La "portability" cellulare occulta i costi delle chiamate?

Dai primi di ottobre 2004 circola in Rete un appello che lamenta l'inganno della cosiddetta number portability: la possibilità di passare da un gestore all'altro mantenendo il vecchio numero del telefonino.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 22-11-2004]

Secondo l'appello, nessuno degli operatori cellulari italiani "spiega quanto l'adesione a macchia di leopardo a questo servizio stia costando a noi ignari consumatori."

La teoria proposta dall'appello è che grazie alla trasferibilità del numero da un operatore all'altro, tutte le promozioni che offrono sconti per le telefonate fra utenti dello stesso operatore sono difficili da applicare correttamente.

Adesso, infatti, non c'è più la corrispondenza di un tempo fra prefisso e operatore, grazie alla quale bastava guardare il prefisso per sapere se la persona che volevamo chiamare aveva il nostro stesso operatore e quindi ci costava meno chiamarla.

Secondo l'appello, insomma, "quelle telefonate che pensiamo costino poco possono in realtà costarci parecchio", perché se ci basiamo sul prefisso possiamo facilmente credere di star telefonando a un utente che ha il nostro medesimo operatore (e quindi spendiamo meno) quando in realtà il nostro interlocutore ha un operatore diverso (e quindi ci costa molto di più).

L'appello rivela che "un modo per risparmiare, o comunque per sapere se la telefonata che stiamo per fare ci costerà poco o molto, in realtà esiste, ma" - e qui scatta l'accusa di complotto - "come è logico nessun gestore lo pubblicizza perchè è maggiore l'interesse a mantenere i propri clienti all'oscuro della cosa."

Il modo sarebbe quello di ricordarsi un codice numerico diverso per ciascun operatore ("456 per i clienti vodafone, 4884 per i clienti tim") da anteporre a ogni numero composto "affinchè una gentilissima e "gratuita" voce di donna ci comunichi a che gestore oggi appartiene il numero che stiamo chiamando". L'appello non specifica se esiste un codice anche per gli operatori 3 e Wind.

L'appello non è una bufala vera e propria, ma gli manca qualche dettaglio abbastanza importante.

Il concetto di base è esatto: con l'introduzione della possibilità di cambiare gestore senza cambiare numero di telefonino, è scomparsa la tradizionale corrispondenza fra prefisso e operatore ed è quindi diventato più difficile sapere quanto si spende se si hanno sconti per le chiamate fra utenti del medesimo operatore. Due utenti con lo stesso prefisso, infatti, oggi possono appartenere a operatori differenti.

Ma questo drammatico problema si risolve in un modo molto più semplice e universale di quanto afferma l'appello. Per sapere a quale operatore telefonico (Tim, Wind, Vodafone, 3) appartiene un numero di cellulare, basta anteporre il codice numerico 456 quando componete il numero di telefonino dell'utente. E' un codice unico, valido per tutti gli operatori.

Prima di essere collegati all'utente desiderato (e quindi prima di cominciare a pagare), una voce darà informazioni sull'operatore di appartenenza di quell'utente. Il servizio è gratuito e vale per tutti gli operatori cellulari.

La situazione è riassunta con chiarezza da un articolo pubblicato da Prontoconsumatore.it che specifica che oltre al numero universale 456 alcuni operatori offrono spesso un altro numero e propongono opzioni personalizzate, descritte nell'articolo.

L'appello afferma che le informazioni sul servizio di trasparenza tariffaria sono poco pubblicizzate, ma sono comunque attualmente disponibili nelle seguenti pagine Web dei rispettivi operatori: Tim, Vodafone, Wind (cliccate sulle parole "Wind Identity"), 3.

Un'altra inesattezza dell'appello è che si insinua che il servizio non sia gratuito, ma in realtà lo è.

L'indagine antibufala completa è come sempre a vostra disposizione qui.

Aggiornamento (26 novembre 2004): i test dei lettori

A seguito di alcune segnalazioni di inesattezze nel testo originale di quest'indagine, ho chiesto ai lettori di fare alcuni test componendo il 456 per vedere esattamente cosa succede quando si interroga il servizio di trasparenza per sapere se l'utente con il quale vogliamo parlare ha o no il nostro stesso operatore.

Risulta che non tutti gli operatori si comportano allo stesso modo: alcuni identificano l'operatore del numero chiamato, altri si limitano a dire che si tratta di altro operatore; alcuni inoltrano la chiamata dopo il messaggio informativo, altri no.

Ecco in sintesi i risultati di circa 300 test (a proposito, grazie per la collaborazione):

- Tim non identifica l'operatore del numero chiamato e non inoltra la chiamata
- Vodafone non identifica l'operatore del numero chiamato e inoltra la chiamata
- 3 identifica l'operatore del numero chiamato e inoltra la chiamata
- Wind identifica l'operatore del numero chiamato e non inoltra la chiamata

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
 

Paolo Attivissimo

(C) by Paolo Attivissimo - www.attivissimo.net.
Distribuzione libera, purché sia inclusa la presente dicitura.

Commenti all'articolo (4)

SteveR
peccato... Leggi tutto
27-11-2004 10:12

Alfio Lago
Portabilità Leggi tutto
24-11-2004 00:37

Massimo
il servizio 456 funziona male Leggi tutto
22-11-2004 15:41

Willy
La "portability" cellulare occulta i costi delle c Leggi tutto
22-11-2004 12:09

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual è l'affidabilità dell'informazione su internet?
La rete è piena di giornalisti non professionisti che scrivono per lo più sulla base del sentito dire, senza una reale verifica dei dati.
Può andar bene per farsi un'idea velocemente, ma è carente se dall'informazione si vuole approfondimento e commento.
L'informazione reperibile in rete è del tutto paragonabile per contenuti e affidabilità a quella dei media tradizionali.
La qualità dell'informazione su internet è certamente più varia di quella offerta dai media tradizionali, ma sapendo scegliere siti e fonti giuste può essere superiore.
Internet è l'ultima frontiera dell'informazione libera e non irreggimentata.

Mostra i risultati (2981 voti)
Aprile 2019
È possibile rilevare telecamere nascoste in una camera d'albergo?
La falla in IE che vi ruba i dati anche se non lo usate
Windows, gli aggiornamenti di aprile bloccano i PC con Avast e Sophos
Arrestato Assange, il commento di Paolo Attivissimo
Assange arrestato: ecco cosa rischia
Windows XP, anche l'ultima versione supportata getta la spugna
Nessuno usa la rimozione sicura USB: cambia la policy di Windows
La VPN per chi non sa che cosa sia una VPN
Facebook, i dati di mezzo miliardo di utenti accessibili pubblicamente
Anche Nokia ha il suo smartphone col buco
Asus, utenti attaccati tramite aggiornamenti di sistema
Marzo 2019
L'estensione che ripristina i risultati censurati da Google
UE, approvata la riforma del diritto d'autore, compresi gli articoli 11 e 13
Tecnico IT licenziato si vendica cancellando 23 server
Facebook, le password di centinaia di milioni di utenti salvate in chiaro: cambiatele
Tutti gli Arretrati


web metrics