I dettagli di 49 milioni di utenti di Instagram accessibili pubblicamente

Compresi quelli di celebrità, food blogger e influencer.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 22-05-2019]

instagram privacy 49 milioni utenti

Quanto tutto pareva essersi calmato, ecco un altro caso di dati che vengono trafugati perché erano conservati senza protezioni in un database accessibile a chiunque.

Questa volta si tratta delle informazioni relative a oltre 49 milioni di account Instagram (compresi influencer, food blogger e celebrità) che stavano in un database creato sulla piattaforma Amazon Web Services senza che i dati fossero criptati o che almeno servisse una password per accedervi.

Tra i dati personali in bella vista - per così dire - c'erano indirizzi email, biografie, foto del profilo, numero di follower e posizione (a livello di nazione e città).

Il colpevole di tanta leggerezza nel trattare i dettagli di tanti utenti pare essere un'azienda di Mumbai, Chtrbox, che si occupa di social media marketing: in pratica, paga i personaggi più famosi di Instagram affinché condividano certi post, regalando a questi ultimi visibilità.

Facebook, che di Instagram è proprietaria, ha fatto sapere che sta indagando sulla vicenda «per capire se i dati indicati - compresi indirizzi email e numeri di telefono - provengano davvero da Instagram o da altre fonti. Stiamo anche chiedendo a Chtrbox per capire da dove siano arrivati questi dati e in che modo siano diventati disponibili pubblicamente».

Il database, naturalmente, ora non è più online, ma non è possibile sapere quanti nel frattempo siano riusciti a farne una copia.

Sondaggio
Cosa pensi dei siti che conoscono la tua ubicazione e che ti mostrano annunci pubblicitari in base ai siti Internet che visiti o alla cronologia delle tue ricerche?
Mi piace! È molto comodo
Non mi piace molto questo meccanismo ma Internet funziona così
Utilizzo opzioni specifiche del browser per salvaguardare la mia privacy e per evitare che i miei movimenti vengano controllati
Ho installato una speciale applicazione o un plug-in per evitare che i siti Internet ottengano la mia cronologia di navigazione e le mie ricerche
È una questione che non mi ha mai interessato

Mostra i risultati (1863 voti)
Leggi i commenti (6)

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Facebook, i dati di mezzo miliardo di utenti accessibili pubblicamente
Azienda italiana lascia esposto online l'intero archivio clienti
500 milioni di account rubati a Marriott, Sheraton e altre catene di alberghi

Commenti all'articolo (3)

Evidentemente lasciare i dati degli utenti esposti conviene più che proteggerli... business as usual. Leggi tutto
26-5-2019 14:34

{utente anonimo}
Dear community, You may have seen media reports on an alleged data leak involving Chtrbox, and we would like to clarify the nature of these claims: The reports are inaccurate, in both the number of influencers included in the database as well as the nature of the data. In the 3+ years of operations, we have never had data of over... Leggi tutto
22-5-2019 12:30

Fessbuc e M$ stanno facendo a gara per chi raggiunge il massimo numero di segnalazioni, una per le violazioni della privacy e l'altra per i problemi da upgrade :twisted:
22-5-2019 11:41

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual è l'affidabilità dell'informazione su internet?
La rete è piena di giornalisti non professionisti che scrivono per lo più sulla base del sentito dire, senza una reale verifica dei dati.
Può andar bene per farsi un'idea velocemente, ma è carente se dall'informazione si vuole approfondimento e commento.
L'informazione reperibile in rete è del tutto paragonabile per contenuti e affidabilità a quella dei media tradizionali.
La qualità dell'informazione su internet è certamente più varia di quella offerta dai media tradizionali, ma sapendo scegliere siti e fonti giuste può essere superiore.
Internet è l'ultima frontiera dell'informazione libera e non irreggimentata.

Mostra i risultati (3096 voti)
Gennaio 2020
Agcom, due milioni di multa per Tim, Vodafone e Wind Tre
Windows 10: e adesso la pubblicità
Batterie al grafene, ormai ci siamo
Edge è morto, viva Edge (Chromium)
Il giorno della morte di Windows 7
The New Facebook, il social network cambia pelle
Samsung fa un balzo in avanti con il Galaxy S20
Dicembre 2019
Le peggiori password del 2019
Il chip che realizza la crittografia perfetta a prova di hacker
Apple al lavoro sull'iPhone satellitare
Il water inclinato che impedisce ai dipendenti di stare troppo in bagno
Se i poliziotti vendono nel dark web l'accesso alle telecamere di sicurezza
Il preservativo per i dispositivi USB
Il motorino elettrico di Xiaomi che costa come uno smartphone
Il ransomware che riavvia il PC in modalità provvisoria
Tutti gli Arretrati


web metrics