qBittorrent, una versione sospetta appare nel Microsoft Store

Non viene dagli sviluppatori ufficiali, ed è pure a pagamento.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 05-04-2020]

qbittorrent microsoft store

qBittorrent è uno dei clienti BitTorrent gratuiti e open source più amati e utilizzati: ha un sito ufficiale dal quale lo si può scaricare e installare in diverse versioni per i vari sistemi operativi.

Di qBittorrent esiste però anche una versione all'interno del Microsoft Store, la raccolta di applicazioni integrata in Windows 10 e che un tempo si chiamava Windows Store. Il guaio è che non si tratta di un rilascio ufficiale e, per di più, è a pagamento; ma la le stranezza non finiscono qui.

Il qBittorrent presente nel Microsoft Store è infatti molto più voluminoso della versione ufficiale: questa pesa appena 25 Mbyte; quella invece arriva a circa 310 Mbyte. Che cosa ci sarà in tutti quei megabyte in più?

Non sarebbe la prima volta che una versione poco "pulita" di un'app popolare e open source viene confezionata e messa nel Microsoft Store da parte di gente con pochi scrupoli, che tenta di venderla (quando invece sarebbe gratis) e magari la arricchisce con spyware o altre funzionalità pericolose.

Dato che non c'è ragione di scaricare la versione del Microsoft Store in luogo di quella presente sul sito ufficiale, gli utenti faranno bene a seguire le raccomandazioni degli sviluppatori di qBittorrent ed evitare di farvi affidamento.

«C'è un'app chiamata "qBittorrent" nel Windows Store, che è a pagamento» si legge infatti sul sito del client BitTorrent. «Non è un rilascio ufficiale né viene da noi. La persona che lo ha pubblicato non ha il permesso di utilizzare il nome né il logo di qBittorrent». In altre parole: lasciatela stare.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 10)

Se è tutto malware impesta anche i PC di tutti i vicini di casa!!!! :shock: :wink: Leggi tutto
23-4-2020 18:53

Grazie per la traduzione, avevo semplicemente paura che scrivendo in maniera corretta ma troppo elaborata forse per qualcuno fosse troppo difficile comprendere. :cappello: Leggi tutto
4-4-2020 21:31

Niente è sicuro informaticamente. Ci sono SO più sicuri ma il SO da solo non basta a volte servono un mare di competenze per essere veramente sicuri se ti trovi qualcuno un po' più ferrato di uno script kiddy dall'altra parte. In buona sostanza, come diceva Mitnick, l'unico computer sicuro è un computer spento custodito in una... Leggi tutto
4-4-2020 21:20

E' la pasta surgelata dell'informatica. Non ho voglia di preparare le lasagne, le prendo già belle e pronte. Magari non piacciono ma piuttosto che sbattermi ad imparare/preparare... :roll: Leggi tutto
4-4-2020 21:14

W10 non è un luogo sicuro, da qualsiasi parte lo guardi. Leggi tutto
4-4-2020 20:11

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quale tra queste minacce all'ambiente ritieni che sia quella da affrontare con maggiore urgenza?
La drastica riduzione della biodiversità: alcune stime ritengono che oltre cento specie ogni giorno si estinguano, compromettendo l'ecosistema in maniera irreversibile.
L'assottigliamento della fascia dell'ozono che protegge dagli ultravioletti dannosi: l'utilizzo di certi materiali (come i CFC) assottiglia lo strato di ozono mettendo in pericolo l'intero pianeta.
I cambiamenti climatici: l'aumento della temperatura causato dai gas serra può portare all'innalzamento dei mari e ad altre catastrofi, come inondazioni, siccità e tempeste.
I rifiuti tossici: dai pesticidi agli erbicidi fino alle scorie nucleari, tutti questi scarti hanno effetti dannosi sull'ambiente per molti anni dopo la loro produzione, contaminando acqua, aria e terra (e tutto quanto vi cresce).
L'impoverimento degli oceani: la pesca eccessiva ha decimato la fauna ittica, colpendo in particolare i grandi pesci predatori. A questa si aggiungono i rifiuti (specialmente in plastica) scaricati negli oceani e l'aumento dell'acidità dei mari.

Mostra i risultati (1872 voti)
Febbraio 2023
La verità sul “massiccio attacco hacker” di cui tutti parlano
L'Internet Archive adesso ospita anche le calcolatrici scientifiche
Facebook e Messenger scaricano intenzionalmente la batteria dello smartphone
Gennaio 2023
Windows 11, tre metodi per aggirare l'account Microsoft
Libero e Virgilio Mail offline da giorni, verso la risoluzione
Pesci da compagnia fanno acquisti sulla Switch all'insaputa del padrone
Il ritorno del Walkman
Invecchiare al tempo della Rete
Apache contro Apache
Cessa il supporto a Windows 7. Microsoft: “Non passate a Windows 10”
Lo smartphone con schermo e-ink da 6,1 pollici
Dicembre 2022
WhatsApp dal nuovo anno non funzionerà più su 47 smartphone
LastPass, la violazione è molto più grave del previsto
Netflix, giro di vite sulla condivisione delle password
Digitale terrestre: si spegne la TV in definizione standard
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 7 febbraio


web metrics