Ho-mobile, rischio sicurezza per due milioni e mezzo di utenti

Annunciata senza conferme la violazione dei dati personali di 2,5 milioni di utenti Ho-mobile.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 31-12-2020]

ho mobile

Circola dal 28/12 la notizia non confermata della presunta violazione dei dati personali degli utenti dell'operatore virtuale di telefonia mobile italiano Ho-mobile (Vodafone). Ne parlano, sempre in via dubitativa, Punto Informatico, TuttoAndroid, Dday.it.

Tutto, per ora, si basa su un paio di tweet dell'utente Twitter @Bank_Security, che ha una buona reputazione di attendibilità e sottolinea che si tratta di una notizia, ripeto, non confermata (specifica "allegedly", ossia "si dice che").

Secondo questi tweet, sarebbe stato messo in vendita un database contenente i dati personali di due milioni e mezzo di utenti Ho-mobile: indirizzi di mail, codice fiscale, numero di telefono, indirizzo, e ICCID, usabili per commettere intrusioni nei servizi di home banking.

Su Pastebin è stata pubblicata la struttura di questo presunto database.

Alcuni dei dati presenti nel database sembrano essere stati confermati.

Ho-mobile ha dichiarato al Corriere di non avere "evidenze di accessi massivi ai propri sistemi informatici [...]". Sarebbe interessante sapere se conferma o smentisce la struttura del database pubblicata su Pastebin. Se fosse confermata la violazione, sarebbe inevitabile una notifica al Garante per la privacy.

Selezione 040

Posso solo consigliare la massima prudenza agli utenti di Ho-mobile: aspettatevi di tutto, siate vigili sulle vostre bollette e su qualunque servizio legato alla vostra utenza mobile (per esempio per gli SMS di conferma di accesso), e non abboccate a messaggi che vi dicono di cliccare da qualche parte per risolvere la situazione. Cybersecurity360.it ha vari consigli tecnici specifici sulle misure di prevenzione che potete adottare. Non è il caso, a mio parere, di passare ad altro operatore, anche se il silenzio quasi totale di Vodafone/Ho-mobile sulla vicenda non è incoraggiante.

A Ho-mobile posso solo chiedere due cose: la prima è ovviamente fare chiarezza completa sulla notizia. La seconda è licenziare il creatore dello slogan più imbecille della storia della telefonia mobile. Già ci sono seri problemi di analfabetismo di ritorno: l'ultima cosa di cui abbiamo bisogno è gente che crei ulteriore confusione.

Ti invitiamo a leggere la pagina successiva di questo articolo:
Ho-mobile ammette la violazione dei dati dei clienti

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
 

Paolo Attivissimo

(C) by Paolo Attivissimo - www.attivissimo.net.
Distribuzione libera, purché sia inclusa la presente dicitura.

Approfondimenti
Tutti gli home banking sono a rischio, se usi Facebook
Smishing, la minaccia arriva via SMS
Furto dati Ho Mobile: il punto di vista giuridico e le ripercussioni sulla privacy

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 18)

@grober Grazie per l'aggiornamento, in effetti non era poi così probabile che ci fosse una correlazione anche se, quasi certamente, la certezza in un senso o nell'altro non si avrà mai, almeno ti hanno rimborsato e non è sempre scontato di questi tempi... :wink:
17-1-2021 10:59

Salve, non penso che il furto sia stato considerato riconducibile al furto di dati! La carta è una PPay che mi è stata sostituita ed il furto rifuso in una ventina di giorni ca. per fortuna, aggiungo! Perché anche se la cifra non era enorme, di questi tempi....... :wink: Leggi tutto
14-1-2021 00:02

Ok. Sul fatto che sia l'azienda, dopo essersi autodenunciata, ad essere tenuta a dimostrare di aver fatto tutto quanto in suo potere e secondo i criteri di massima sicurezza per evitare la sottrazione non c'è alcun dubbio, come pure è tenuta a tutte le azioni correttive necessarie ed ai rimedi adeguati nei confronti delle parti lese... Leggi tutto
9-1-2021 13:42

no, in sostanza hai ragione, ma una volta che i dati sono stati sottratti, è l'azienda al massimo a dover dimostrare che ciò è avvenuto non era evitabile perché si presume che se i dati sono stati sottratti è perché non erano adeguatamente protetti.
8-1-2021 19:55

@SverX Premetto che ho seguito solo in modo marginale l'implementazione in azienda degli aspetti riguardanti il GDPR e non sono aggiornato quindi potrei anche non ricordare correttamente. Mi pare però che, perché vengano comminate sanzioni, oltre alla sottrazione dei dati si devono verificare anche altre situazioni di dolo o negligenza... Leggi tutto
8-1-2021 13:58

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual è il motivo principale che ti può far desistere (oppure no) dal compiere un acquisto online?
La scarsa accessibilità del sito di ecommerce.
I tempi di consegna non certi.
La scomodità di dover rimanere a casa o di dover concordare la consegna con il corriere.
La possibilità che il pacco vada perso, se la spedizione non è tracciata.
La poca fiducia riposta nel negozio online.
Il prezzo maggiore del prodotto.
Le spese di spedizione elevate.
Il sovrapprezzo applicato per la spedizione contrassegno.
La scomodità di dover rispedire il pacco qualora la merce ricevuta sia danneggiata o difettosa.
La maggior difficoltà a far valere le condizioni di garanzia.
L'impossibilità di trattare sul prezzo o di chiedere uno sconto.
La poca fiducia riposta nei sistemi di pagamento online disponibili.

Mostra i risultati (2335 voti)
Novembre 2021
L'app va in crash, e la Tesla non parte più
La Rete telefonica italiana agli americani di KKR
Se il furgone di Amazon ti tampona... la colpa è di Amazon!
Il Blue Screen of Death... ritorna blu
MediaWorld sotto attacco ransomware: hacker vogliono 200 milioni in bitcoin
SPID con le Poste, il riconoscimento adesso si paga
Facebook rinuncia ufficialmente al riconoscimento facciale
Ottobre 2021
Il Nobel ad Assange
Windows 11, finalmente si possono eseguire anche le app Android
FreeOffice 2021, la suite gratuita compatibile con Microsoft Office
Apple presenta i MacBook Pro con il notch
UE, addio all'anonimato per i domini Internet
Windows 11 è disponibile. Ecco come installarlo anche senza TPM
I disservizi di Facebook costano a Mark Zuckerberg 6 miliardi
Pesa di più una chiavetta USB piena di dati o una vuota?
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 28 novembre


web metrics