L'iPhone ci riconoscerà dalle vene del viso



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 23-07-2020]

iphone riconoscimento vene

Dopo aver abbandonato il riconoscimento tramite impronta digitale (il vecchio Touch ID), Apple ha abbracciato il riconoscimento facciale, lanciando Face ID.

Face ID è stato annunciato come più sicuro del predecessore, eppure anch'esso ha i suoi punti deboli: per esempio, fatica a distinguere due persone i cui tratti somatici siano molto simili o addirittura praticamente identici, come nel caso dei gemelli.

Per risolvere quest'ulteriore difficoltà ha brevettato una variante di Face ID che si riconosce l'utente dalle vene del volto.

La fotocamera del telefono effettua una scansione subepidermica, individuando la rete di vasi sanguigni che si nasconde sotto la pelle e che è unica per ogni persona, anche nel caso di gemelli.

Questo sistema, accoppiato ad algoritmi di machine learning dovrebbe abbattere il numero di falsi positivi che ha flagellato la versione iniziale di Face ID, che agli inizi della sua carriera poteva addirittura essere ingannato semplicemente da una maschera.

Per completezza ricordiamo come Apple non sia la prima ad aver pensato alle vene come sistema di riconoscimento.

Lo smartphone G8 ThinQ di LG già provvedeva a riconoscere l'utente da una scansione - effettuata tramite raggi infrarossi - del palmo della mano, grazie alla quale creava una mappa dei vasi sanguigni.

Il sistema pareva promettente ma il funzionamento non si rivelò all'altezza delle aspettative, e così finì nell'oblio. C'è da sperare che l'idea di Apple, una volta trasformata in realtà, offra prestazioni superiori.

apple riconoscimento vene

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Riconoscimento facciale nelle scuole per velocizzare la mensa
Android 12 si controlla con le espressioni del viso
Malvivente condannato grazie a una foto delle dita pubblicata online
Lo smartphone di LG che riconosce l'utente dal palmo della mano

Commenti all'articolo (1)

Per ora siamo ancora a livello di brevetto e quindi, per come siamo stati abituati di recente da questo mondo dei brevetti, da un'idea appena appena sviluppata per cui, da qui a capire se funzionerà, credo ce ne passi ancora un po di tempo...
25-8-2020 17:14

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Il governo vorrebbe eliminare la tassa di proprietà travestita da canone, trasferendola sulla bolletta della luce. Sei d'accordo?
No
Non lo so

Mostra i risultati (2843 voti)
Gennaio 2022
Nvidia e Arm, l'accordo è vicino a saltare
Iliad e Vodafone, fusione in vista
Video porno interrompe convegno online del Senato
Amazon introduce la consegna con la password
Parchimetri e pagamenti via codice QR, la truffa è servita
Norton e Avira generano criptovalute coi PC degli utenti
Chiude per sempre Popcorn Time, il netflix dei pirati
Digitale terrestre, riparte il balletto delle frequenze
BlackBerry addio, stavolta per davvero
Dicembre 2021
Windows 11 sbaglia a mostrare i colori
L'app che “sgonfia” Windows 10 e 11
Il CEO di Vivaldi: “Microsoft è disperata”
Gli AirTag? Ottimi per rubare le auto
Microsoft ammette: SSD più lenti con Windows 11
Smart working: dall'emergenza alla normalità
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 28 gennaio


web metrics