Copiare, amare, o entrambe le cose?

Il nuovo progetto contro la pirateria portato avanti da BSA, FAPAV e FPM si chiama "Copy or love" e coinvolgerà gli studenti delle scuole superiori per incentivarli a non copiare; ma è lecito aspettarsi che il progetto non coinvolgerà le realtà legate al software open source.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 02-12-2004]

Si chiama Copy or love il progetto messo in atto da Business Software Alliance, Federazione contro la Pirateria Musicale e Federazione Anti-Pirateria Audiovisiva, in collaborazione con la Direzione Generale Sistemi Informativi del Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca.

Il progetto di BSA, FAPAV e FPM prevede l'organizzazione di incontri con gli studenti del biennio delle scuole medie superiori, soggetti che forse sono tra i pochi "recuperabili" perché non ancora contagiati dalla "febbre" del file sharing.

L'onorevole Fiorello Cortiana ha commentato l'iniziativa, rilasciando a Zeus News le seguenti dichiarazioni: "Fare una campagna contro la pirateria nelle scuole, come quella del Ministero dell'Istruzione, è utile; ma farla solo con i detentori di prodotti proprietari e coperti dalle forme più vecchie del diritto d'autore è poco innovativo".

"Esistono licenze e prodotti, non rappresentati da BSA, FPM e FAPAV, come il software libero e le licenze Creative Commons che non è vietato copiare, ma anzi è meritorio e legale copiare. Spero che i testimonial raccontino anche questa faccia della realtà, anche se ne dubito".

"Credo che sia giusto avviare una campagna di sensibilizzazione verso la questione della pirateria, ma il Governo dovrebbe prima risolvere la questione del famigerato ed eccessivo decreto Urbani, che dà, come a un camorrista, quattro anni di carcere per il ragazzo che scambia una canzonetta".

"Avrei preferito prima la prevenzione e poi la sanzione commisurata al danno, non prima una smisurata sanzione penale e poi una foglia di fico per la prevenzione".

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (3)

Giò
Copiare per creare Leggi tutto
3-12-2004 19:19

Damiano
che squallore... Leggi tutto
3-12-2004 16:03

Giampaolo
.....siamo pirati a prescindere!! Leggi tutto
3-12-2004 13:49

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Una donna è stata querelata per una recensione negativa di un ristorante scritta su Trip Advisor. Quale di queste affermazioni trovi più vicina al tuo pensiero?
Non è giusto che un'opinione scritta su Internet sia considerata pari a un articolo su un giornale. Bisogna rivedere al più presto le leggi sulla difesa dell'onore e sulla diffamazione.
E' giusto che anche sui forum o su Facebook o sui siti di recensioni si applichino le leggi relative alla diffamazione. Un'opinione negativa può rovinare la reputazione di un locale.
Gli utenti devono poter esprimere con la massima libertà la propria opinione su ristoranti, alberghi, ma anche prodotti o servizi acquistati. Un'opinione negativa non dovrebbe essere considerata diffamazione.
Trovo che oggi più che mai sia necessario prestare la massima attenzione a quello che si scrive online.
Le recensioni su Internet sono in gran parte inaffidabili: quelle positive sono scritte dai proprietari, quelle negative dalla concorrenza. In ogni caso l'opinione dei pochi singoli onesti non è significativa.
Vorrei dire la mia sul forum di Zeus News ma temo che prima dovrei procurarmi un buon avvocato, non si sa mai.

Mostra i risultati (3837 voti)
Febbraio 2021
Nuovi Mac, gli SSD durano pochissimo
Elettrodomestici, A+++ può diventare B o C
Se non accetti le nuove condizioni, WhatsApp ti cancella l'account
Come perdere mezzo miliardo: non serve smarrire la password del wallet Bitcoin
Sms svuota conto corrente: occhio alla truffa
Vendere o comprare una casa online all'asta (senza Tribunale)
Hacking e caffeina: 167.772 euro da spendere in caffè
Arriva LibreOffice 7.1 Community ma è importante non usarlo in azienda
Didattica a distanza, genio su Zoom
La Stampa, L’Espresso, il Corriere e il metodo redazionale: nessuno rilegge
Sgominato Emotet, la madre di tutti i malware
Gennaio 2021
iPhone 12 e pacemaker, meglio che stiano lontani
Minori su Tik Tok, accesso con Spid?
Il disastro tragicomico di Parler
Fregare Big Pharma con il vaccino
Tutti gli Arretrati


web metrics