Internet Explorer 7 beta 1

Prime impressioni sul nuovo browser di casa Microsoft.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 02-08-2005]

IE7

Microsoft ha rilasciato nei giorni scorsi la prima beta di Internet Explorer 7. Molto attesa dagli utenti Windows la nuova release del browser apporta dei miglioramenti in fatto di sicurezza, un'attenzione all'usabilità complessiva e una maggiore aderenza agli standard del web.

Sotto il profilo sicurezza, gli sviluppatori hanno implementato una tecnologia antiphishing in grado di individuare siti malevoli anche grazie al confronto con un database remoto in continuo aggiornamento. Il cambiamento maggiore in fatto di usabilità è il tabbed browsing (navigazione a schede), caratteristica "clonata" dal rivale opensource Mozilla Firefox (e da numerosi altri browser). Per quanto riguarda l'aderenza agli standard IE7 promette un migliore utilizzo dei CSS e la gestione dei file PNG.

Le caratteristiche elencate potrebbero far pensare ad un netto miglioramento del browser Microsoft. In realtà la sensazione complessiva è che gli sviluppatori di IE7 non abbiano avuto la capacità di realizzare un prodotto davvero innovativo in grado di rivaleggiare con Firefox e Opera.

Internet Explorer 7 nasce già vecchio prima della sua uscita. La navigazione a schede è stata copiata pedissequamente da Firefox senza aggiungere nulla di più per non parlare dell'interfaccia grafica molto simil-Firefox. Il sistema antiphishing integrato, utile per prevenire truffe da parte di siti fraudolenti, è interessante ma decisamente non nuovo se si pensa che Netscape già la integra da qualche mese.

Discorso a parte va fatto per l'aderenza agli standard. Finora Internet Explorer è stato fuoristandard e questo ha imposto l'uniformazione da parte dei siti web alla visualizzazione di IE. Ora gli sviluppatori Microsoft hanno deciso di ritornare sui propri passi e rendere finalmente standard compliant il nuovo Internet Explorer. Un post sul blog degli sviluppatori di IE intitolato Standards and CSS in IE fa ben sperare su un ravvedimento di Redmond a percorrere la "retta via". Il superamento del test Acid2 (recentemente superato solo da Safari e Konqueror) è ancora molto lontano ma almeno un primo passo è stato fatto.

E pensare che per realizzare un prodotto competitivo con Firefox e Opera agli sviluppatori di IE7 sarebbe bastato collaborare con gli autori di quel gioiellino basato sul motore di rendering di Explorer chiamato Maxthon.

Se la release definitiva di IE7 conserverà le caratteristiche della beta e non apporterà novità dell'ultima ora "notevoli", Firefox e i browser "alternativi" avranno un'opportunità irripetibile di arrestare l'egemonia del browser di Bill Gates sui sistemi Windows.

Aggiornamento

Paul Thurrott, importante analista da sempre "votato" ai sistemi Windows, ha invitato pubblicamente al boicottaggio di IE7 definendolo un cancro in quanto non conforme agli standard web e profondamente insicuro.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 20)

{moracx}
Microsoft buona a copiare Leggi tutto
20-11-2005 11:42

Seldon
Segnali Leggi tutto
16-8-2005 13:01

x [16] Leggi tutto
13-8-2005 19:20

Buk
Maxthon Leggi tutto
8-8-2005 17:10

Ma stiamo scherzando, meglio se guardi su secunia firefox valà. L'ordine è Opera,Firefox-Netscape,IE.
5-8-2005 19:23

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Una ricerca dell'UniversitÓ di Lund (Svezia) mostra che avere un bambino costa al Pianeta l'emissione di 58,6 tonnellate di CO2 l'anno. In proporzione, si tenga conto che non avere l'auto fa risparmiare 2,4 tonnellate di CO2, l'essere vegani 0,8 tonnellate ed evitare un viaggio aereo 1,6 tonnellate. Lo studio conclude che una famiglia che sceglie di avere un bambino in meno contribuisce alla riduzione di emissioni di CO2 quanto 684 teenager che decidono di adottare un comportamento ecologista per il resto della vita. Cosa ne pensi?
╚ corretto. Far˛ meno figli.
Sono pazzi questi svedesi.

Mostra i risultati (1356 voti)
Settembre 2021
Microsoft cede: Windows 11 si installa anche su hardware incompatibile
Windows 10, l'update di settembre impedisce di stampare
Truffatori scavalcano le difese informatiche nella maniera più semplice
Apple svela gli iPhone “più Pro” di sempre
Ripristinare il vecchio menu Start in Windows 11
Uno spot mette Windows 11 KO
L'auto elettrica di Apple
Microsoft non bloccherà Windows 11 sui PC non supportati
Windows 11, svelata la data di lancio
Agosto 2021
La barra di Windows 11 è di proposito peggiore di quella di Windows 10
Violati i server TIM, password degli utenti a rischio
Windows 11, disponibile la prima ISO ufficiale
Microsoft: disabilitate il sistema di stampa di Windows (di nuovo)
Google taglia gli stipendi a chi sceglie il telelavoro
Gli iPhone scansioneranno tutte le foto alla ricerca di pedopornografia
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 26 settembre


web metrics