Google hacking

Come utilizzare il motore di ricerca più famoso del mondo per carpire informazioni utili sulle vulnerabilità dei siti web.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 28-01-2005]

google hacking

Il worm Santy è stato solo l'inizio. L'utilizzo di Google da parte di codici virali e hacker alla caccia di vulnerabilità si diffonderà sempre di più. Che il Google Hacking sia in crescita lo si può affermare dando un'occhiata alla grande mole di materiale presente su Internet, utile per capire come far diventare il motore di ricerca uno strumento potente in mano a cracker o esperti di sicurezza.

Un sito di riferimento in questo senso è http://johnny.ihackstuff.com/ che raccoglie un vero e proprio Google Hacking Database, sorta di Bibbia che presenta esempi concreti di utilizzo di Google come strumento utile per un black hat. Su Amazon è addirittura possibile acquistare il libro scritto da Johnny Long (autore del sito citato) e intitolato Google Hacking for Penetration Testers.

Per poter padroneggiare le tecniche di Google hacking è necessario conoscere l'utilizzo di funzioni di ricerca avanzate. Non tutti sanno che Google può infatti utilizzare degli operatori all'interno del campo di ricerca in grado di produrre risultati molto interessanti per un cracker alla ricerca di informazioni e vulnerabilità. Ecco in sintesi gli operatori di ricerca utilizzati per estrarre preziose informazioni dalle pagine web indicizzate da Google:

  • site: trova il termine ricercato soltanto nel sito specificato (es. site:www.zeusnews.it matteo campofiorito)
  • filetype: trova soltanto documenti con l'estensione indicata (es. filetype:pdf)
  • link: trova tutti i siti che hanno un link al termine ricercato (es. link:www.zeusnews.it)
  • cache: visualizza la copia cache archiviata da Google della pagina ricercata (es. cache:www.zeusnews.it)
  • intitle: cerca tutte le pagine web che contengano nel titolo il termine ricercato (es.intitle:zeusnews)
  • inurl: cerca all'interno dell'URL di una pagina (es. inurl:zeusnews)

Gli operatori presentati possono inoltre essere combinati e dare luogo a ricerche avanzate in grado di far scoprire dati e informazioni utili su un sito web. Se si è alla ricerca ad esempio della pagina di login amministrativo di un qualsiasi sito basterà utilizzare lo stesso operatore inurl: in un modo simile a: inurl:admin inurl:login. Oppure combinando due operatori distinti: inurl:admin filetype:php si avrà come risultato la pagina di login amministrativo di una piattaforma di gestione contenuti in php.

Gli esempi presentati sono molto semplici ma esistono tecniche molto più raffinate di Google hacking. A chi volesse approfondire l'argomento consiglio la lettura di The Google Hacker Guide, una guida completa scaricabile dalla sezione download del sito di Johnny Long previa registrazione gratuita.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (3)

Gianni
Sabotaggio Leggi tutto
16-4-2005 12:05

skorpion
cambiera keywords ora che le ricerche avanzate le faranno anche i bambini come ha gia fatto in passato. (es filetype)
29-1-2005 10:47

Paolo
Google non aspetta secoli per chiudere lel porte ! Leggi tutto
29-1-2005 10:04

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Una ricerca dell'UniversitÓ di Lund (Svezia) mostra che avere un bambino costa al Pianeta l'emissione di 58,6 tonnellate di CO2 l'anno. In proporzione, si tenga conto che non avere l'auto fa risparmiare 2,4 tonnellate di CO2, l'essere vegani 0,8 tonnellate ed evitare un viaggio aereo 1,6 tonnellate. Lo studio conclude che una famiglia che sceglie di avere un bambino in meno contribuisce alla riduzione di emissioni di CO2 quanto 684 teenager che decidono di adottare un comportamento ecologista per il resto della vita. Cosa ne pensi?
╚ corretto. Far˛ meno figli.
Sono pazzi questi svedesi.

Mostra i risultati (1462 voti)
Marzo 2023
CorePC: una versione di Windows leggerissima, modulare e più sicura
iPhone 15, addio alle SIM anche in Italia?
Hyundai: i touchscreen nelle auto sono pericolosi
Windows 11, ancora SSD lenti dopo l'ultimo aggiornamento
La IA entra in Gmail e nei Documenti di Google
Samsung beccata a barare sulle foto della Luna
Perché c'è una fotocamera negli scanner dei supermercati?
Il primo datacenter lunare sta per aprire i battenti
Amazon chiude 8 negozi “senza commessi”
Meta inietterà la IA in WhatsApp, Facebook Messenger e Instagram
Febbraio 2023
Intelligenza artificiale: il programmatore pericoloso
SPID a rischio, due mesi per deciderne il futuro
L'UE vara il Portafoglio per l'Identità Digitale
Sfida su TikTok costringe ad aggiornare 8 milioni di auto
Windows 11 è praticamente uno spyware
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 2 aprile


web metrics