Facebook, la denuncia: è una piattaforma per le manipolazioni politiche

In un lungo memoriale, un'analista accusa Facebook di fallire sistematicamente nel contenere le falsità.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 15-09-2020]

facebook sophie zhang manipolazione politica

È composto da oltre 6.600 parole il memo che Sophie Zhang, ex analista di Facebook che aveva il compito di contrastare gli abusi della piattaforma, ha scritto dopo essere stata licenziata dal social network e che BuzzFeed ha pubblicato.

In esso ci sono le prove di quello che da tempo si sospetta: Facebook ormai non è più una piattaforma tramite la quale restare in contatto con amici e familiari, ma una piazza che può essere piegata al volere di chi sa come fare.

Il fenomeno riguarda moltissimi Stati - dall'India all'Ucraina, dalla Spagna al Brasile - e si basa su una tattica efficace: creare centinaia di migliaia, se non milioni, di account fake per sostenere quella parte politica o screditare quell'altra.

Zhang, che ha rifiutato i 64.000 dollari che le sono stati offerti dal social network per tenere segreto quanto ha appreso nei suoi tre anni di permanenza a Facebook, ha rivelato anche un'altra cosa: che Facebook stesso fa pochissimo per fermare questo fenomeno, di cui è perfettamente a conoscenza.

«Nei tre anni che ho passato a Facebook, ho incontrato diversi tentativi palesi da parte di governi stranieri di approfittare della nostra piattaforma su vasta scale per ingannare i propri cittadini» racconta l'ex analista nel memoriale, che BuzzFeed ha preferito non pubblicare per intero in quanto contiene nomi e accadimenti precisi, ed è quindi potenzialmente lesivo della privacy delle persone coinvolte.

Il compito di Sophie Zhang era cercare di mettere ordine in questo marasma, con un aiuto insufficiente, linee guida che le imponevano di dare priorità a Stati Uniti ed Europa occidentale e un enorme potere discrezionale a propria disposizione.

«Ho preso personalmente delle decisioni che hanno avuto conseguenze sui presidenti di alcune nazioni senza che alcuno mi supervisionasse, e ho agito contro tanti di quei politici famosi in tutto il mondo che ormai ho perso il conto» scrive ancora la donna.

Appropriata è la sintesi fatta da BuzzFeed: il memo è il racconto dei fallimenti di Facebook. Mentre, per quanto riguarda Zhang, ella stessa ammette, dando una misura della gravità della cosa: «So che ormai le mie mani sono sporche di sangue».

Tra i fatti citati nel testo, possiamo ricordare i 10,5 milioni di reazioni fasulle apparse sui profili di politici brasiliani nel 2018, o la campagna coordinata di sostegno la presidente dell'Honduras basata su «risorse fasulle», prima di agire contro la quale Facebook ha impiegato ben nove mesi.

«Rilevavamo in tutto il mondo tanti di quei comportamenti in violazione delle policy che la decisione su quali casi valesse la pena indagare ulteriormente ricadeva su di me» racconta Zhang. «Senza alcuna supervisione, sono stata lasciata in condizione di avere un'immensa influenza nel mio tempo libero» soprattutto sulle nazioni al di fuori di Usa ed Europa, ossia quelle prive di priorità.

«Un direttore del gruppo Strategic Response mi ha fatto notare come buona parte del mondo al di fuori dell'occidente era a tutti gli effetti un far west con me come dittatore part-time; lui pensava di farmi un complimento, ma ciò mostra l'enorme pressione cui ero sottoposta».

È questa pressione che l'ha portata, dopo aver lasciato Facebook, a rivelare l'importanza che il social network ha assunto nell'influenzare le scelte politiche delle persone e l'incapacità che esso stesso ha di gestire tanto potere a causa delle mancanza di risorse messe a lavorare su questo fenomeno.

«Ho preso un'infinità di decisioni, dall'Iraq all'Indonesia, dall'Italia a El Salvador. Singolarmente, in ogni caso l'impatto era piccolo; ma il mondo è molto grande».

