ristoro".

Cioè? Vuol dire che, se il nostro gestore ci propone anziché la restituzione dei giorni di servizio telefonico e dati qualche servizio alternativo (che so, segreteria telefonica gratis per un tempo x, uno sconto su un servizio), sta a noi decidere se accettare lo scambio o preferire i giorni "gratis" (che gratis non sono, li abbiamo già pagati e si tratta - tecnicamente - di un risarcimento in forma specifica: anziché rimborsare l'importo equivalente ai giorni erosi, i gestori devono restituire il servizio illecitamente sottratto).

Ricordiamo agli utenti che le restituzioni sotto forma di giorni di servizio o sotto altra forma che l'utente intenderà accettare riguardano solo la telefonia fissa, e non anche quella mobile. Chi non è più cliente del gestore telefonico dell'epoca, dovrà invece attendere l'esito del giudizio al Tar (le udienze sono fissate fra il 31 ottobre e il 14 novembre 2018).

Vittoria dei consumatori quindi? No.

E' passato un anno e ancora i clienti non hanno visto il becco di un quattrino "in forma specifica" (guai a pretendere la restituzione sotto forma di carta moneta...); non è detto che anche questa delibera non venga impugnata davanti al Tar Lazio; ad oggi, del resto, siamo ancora in attesa delle udienze di ottobre/novembre in cui il Tar deciderà se le sanzioni che Agcom ha comminato ai gestori per non aver ottemperato alla delibera iniziale siano o meno legittime e così per le restituzioni; cosi' come siamo ancora in attesa della pronuncia del Consiglio di Stato nel giudizio contro la prima delibera dell'Agcom, quella con cui vietata la fatturazione a 28 giorni.

Questa caricaturale vicenda, che vale poche decine di euro ad utente, ma centinaia di milioni di euro per le compagnie telefoniche, è un processificio: ogni inadempimento comporta una delibera dell'autorità che viene impugnata in due gradi di giudizio e la cui storia si intreccia con delibere precedenti e future, impugnazioni precedenti e future, gradi di giudizio, sospensive, merito e viene il sospetto che durerà all'infinito e che il mio credito telefonico da tariffazione a 28 giorni lo lascerò in eredità ai nipoti.

L'Agcom fa del suo meglio, e lo fa al meglio, ma se vogliamo essere concreti e propositivi per il futuro non dobbiamo guardare al dito (i 28 giorni) ma alla luna (la possibilità per i gestori di modificare i contratti a proprio piacimento). Lo abbiamo già chiesto al precedente governo e rinnoviamo la nostra richiesta ora che si si sono insediati un nuovo governo e un nuovo Parlamento, per quanto finora non abbiano annunciato alcuna "linea" in materia di tutela dei consumatori, poiché il problema è legislativo.

Sondaggio
Qual è la cifra complessiva che spendi ogni mese per il tuo smartphone? Comprende tutto: telefonate, piano dati, Sms, rata telefono e via dicendo.
Sotto i 10 euro
Tra i 10 e i 20 euro
Tra i 20 e i 30 euro
Tra i 30 e i 50 euro
Tra i 50 e i 100 euro
Oltre i 100 euro
Non ne ho idea

Mostra i risultati (4867 voti)
Leggi i commenti (6)

Il settore della telefonia è infatti l'unico nel quale la modifica unilaterale delle condizioni contrattuali è possibile senza regole. L'unico altro esempio presente nella legislazione italiana è il settore bancario: la banca può modificare il nostro contratto di conto corrente unilateralmente, ma può farlo in ragione di un giustificato motivo preventivamente previsto dal contratto.

Per il resto, in tutti i contratti - anche per prestazioni periodiche di lungo periodo o a tempo indeterminato - se uno dei due contraenti vuole modificare il contratto può solo proporlo e, se le parti non si trovano d'accordo, risolvere il contratto. E il Codice del consumo (art. 33, comma 2, lett. m) dichiara addirittura la vessatorietà (e quindi l'inefficacia) delle clausole contrattuali che consentono di modificare unilateralmente il contratto, ovvero "le caratteristiche del prodotto o del servizio da fornire, senza un giustificato motivo indicato nel contratto stesso".

