Governo battuto, ma il decreto Urbani passa

Il decreto Urbani, dopo una battuta d'arresto questa mattina, è stato approvato dalla Camera e ora la discussione passa al Senato. Niente più provider sceriffi, ma le sanzioni per gli utenti restano.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 22-04-2004]

Il decreto Urbani anche in Aula a Montecitorio non ha vita facile. Nella conversione del decreto in legge, infatti, è stato approvato un emendamento proposto dall'opposizione, i firmatari sono Pietro Folena (Ds) e Mauro Bulgarelli (Verdi).

L'emendamento sopprime l'obbligo per i provider di denunciare le violazioni commesse tramite Internet, una norma molto contestata proprio dai fornitori di connettività, che avrebbero dovuto diventare una sorta di sceriffi della rete.

La battuta d'arresto sarebbe dovuta principalmente alle assenze nella maggioranza; non sappiamo quanto abbiano contribuito anche le discussioni sviluppatesi in rete nelle scorse settimane.

Il senatore Fiorello Cortiana, presidente dell'Interguppo Bicamerale per l'Innovazione Tecnologica, nelle scorse settimane aveva molto criticato la prima stesura del decreto; adesso esprime soddisfazione per i fatti di questa mattina. "L'emendamento promosso dall'on. Bulgarelli dei Verdi e dall'on. Folena, su cui il Governo e' stato battuto, toglie di mezzo l'ultima questione su cui gia' nei giorni scorsi avevamo sollevato aspre obiezioni: ridurre i provider a cani da guardia di internet".

Cortiana tocca anche un altro punto, quello del cinema italiano: "Non si capisce perché i film prodotti con denaro pubblico mai restituito non possano diventare di dominio pubblico, visto che sono fatti con i soldi dei cittadini, e divenire quindi liberamente scaricabili tramite internet, sottoposti alla licenza Creative Commons".

Link utili

Qui trovate il testo del disegno che converte in legge il decreto Urbani, e qui gli emendamenti presentati. L'emendamento approvato sopprime il comma 7 dell'articolo 1.

Aggiornamento

Nel primo pomeriggio la Camera ha approvato il decreto Urbani: l'esame del disegno di legge passerà ora al Senato. I sì sono stati 221, 12 i no, 175 gli astenuti. Il centrosinistra si è astenuto mentre Verdi e Rifondazione hanno votato contro.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (2)

Enrico
perchè Urbani che fà? Leggi tutto
23-4-2004 12:56

veronica
i giornali ci prendono in giro? Leggi tutto
23-4-2004 08:49

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Dal 2013 è obbligatoria l'iscrizione online per le prime classi di tutte le scuole. Secondo te...
E' giusto e da Paese civile.
Molte famiglie saranno in difficoltà perché non hanno la connessione o non navigano in Internet.
Va bene ma ci vuole un supporto per le famiglie che ancora non navigano in Rete.

Mostra i risultati (1568 voti)
Settembre 2021
Microsoft cede: Windows 11 si installa anche su hardware incompatibile
Windows 10, l'update di settembre impedisce di stampare
Truffatori scavalcano le difese informatiche nella maniera più semplice
Apple svela gli iPhone “più Pro” di sempre
Ripristinare il vecchio menu Start in Windows 11
Uno spot mette Windows 11 KO
L'auto elettrica di Apple
Microsoft non bloccherà Windows 11 sui PC non supportati
Windows 11, svelata la data di lancio
Agosto 2021
La barra di Windows 11 è di proposito peggiore di quella di Windows 10
Violati i server TIM, password degli utenti a rischio
Windows 11, disponibile la prima ISO ufficiale
Microsoft: disabilitate il sistema di stampa di Windows (di nuovo)
Google taglia gli stipendi a chi sceglie il telelavoro
Gli iPhone scansioneranno tutte le foto alla ricerca di pedopornografia
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 26 settembre


web metrics