La macchina che se ne frega della privacy

I call center specializzati in telemarketing usano sempre di piu' software automatici per chiamare numeri telefonici, senza verificare il consenso a ricevere comunicazioni pubblicitarie.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 22-01-2006]

Foto di Joanna Kopik

E' ormai di un anno fa la normativa del Garante della Privacy che ha portato alla realizzazione degli elenchi telefonici nuovi, quelli in distribuzione in queste settimane di inizio anno in molte provincie italiane.

Ai clienti di tutti gli operatori telefonici è stato inviato un questionario in cui si chiedeva, tra le altre cose, se desideravano ricevere comunicazioni pubblicitarie per posta tradizionale o telefonicamente; in caso di mancata risposta valeva il cosidetto "silenzio-rifiuto", cioè si dava per scontato che il cliente non intendeva ricevere più comunicazioni pubblicitarie e si teneva conto solo del consenso esplicito.

Gli utenti che hanno dato, esplicitamente, il consenso sono quelli che che si possono trovare in elenco con accanto una busta (disponibilità a ricevere pubblicità postale) o una cornetta (disponibilità a ricevere pubblicità telefonica), oppure con tutti e due i simboli.

Inutile dire che solo il 20% circa degli abbonati italiani ai vari operatori ha inviato il questionario e una gran parte di questi stessi ha rifiutato di ricevere offerte promozionali per telefono. Quindi la maggior parte degli italiani non vuole ricevere pubblicità telefonica, offerte varie di telefonate gratuite o quasi, Adsl, vini, assicurazioni o giornali.

Questo rifiuto non vale però per Telecom Italia che nel momento dell'abbonamento ha acquisito (legittimamente) il consenso a telefonare al proprio utente: se non si vuole più ricevere telefonate promozionali da Telecom bisogna appositamente telefonare all'187 per essere depennati dagli elenchi che utilizza la stessa Telecom e i call center in appalto che lavorano per essa.

Ma le telefonate commerciali stanno continuando, anche a clienti che non hanno dato il consenso. In gran parte il fenomeno si spiega per i programmi che vengono utilizzati da molti call center: sono software che automatizzano le chiamate con funzioni "random", per cui vengono chiamate tutte le numerazioni, a prescindere se al momento attive, se attive solo per fax o dati, e se, soprattutto, appartengono ad abbonati che abbiano dato il consenso.

Questi sistemi sono massicciamente utilizzati perché tra chiamate a numeri occupati, o che non rispondono, o che non sono interessati, è necessario il massimo volume di contatti per acquisire un minimo di contratti validi.

A questo punto si imporrebbe un'indagine su questi sistemi nei principali call center a cura del Garante della Privacy, che può avvalersi della Guardia di Finanza per le ispezioni; anche l'Authority per le Comunicazioni può avvalersi della Polizia delle Comunicazioni per verificare come sia possibile un aumento del numero dei contratti telefonici ai vari gestori, molti dei quali senza richiesta o consenso dell'abbonato, pur in presenza di una normativa restrittiva sulla privacy come quella da poco vigente.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Approfondimenti
Tecnocontrollo e diritti civili

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 10)

Almeno quello! Con me, l'operatore di non ricordo di quale societa' , ha risposto molto male ed ha sbattuto giu' la cornetta: lovviamente il loro numero era nascosto! Guia Leggi tutto
1-2-2006 12:59

{utente anonimo}
Sono d'accordo, anche a me telefonano ogni tanto, ma dopo diversi "No grazie" ora è un periodo vuoto da queste telefonate.Solo che c'è stato un periodo delle chiamate automatiche... mi facevano impazzire il cordless collegato alla segreteria, e mi dava fastidio!Appena alzavo, cadeva la linea... come se fossi... Leggi tutto
25-1-2006 10:07

personalmente ho pietà di quei poveracci che si guadagnano la pagnotta come cococo telefonandoci per sobillarci con le loro proposte: perciò cerco sempre di rispondere in modo educato e di far capire che le loro offerte non mi interessano. così facendo, il numero di telefonate si è affievolito notevolmente... non mi sono arrivate più... Leggi tutto
25-1-2006 01:13

si può fare!! ma ho un dubbio... Leggi tutto
24-1-2006 14:49

{utente anonimo}
Cosa si puo fare? Leggi tutto
24-1-2006 08:18

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
I bambini sempre più spesso entrano in contatto con la tecnologia a una tenera età (per giocare, comunicare e cercare informazioni), anche grazie alla diffusione di smartphone e tablet. Quale dovrebbe essere la maggiore preoccupazione dei genitori?
Potrebbero visionare materiale inappropriato o visitare siti inopportuni.
Potrebbero comunicare con sconosciuti o persone non ritenute affidabili.
Potrebbero essere vittime di cyberbullismo, sui social network o altrove.
Potrebbero spendere denaro online senza che i genitori lo sappiano, anche a causa delle app che richiedono acquisti online durante i giochi.
Potrebbero diffondere dati personali (compresi foto e filmati) senza essere coscienti dei rischi.
Potrebbero incorrere in difficoltà a relazionarsi con amici dal vivo, nascondendosi dietro relazioni disintermediate dal mezzo informatico.

Mostra i risultati (1385 voti)
Ottobre 2021
UE, addio all'anonimato per i domini Internet
Windows 11 è disponibile. Ecco come installarlo anche senza TPM
I disservizi di Facebook costano a Mark Zuckerberg 6 miliardi
Pesa di più una chiavetta USB piena di dati o una vuota?
Settembre 2021
iPhone 14: un progetto completamente nuovo
Microsoft cede: Windows 11 si installa anche su hardware incompatibile
Windows 10, l'update di settembre impedisce di stampare
Truffatori scavalcano le difese informatiche nella maniera più semplice
Apple svela gli iPhone “più Pro” di sempre
Ripristinare il vecchio menu Start in Windows 11
Uno spot mette Windows 11 KO
L'auto elettrica di Apple
Microsoft non bloccherà Windows 11 sui PC non supportati
Windows 11, svelata la data di lancio
Agosto 2021
La barra di Windows 11 è di proposito peggiore di quella di Windows 10
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 17 ottobre


web metrics