Fanno eccezione i contratti di telefonia e pay tv, ai quali si applica il Codice delle comunicazioni elettroniche - legge speciale che deroga al Codice del consumo - che consente loro la modifica a proprio piacimento, limitandosi a sancire il diritto dell'utente "di recedere dal contratto senza penali né costi di disattivazione".

Chiediamo quindi un intervento legislativo radicale, che modifichi l'art. 70 del Codice delle comunicazioni elettroniche e che consenta la modifica unilaterale del contratto solo in caso di giustificato motivo indicato nel contratto stesso, come avviene per tutti gli altri contratti fra professionista e consumatore.

Emmanuela Bertucci, legale, consulente Aduc

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 14)

{Henry}
si vero, sono passati da 28 giorni al fatidico mese...ma la Vodafone, mio attuale operatore telefonico, mi ha inviato un sms con scritto che dalla prossimo addebito mensile verranno aggiunti ¤ 0,99 per aumentati costi di gestione!!! Quindi, in concreto, si riprendono ciò che la legge gli ha correttamente tolto!!! E il tutto... Leggi tutto
12-7-2018 11:10

:shock: :shock: :shock: MA STAI SCHERZANDO !?!? Questo si chiama buonsenso! Non sai che equivarrebbe alla morte del libero mercato e della società moderna come la conosciamo oggi? Attenzione: la frase qui sopra riportata è ironica e sottilmente satirica. Hai perfettamente ragione zero, forse lascerei la possibilità di fare... Leggi tutto
9-7-2018 15:39

Io ho avuto problemi a suo tempo con Tele2 che dopo un passaggio ADSL da 4 a 7 Mb mi aveva riportato a 640 kb per loro presunti problemi di linea. Problemi poi risolti con il passaggio a Telecom la quale l'unica porcata da alcuni anni a questa parte è stata il tentativo di appoggiarmi la loro decoder TIMVISION senza concordarlo in... Leggi tutto
7-7-2018 14:52

{pardon}
Questi contratti sono una grande presa per i fondelli: nessun utente che vive in una società moderna può prescindere dall'uso di smartphone, di computer, di automobili, di assicurazioni, di banche e di tutto quello che gira intorno a queste (e molte altre) cose solo ipocritamente "facoltative". Siamo... Leggi tutto
6-7-2018 22:10

Ho TIM su 3G da 8 anni, inizialmente su chiavetta (questa[/url]) e da qualche anno invece ho spostato la SIM dentro un router wi-fi portatile ([url=http://forum.zeusnews.com/link/570355]questo) per poter condividere facilmente la connessione tra i dispositivi. Negli anni TIM è passata da un conteggio "ad ore" (inizialmente... Leggi tutto
6-7-2018 13:20

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
In Islanda, paese protestante con 320.000 abitanti tutti on line, nei mesi scorsi si è molto parlato di una legge che proibisca completamente la pornografia on line (quella stampata è già proibita) attraverso filtri centralizzati. Secondo te...
E' giusto. Anche in Italia si dovrebbe fare lo stesso.
Non è giusto, perché limita la libertà.
E' giusto, ma tanto ci sarà chi riuscirà ugualmente a scaricare materiale pornografico.
Ci sono problemi molto più importanti.
Aumenteranno ancora di più i suicidi e gli alcolizzati

Mostra i risultati (4647 voti)
Novembre 2018
Windows 10, ritorna l'October Update
Tim in piena tempesta: sfiduciato l'amministratore delegato Genish
Windows 10, aggiornamento problematico: non ricorda le associazioni dei file
Il bug di Windows 10 Pro che spinge gli utenti a passare alla versione Home
Il primo ibrido smartphone-tablet che si piega davvero
Microsoft abolisce il servizio Hotfix per Windows
Visita 9.000 siti a luci rosse dall'ufficio e infetta l'intera rete aziendale
Google si allea con iRobot per mappare le case degli utenti
Surriscaldamento globale entro 15 anni, per colpa dei Bitcoin
Ottobre 2018
IBM compra Red Hat Linux per 34 miliardi di dollari
La SIM che si connette direttamente a TOR
Adottando uno smart meter si può far calare la bolletta del 20 per cento
Ladri rubano una Tesla Model S armati soltanto di tablet e smartphone
Giovanissimi in fuga da Facebook
Il font che ti aiuta a ricordare quello che leggi
Tutti gli Arretrati


web metrics