La battaglia dell'Umts

Le elezioni politiche italiane del 2006 saranno le prime a cui parteciperanno almeno dieci milioni di italiani dotati di videofonino. Vivremo una campagna elettorale basata su videospot inviati ai cellulari?



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 06-11-2004]

Oggi abbiamo già quasi un milione e mezzo di abbonamenti a videofonini di 3, la prima compagnia italiana a offrire servizi di videocomunicazione mobile. Anche Tim e Vodafone hanno iniziato l'offerta commerciale dei loro servizi.

Vodafone si basa soprattutto sull'offerta di Sim Card Gsm/Umts abilitate anche al Wi-Fi, mentre Tim punta molto su Edge (la sua pubblicità lo chiama "il turbo"), un Gprs più veloce che permette di ricevere brevi filmati, ma non ancora la videtelefonata. Wind sarà pronta per Natale con il proprio Umts.

Tra Natale e la primavera del prossimo anno gli italiani saranno investiti da una campagna pubblicitaria di dimensioni impressionanti: Tim dovrebbe offrire fino a 10 modelli di telefonini Umts, più costosi di quelli di 3 (ma non molto) ma idonei a ospitare U-Sim di altri gestori.

Ancora Tim ha annunciato con Nokia la realizzazione di un'applicazione di "videosharing" che permetterebbe di scambiarsi e condividere video con i telefonini Umts come avviene con il P2P sui Pc. La battaglia naturalmente avverrà a colpi di tariffe: chi offre la tariffe "tutto compreso", comprensive di Sms, MMS, videotelefonate, traffico voce al prezzo più basso?

E' prevedibile che in un anno tra tutti e quattro i gestori, per l'effetto imitazione e per la passione per i cellulari che contraddistingue gli italiani, si arrivi a una cifra nella primavera del 2006, di 8 o anche 10 milioni e più di titolari di un abbonamento o carta prepagata Umts, abituati a consumare video dalle partite di calcio, al Grande Fratello, in giro per la città o sui treni.

Nella primavera del 2006 si svolgeranno le elezioni politiche per il rinnovo della Camera dei Deputati, che vedranno fronteggiarsi i due schieramenti, guidati rispettivamente dall'attuale Premier Silvio Berlusconi e dal Presidente uscente della Commissione Europea Romano Prodi.

Berlusconi è l'uomo che nel 1994 è entrato come un fulmine sul palcoscenico della politica italiana, come uno dei principali attori, anche grazie all'uso, per la prima volta massiccio, della pubblicità elettorale televisiva, grazie alla proprietà e al controllo delle sue reti televisive. Nel 1996 il CentroSinistra, per impulso soprattutto dell'allora Presidente della Repubblica Scalfaro, adottò la legge cosidetta sulla "par condicio", che regolamentò la pubblicità elettorale televisiva e proibì l'uso degli spot politici.

Nel 2001 per motivi politici e non più "televisivi" Silvio Berlusconi riuscì a riconquistare il Governo del Paese e, da allora, chiede spesso ai propri alleati di cambiare la legge sulla "par condicio", che ritiene un grave limite alle sue possibilità di mantenimento del governo. Finora, i suoi alleati (An ma soprattutto l'Udc) si sono dichiarati contrari, timorosi della potenza di fuoco televisiva che il Cavaliere potrebbe scatenare sugli schermi senza più limiti e regole, ridimensionando innanzitutto le forze politiche minori sue alleate, prima ancora che gli avversari dell'opposizione.

Berlusconi, se non dovesse riuscire a modificare a proprio favore le regole della pubblicità elettorale televisiva, potrebbe probabilmente investire molto in pubblicità sui videofonini. Potrebbe offrire ai possessori di videofonino spettacoli, partite di calcio, perfino filmini non proprio per famiglie, naturalmente preceduti e intervallati da messaggi elettorali, magari da piccoli spot di pochi secondi.

Sarebbe una versione moderna e gradevole, apprezzata anche da chi non è eccessivamente enntusiasta delle politiche del Cavaliere, della "coscrizione obbligatoria" via Sms per il voto, sperimentata dalla Presidenza del Consiglio nelle recenti tornate elettorale comunali e provinciali.

Bush e Kerry nelle ultime elezioni presidenziali hanno fatto un gran uso della Rete, con mail e blog, in un Paese come l'America dove quasi il 60% della popolazione dispone di una connessione Internet. Però in Italia lo strumento di comunicazione di massa non è la Rete, ma il cellulare: quelle del 2006 saranno le prime elezioni giocate via Umts?

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Commenti all'articolo (5)

Gateo
Va bene mettersi avanti Leggi tutto
8-11-2004 15:07

Annolona
come impedirlo Leggi tutto
8-11-2004 14:17

barabba
Berlusconi.... Leggi tutto
6-11-2004 23:07

ma dai!!! Leggi tutto
6-11-2004 19:01

Thapsos
Paranoia in anticipo.... Leggi tutto
6-11-2004 14:32

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Utilizzi le licenze Creative Commons per i tuoi lavori?
Sì: le Creative Commons mi aiutano a diffondere il mio lavoro gratuitamente e ottenendone il credito.
No: non ho motivo di utilizzarle perché esiste già una legge sul copyright.
Sì: le Creative Commons mi consentono di diffondere il mio lavoro e di ottenere dei guadagni.
No: necessito di ricavare dei soldi dal mio lavoro, e le Creative Commons non mi aiutano in tal senso.

Mostra i risultati (336 voti)
Febbraio 2019
Hai criticato Mark Zuckerberg? Allora forse Facebook ti sta già tracciando
Microsoft chiede agli utenti di non usare Internet Explorer
Cassandra Crossing/ Colore viola addio
Microsoft: Non comprate Office 2019
Storia di un attacco informatico a una banca
Lasciate Facebook per un mese: vi farà bene
Windows Update irraggiungibile, ma torna a funzionare cambiando i DNS
Prosecco italiano sotto accusa: distrugge le colline da cui nasce
Gennaio 2019
Cassandra Crossing/ Truffati o indotti in errore?
La lavastoviglie compatta che lava i piatti in 10 minuti
Microsoft azzoppa Windows Media Player in Windows 7
Facebook vuole unificare Instagram, Messenger e WhatsApp
Windows Lite farà piazza pulita delle ''piastrelle'' nel menu Start
I dipendenti del social network sanno tutto. E se la ridono
Il sito Torrent distribuito e impossibile da censurare
Tutti gli Arretrati


web metrics