Tronchetti Provera chiede la mobilità

Secondo il Manifesto si sarebbe recato a Palazzo Chigi da Berlusconi



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 13-01-2006]

Il quotidiano Il Manifesto di Giovedì 12 Gennaio è stato l'unico degli organi di stampa ad aver dato particolare enfasi alla visita che il Presidente di Telecom Italia avrebbe reso Mercoledì scorso a Palazzo Chigi. Non è dato sapere, però, se Tronchetti Provera abbia incontrato proprio Berlusconi oppure i Sottosegretari alla Presidenza del Consiglio Letta e Buonaiuti, visto che non è stato emesso alcun comunicato ufficiale né da parte di Telecom Italia né da parte del Governo.

Questa visita avviene nei giorni caldi della vicenda Unipol, che vede l'ex presidente Consorte ancora nel consiglio di amministrazione di Telecom e i magistrati riprendere le indagini su Telecom Italia e l'acquisto della quota Colaninno nel 2001 da parte di Tronchetti, mentre la Fininvest di Berlusconi annuncia la sua uscita da Hopa, società che controlla Olimpia e l'azienda ex monopolista del servizio telefonico.

E' probabile che il motivo della visita sia, invece, legato all'accordo che il 21 dicembre i sindacati delle telco hanno siglato con il gruppo Telecom Italia per dare il via alla mobilità di accompagnamento alla pensione per più di tremila dipendenti (e circa 150 dirigenti) che ufficialmente non sono definibili come esuberi ma si possono abbastanza pacificamente collegare alla fusione con TIM.

Poiché si parla molto della vicenda Fiat e della resistenza strenua che il ministro Maroni oppone all'accordo pro-mobilità siglato tra i manager della casa automobilistica torinese e i sindacati metalmeccanici, è facile che Tronchetti sia andato personalmente a perorare la sua causa dell'alleggerimento degli organici direttamente dal Capo del Governo, scavalcando Maroni.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Commenti all'articolo (3)

{nessuno}
Era ora Leggi tutto
7-6-2006 08:30

disfarsi in maniera pulita di 3.403 dipendenti anziani Leggi tutto
18-1-2006 22:27

{ROFA}
Ascolta Dio dei cieli Leggi tutto
16-1-2006 20:20

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quale tra queste tecniche diffusamente utilizzate dagli hacker ti sembra la più pericolosa?
1. Violazione di password deboli: l'80% dei cyberattacchi si basa sulla scelta, da parte dei bersagli, di password deboli, non conformi alle indicazioni per scegliere una password robusta.
2. Attacchi di malware: un link accattivante, una chiave USB infetta, un'applicazione (anche per smartphone) che non è ciò che sembra: sono tutti sistemi che possono installare malware nei PC.
3. Email di phishing: sembrano messaggi provenienti da fonti ufficiali o personali ma i link contenuti portano a siti infetti.
4. Il social engineering è causa del 29% delle violazioni di sicurezza, con perdite per ogni attacco che vanno dai 25.000 ai 100.000 dollari e la sottrazione di dati.
5. Ransomware: quei programmi che "tengono in ostaggio" i dati dell'utente o un sito web finché questi non paga una somma per sbloccarli.

Mostra i risultati (2171 voti)
Aprile 2020
Coronavirus, ragazzini si divertono a creare malware in tema
Vulnerabilità in Zoom, a rischio le password di Windows
Marzo 2020
Oltre un milione di e-book gratis sull'Internet Archive
La truffa della chiavetta Usb che arriva per posta
Windows 10, Pannello di Controllo verso la pensione
Windows 10, in un video un assaggio delle novità
Cellulari, app e privacy ai tempi della pandemia
Coronavirus Challenge, leccare una toilette per notorietà
Windows 10, patch di emergenza per evitare il nuovo WannaCry
L'open source contro il coronavirus
Windows 10, l'update KB4535996 mina le prestazioni
L'Unione Europea vuole un proprio sistema operativo
Addio, Dada.it
Febbraio 2020
Smartphone, la UE rivuole le batterie rimovibili
Il ransomware che prende di mira gli italiani
Tutti gli Arretrati


web metrics