Il punto, quindi, è che l'immagine di professionalità e di attenzione che Facebook vuole proiettare non corrisponde esattamente alla realtà: se così fosse, a Sophie Zhang sarebbero state affiancate altre persone in ruoli decisionali.

In altre parole, al di là dell'esaurimento che ciò ha causato nell'analista, per gli utenti comune tutto si risolve in un'indicazione precisa e forse già persino ovvia: qualunque sia l'argomento, solo perché tanta gente ripete via Facebook una medesima opinione, non è detto che essa sia vera od onesta.

Anzi, se riguarda un tema politico o comunque "caldo", ci sono ottime probabilità che sia stata fomentata di proposito con fini tutt'altro che trasparenti, e Facebook farà ben poco per impedire che si diffonda.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 14)

Ottima idea... del resto perché pensi che che certi personaggi ce l'abbiano tanto con l'Europa in tutte le sue manifestazioni normative? E perché proprio sui social detti personaggi imperversino tra una "bestia" e una fake? Già li sento tuonare contro i "professoroni e i burocrati europei che ci vogliono togliere anche... Leggi tutto
26-9-2020 16:58

Ed allora chiudiamo i social, ne guadagneremo tutti, d'altronde hanno fatto più danni che altro. Sono uno strumento troppo potente per lasciarlo nelle mani di pochi delinquenti. Leggi tutto
23-9-2020 10:18

Censurare internet e' come cercare di fermare un fiume con le mani. Molto piu' utile concentrarsi su quello che davvero manca in questo momento: una fonte di controllo realmente autorevole e trasversale. Questa iniziativa e' la piu' promettente che ho trovato finora, se ne conoscete altre sarei ben felice di saperlo.
23-9-2020 03:31

{Davemaru}
Beh, da quando lo conosco il web e' sempre stato "terra senza legge". Secondo me la censura nei social non funzionerà mai perchè ad un certo punto bisognerà filtrare opinioni, filtrare meme, filtrare foto. Si potrebbero diffondere stupidaggini (e convincere gente di cose) di volta in volta sul filo... Leggi tutto
18-9-2020 20:11

L'educazione, la cultura, "insegnare agli studenti", è quel che ho scritto anch'io, ma nel frattempo? Per arrivare ad avere almeno la maggioranza di chi naviga in rete in grado di distinguere una fake news da una notizia vera, ci vorrebbero almeno 40 anni (sempre che i Governi lo vogliano fare), e nel frattempo che si fa?... Leggi tutto
18-9-2020 11:47

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quale di queste affermazioni sul ruolo del digitale nella fotografia è secondo te più corretta?
Ha svilito l'arte fotografica. Oggi conta più essere bravi con i programmi di fotoritocco che dei buoni fotografi
L'era digitale è quella del falso. Praticamente non esiste foto su giornali, calendari e manifesti che non venga alterata al computer prima della pubblicazione.
Moderno strumento di democrazia, il digitale ha consetito di avvicinare per qualità il mondo degli amatori a quello dei professionisti.
I vantaggi economici e tecnici dello scattare in digitale hanno riportato interesse nella fotografia, che in ambito non professionale stava soccombendo sotto la diffusione delle videocamere.

Mostra i risultati (4581 voti)
Ottobre 2020
Apple revoca i certificati, le stampanti HP non vanno più
Windows 10 elimina la schermata Sistema, un trucco la riporta in vita
L'app che “spoglia” le donne: garante privacy apre istruttoria
Gasolio addio, FS vuole i treni a idrogeno
Windows 10, guai a catena dopo l'ultimo aggiornamento
Windows 10, Pc riavviati a forza per installare le web app di Office
Quel motivetto che hai in testa? Se lo fischietti, Google lo indovina
YouTube pronta a far guerra ad Amazon
Le cipolle troppo sexy per Facebook
Smishing, i consigli per non cadere nel tranello
Arrestato per recensioni online negative di un albergo
Windows 10, arriva l'installazione personalizzata
Il sito che installa tutte le app essenziali per Windows 10
Covid-19, casi sottostimati per colpa di Excel
Il furto automatico del PIN della carta di credito
Tutti gli Arretrati


web metrics