Il lampadario per coltivare l'insalata in casa



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 22-03-2019]

brot 1

Chi vive in città, anche se ha la passione del giardinaggio e dell'orticoltura, difficilmente riesce anche a trovare uno spazio dove dedicarsi al proprio hobby.

La startup Benditas Studio ha escogitato una soluzione per consentire anche a chi vive in un appartamento di mantenere un contatto con la natura (e mangiarne i prodotti): Brot, un lampadario che è anche un orto in miniatura.

Presentato alla Fiera del Mobile di Stoccolma lo scorso febbraio, Brot è realizzato in terracotta e costituito da due parti.

Quella inferiore ospita una sorta di vassoio in acciaio inox all'interno del quale posizionare i semi, forniti anch'essi da Benditas Studio.

La procedura di coltivazione è molto semplice: basta tenere a bagno i semi per un certo periodo (che può variare in base alla specie prescelta), quindi spostarli nel vassoio e bagnarli due o tre volte al giorno.

Entro quattro/sei giorni - assicura la startup - spunteranno i primi germogli, ai quali luce e calore vengono forniti dalla lampada posta nella parte superiore.

Sondaggio
La cosiddetta green economy genera nuova ricchezza e aumenta sempre di più. Secondo te:
E' un sintomo di vera innovazione.
Significa che bisogna ripensare il concetto di sviluppo.
Lo sviluppo economico non può fare a meno dello sfruttamento ambientale.
E' la prova che economia e ambiente possono andare di pari passo.
E' solo una speculazione temporanea.

Mostra i risultati (3785 voti)
Leggi i commenti (6)

«Abbiamo voluto giocare con il significato di "mobilio" perché abbiamo visto progetti come "mobili per gli spazi pubblici", "mobili per il soggiorno" o "mobili per il settore contratti"... ma mai abbiamo sentito parlare di mobili per il cibo» spiega Caterina Vianna, cofondatrice di Benditas Studio e autoproclamata "amante del cibo e del design". «Progettiamo prodotti e servizi che dialogano con il cibo; li fondono in modo da diffondere un nuovo messaggio».

Per il momento Brot ancora non è in vendita, ma l'azienda spera di riuscire a trovare presto partner interessati alla produzione.

brot 2
brot 3
brot 4

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Il grano che cresce a velocità tripla (e abbisogna di meno terra)
L'orto idroponico da appartamento

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 6)

Direi che ci si possano coltivare tutti i tipi di microgreen.
3-5-2019 13:43

{m}
ma ci si può coltivare anche la lattuga?
1-5-2019 23:50

@janez Già, porzione per uno, una volta alla settimana a meno che non sostituisci tutte le lampade di casa... Poi sarei curioso di sapere che tipo di illuminazione utilizzano, se a led passi altrimenti credo che i costi di gestione e l'impegno di potenza non siano proprio "ecologici"... :roll:
24-3-2019 10:58

Stai al buio, ma almeno mangi l'insalata
21-3-2019 18:17

{ictuscano}
Sulle questioni di design non discuto, visto che ognuno ha i suoi gusti. I miei per esempio sono che la moda, specie quella femminile, è spesso ridicola, e mi chiedo come facciano a portarla. E mi viene da pensare che certi stilisti odino le loro clienti.. come certi musicisti di musica contemporanea, avete presenti quelle... Leggi tutto
21-3-2019 11:31

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Fidanzati sospettosi o inguaribili diffidenti, qual è la vostra arma preferita tra quelle che Facebook mette a disposizione di voi gelosoni per controllare il vostro partner?
I cuoricini in bacheca: un segno per far sentire sempre e dovunque la propria presenza, nonché un espediente per marcare il territorio del partner.
L'applicazione "Chi ti segue di più?": bisogna convincere il partner a usare questa applicazione (apparentemente innocua) per scovare eventuali vittime da annotare sulla propria black list.
Facebook Places: permette di taggare compulsivamente il partner e rendere noto al mondo intero il fatto che lei e il suo lui si trovano sempre insieme.
L'auto tag nelle foto: indispensabile strumento per essere certi di ricevere notifiche qualora un'altra persona osasse commentare o piazzare "Mi piace" alle foto del/della partner.
I commenti minatori: il simpatico approccio ossessivo-compulsivo verso chi tagga il partner o ne invade la bacheca. Di solito consiste in un discreto: "Che bello il MIO amore!"
Il profilo Facebook in comune: un unico profilo scoraggia anche il più audace dei rivali dal tentare un approccio.
La password nota al partner: Della serie: "Amore, se non mi nascondi niente allora posso avere la tua password?". Nessun messaggio di posta, commento o notifica è al sicuro.
Il tasto "Rimuovi dagli amici": una volta in possesso della password del partner, qualsiasi rivale dalla foto profilo provocante o la cui identità è sconosciuta verrà subito rimosso dagli amici.
La trappola: spacciandosi per il partner (password nota), si inizia a contattare i presunti rivali e testare le loro intenzioni con domande e allusioni per far cadere in trappola anche i più astuti.
Il Mi piace minatorio: post, foto, tag, nuove amicizie sono regolarmente marchiati da un Mi piace del partner. Dietro una parvenza di apprezzamento, dimostrano quanto in realtà NON piaccia l'elemento.

Mostra i risultati (397 voti)
Febbraio 2020
Come provare Windows 10X in anteprima, gratis
Windows 10, la patch causa più problemi di quelli che risolve
Gennaio 2020
Mummia di 3.000 anni torna a parlare
Microsoft per pietà aggiorna Windows 7
Agcom, due milioni di multa per Tim, Vodafone e Wind Tre
Windows 10: e adesso la pubblicità
Batterie al grafene, ormai ci siamo
Edge è morto, viva Edge (Chromium)
Il giorno della morte di Windows 7
The New Facebook, il social network cambia pelle
Samsung fa un balzo in avanti con il Galaxy S20
Dicembre 2019
Le peggiori password del 2019
Il chip che realizza la crittografia perfetta a prova di hacker
Apple al lavoro sull'iPhone satellitare
Il water inclinato che impedisce ai dipendenti di stare troppo in bagno
Tutti gli Arretrati


web metrics