Meno privacy contro il terrorismo

Una proposta del Governo inglese limiterà di fatto la privacy dei cittadini europei. Con la ripresa di un dibattito mai risolto.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 11-07-2005]

I recenti attentati terroristici di Londra e le conseguenti misure straordinarie in materia di terrorismo, stanno riguardando anche la sfera delle comunicazioni personali dei cittadini.

Secondo quanto affermato ieri dall'edizione on line del quotidiano "La Repubblica", il ministro degli interni inglese Charles Clarke proporrà a breve che tutte le conversazioni telefoniche e i messaggi e-mail dei cittadini europei potranno essere archiviati per un periodo minimo di sei mesi fino a un massimo, non ben meglio stablito, di alcuni anni.

La proposta, estesa ai colleghi omologhi degli altri Paesi dell'Unione, e che sarà discussa più in dettaglio nel vertice di Bruxelles di mercoledì 13 luglio, ha già incontrato il favore del Ministro degli Interni Beppe Pisanu che in questi giorni discuterà un Decreto Legge recante misure urgenti in materia di prevenzione contro il terrorismo internazionale, decreto legge a cui maggioranza e opposizione hanno già assicurato parere favorevole e unitario.

Non sono ancora chiare le modalità con le quali questi dati verranno archiviati, in un primo tempo si è parlato di archiviazione degli estremi essenziali e non dei contenuti, ma ogni paese dovrebbe poter applicare la proposta con un ampio margine di discrezionalità in questo senso.

L'eterno dibattito, dunque, si proprone ancora e nei suoi termini più estremi: è giusto e corretto ledere la privacy dei cittadini per motivi straordinari di ordine pubblico e di prevenzione di atti di terrorismo?

Ciascuno di noi avrà la sua risposta a questo riguardo. Alcuni diranno di essere disposti a sacrificare un po' della loro riservatezza in nome di una buona causa e di un decreto legge che potrebbe aiutare a prevenire danni ben più gravi, altri invece diranno che lo Stato non può arrogarsi il diritto di entrare nella vita privata e nelle comunicazioni dei suoi cittadini e che se qualcuno telefona alla moglie per dirle di buttare la pasta, a meno di non commettere un reato sono comunque affari suoi.

Tutte e due queste posizioni sono emotivamente e umanamente comprensibili, e portano argomentazoni valide.

C'è però da notare come la Costituzione italiana affermi all'articolo 15 che "La libertà e la segretezza della corrispondenza e di ogni altra forma di comunicazione sono inviolabili." e che una limitazione può essere data solo dall'Autorità Giudiziaria con atto motivato. Cò non significa, naturalmente, che il decreto legge in discussione sia antcostituzionale, ma che il principio è bene espresso e chiaro nella nostra Carta fondamentale.

Non è la prima volta che il Governo cerca di intervenire sulla conservazione dei dati riguardanti le comunicazioni dei cittadini. Un paio di anni or sono era già stata avanzata la proposta di portare da tre a cinque anni il limite massimo di tempo durante il quale un provider internet o un gestore di telefonia fissa e mobile dovevano tenere a disposizione dell'Autorità Giudiziaria i dati relativi al traffico e-mail e telefonico dei propri abbonati.

Non c'è che augurarsi che il Garante della Privacy si esprima al più presto su questa delicata questione con una posizione di equilibrio, fermo restando il fatto che tutti siamo comunque "spiati" continuamente senza che nessuno ce lo dica o ce ne chieda il permesso, e anche questo è un dato di fatto.

Nelle comunicazioni via Internet, in particolare quelle via posta elettronica, c'è solo da affidarsi a quello che negli anni si è affermato come lo strumento più valido e sicuro, la crittografia forte a chiave pubblica. A meno che qualcuno non pensi (e che ne sono!) che chi usa PGP, GPG o simili, per il solo fatto di usarli, possa rientrare nel novero sei soliti sospetti. Che, guarda caso, non sono mai quelli che mettono le bombe.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 18)

non è impossibile fare data mining se idati vengono divisi per mese e luogo di registrazione.la ricerca non la fai più fra i miliardi di giga di chiamate in europa; dsevi avere qualche informazione sul chiamante, luogo o periodo delle chiamate per restringere il campo della ricerca..al momento non ci sono sistemi d'analisi... Leggi tutto
19-7-2005 11:25

gabriel
Legge sulla privacy e sms per votare Leggi tutto
17-7-2005 22:30

Giusy
E cosa ce ne facciamo della legge sulla privacy? Leggi tutto
17-7-2005 20:54

e io pago.. Leggi tutto
16-7-2005 23:34

gabriel
privacy e terrorismo Leggi tutto
16-7-2005 17:50

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Controlli su Facebook le tue (o i tuoi) ex?
No, non ci penso proprio.
A volte guardo il loro profilo o i loro gli aggiornamenti di stato.
S, controllo ogni loro mossa.
Le ex (o gli ex) in genere non sono miei amici di Facebook.
Ma quale Facebook! Io uso Twitter (o Google+ o altro social media).

Mostra i risultati (1696 voti)
Dicembre 2019
Arriva in Italia la sala cinematografica ScreenX con visione a 270 gradi
Il malware fileless che attacca i Mac
Il software per ricevere gli update di Windows 7 senza pagare
Plex sfida Netflix con migliaia di film e serie TV gratis per tutti
Aggiornare gratis a Windows 10 si può ancora, ecco come
Scovare il Product Key di Windows usando solo il sistema operativo
Novembre 2019
WhatsApp, arrivano i messaggi che si autodistruggono
Skimmer virtuali sempre più diffusi, a rischio i dati delle carte di credito
Il pickup elettrico di Tesla debutta con una figuraccia
Falla nell'app fotocamera di Android, milioni di smartphone a rischio
Windows 10, iniziano gli aggiornamenti forzati
Facebook attiva di nascosto la fotocamera dell'iPhone
Apple, deciso in una riunione segreta il dispositivo che sostituirà l'iPhone
Bug in Firefox, truffatori già all'opera
Quattordicenne risolve il problema dei punti ciechi nelle auto
Tutti gli Arretrati


web metrics