"Fa' la cosa giusta" tira le somme

I numeri della prima fiera del consumo critico a Milano.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 20-03-2004]

Tra le 12.000 e le 15.000 persone hanno visitato (i più pagando il biglietto d'ingresso) la fiera Fa' la cosa giusta!. Hanno cambiato circa 12.000 euro in Ecoaspromonte presso l'ufficio del "Parco nazionale Aspromonte" e li hanno spesi in gran parte all'interno della manifestazione, dove questa moneta era accettata. In molti (non sappiamo ancora quanti) hanno perfezionato la propria migrazione al software libero, all'interno dell'install-fest.

Hanno passeggiato tra i 100 stand allestiti, dedicati a commercio equo e finanza etica, turismo responsabile e mobilità sostenibile, agricoltura biologica e cooperative sociali, libera informazione ed energie alternative. Si sono mescolati tra 133 giornalisti accreditati dall'ufficio stampa (tra i quali era presente anche Zeus News).

Hanno affrontato, con una civiltà straordinaria, anche 150 metri di coda davanti all'entrata per diverse ore del pomeriggio, sia sabato sia domenica. Almeno 500 le persone che hanno seguito i 4 convegni, venerdì sera e sabato, e altrettante quelle che hanno partecipato agli 11 seminari in programma, tutti organizzati con la collaborazione del "Forum consumo critico".

Sono ottimi numeri, per la maggior hanno raddoppiato le più rosee aspettative. Certo, non bastano per cambiare il mondo. Per esempio il nostro Presidente del Consiglio direbbe non che 15 mila donne e uomini sono andati alla fiera, ma che 49 milioni e 985 mila sono rimasti a casa. In realtà lo scopo di queste persone non è quello di forzare l'universo dei consumatori a cambiare stile di vita. Per il momento, realizzare per se stessi uno stile di vita sano, coerente, compatibile è già un grosso risultato. Raggiungiamo questo, poi vedremo.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (2)

Michele Bottari
>Io ci sono stato, e ci mancava solo la Nestlè e la Kraft come espositori! Sì confermo, non c'erano, ma non ne ho sentito la mancanza ;)>materiale radical chic a prezzo radical chic; Il problema dei prezzi è di non poco conto: finchè rimarremo una nicchia non ce lo scrolleremo di dosso. Speriamo... Leggi tutto
24-3-2004 12:14

FC
Zeusnews Leggi tutto
23-3-2004 15:49

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Immaginiamo un mondo popolato dalle auto di Google: senza pilota, senza sterzo e senza pedali. Qual Ŕ il maggior svantaggio? (vedi anche i vantaggi)
L'auto di Google Ŕ veramente brutta! Pi¨ che un auto Ŕ un'ovovia.
Ci toglierÓ il piacere di guidare e la nostra vita sarÓ un po' pi¨ triste.
AvrÓ un costo non sostenibile per la maggior parte degli utenti.
Ci sarÓ maggior traffico: con un'auto senza pilota il trasporto privato verrebbe incentivato rispetto al trasporto pubblico.
Il Gps incorporato potrebbe non essere efficiente, costringendoci a fare percorsi pi¨ lunghi o pi¨ lenti o addirittura non portandoci mai a destinazione.
Ho timori soprattutto per la privacy: le auto di Google potranno collezionare dati su come mi sposto e quando.
In caso di incidente con nessuno al volante, non Ŕ chiaro di chi sarÓ la responsabilitÓ civile. E a chi tocca pagare l'assicurazione? All'utente o a Google? O allo Stato?
SarÓ esposta ad attacchi hacker o terroristici: di fatto avremo minore sicurezza sulle strade.
Se il sistema prevede un urto inevitabile, potrebbe trovarsi di fronte a scelte etiche insormontabili. Uccidere un anziano o un bambino? Due uomini o un bambino? Un uomo o una donna? Uscire di strada o urtare altri veicoli o pedoni? Andare addosso a un SUV o a un'utilitaria?
Rispetto alle auto tradizionali impiegheranno troppo tempo ad arrivare a destinazione, non potendo superare i limiti di velocitÓ o fare manovre azzardate.
I tassisti non esisteranno pi¨: giÓ immagino le loro legittime proteste.

Mostra i risultati (1864 voti)
Aprile 2020
Violata Email.it: sottratti dati di 600.000 utenti, password comprese
5G e coronavirus, cittadini danno fuoco alle torri della telefonia
Tanti invocano l'app anti-coronavirus
Coronavirus, ragazzini si divertono a creare malware in tema
Vulnerabilità in Zoom, a rischio le password di Windows
Marzo 2020
Oltre un milione di e-book gratis sull'Internet Archive
La truffa della chiavetta Usb che arriva per posta
Windows 10, Pannello di Controllo verso la pensione
Windows 10, in un video un assaggio delle novità
Cellulari, app e privacy ai tempi della pandemia
Coronavirus Challenge, leccare una toilette per notorietà
Windows 10, patch di emergenza per evitare il nuovo WannaCry
L'open source contro il coronavirus
Windows 10, l'update KB4535996 mina le prestazioni
L'Unione Europea vuole un proprio sistema operativo
Tutti gli Arretrati


web metrics