Peer to peer, l'Unione è per la galera

Critiche al programma di Romano Prodi: non c'è la volontà di riformare la legge Urbani. Pronti anche in Italia per il Partito dei Pirati?



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 29-01-2006]

Foto di Eric Vallin

Beppe Caravita, blogger e giornalista del Sole 24 Ore, si chiede: "L'Unione è per la galera Urbani? Una semplice lettura della bozza di programma dell'Unione lascerebbe pensare di sì, nonostante la battaglia dei Verdi per una soluzione alternativa (flat) e per la diffusione delle Creative Commons e dell'open source. Si prospetta una seria battaglia culturale, politica e forse anche elettorale dentro la coalizione."

Un altro degli argomenti che dividerebbero la coalizione di Romano Prodi che, secondo i sondaggi, sembrerebbe accreditata a battere Silvio Berlusconi, sarebbe anche la volontà di modificare la legge Urbani che rende illegale il peer to peer, una delle tante riforme del centrodestra.

Si ripeterebbe così la stessa divisione che si presentò nel 2004 nelle aule parlamentari: da una parte i DS e la Margherita appiattiti sulle posizioni di Urbani, anzi, a volte perfino più oltranzisti del centrodestra stesso nella difesa dei privilegi delle grandi majors musicali e cinematografiche; dall'altra i Verdi e Rifondazione Comunista che si sono opposti alla Urbani e che hanno guidato la battaglia per mitigare le sanzioni e ridurre i danni della legge.

Sul fronte del centrodestra, nessuna volontà di cambiare; anzi, il tema del conflitto di interessi pesa particolarmente sul nuovo fronte di lotta alla pirateria online aperto con il blitz della Guardia di Finanza che ha oscurato i siti del "calcio libero" che fornivano istruzioni (software e link) per vedere online le partite di calcio. Berlusconi è infatti coinvolto: sia come imprenditore televisivo che vuole tutelare i propri diritti pagati a caro prezzo, sia come proprietario del Milan, una delle squadre che più guadagna anche a scapito delle formazioni calcistiche minori.

C'è anche chi, come Carlo Gubitosa, lancia l'idea di formare un Partito dei Pirati, analogo a quello nato in queste settimane in Svezia, volto a raccogliere i consensi del "popolo della Rete": però rischierebbe di indebolire le formazioni più vicine a questa sensibilità

Gubitosa: "A pensarci bene non è poi così assurdo pensare ad un partito Europeo dei pirati con varie federazioni nei singoli stati membri, e allora lancio un appello per vedere se c'è in ascolto qualcuno che vuole legalizzare lo scambio di musica e video in rete senza scopo di lucro, o dare piena legittimazione alle TV di quartiere che oggi rischiano condanne penali, oppure affermare il diritto alla riservatezza nelle comunicazioni elettroniche contro bavagli e sequestri repressivi, o magari trasformare in carta straccia tutti i brevetti che impediscono di produrre farmaci salvavita anti-Aids".

E' comunque positivo che questi temi, a differenza di quanto accaduto finora, arrivino al centro della campagna elettorale.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 12)

E se uno si scarica un film al giorno, tutto e solo rigorosamente porno? Mi sa che quelli della succitata industria la menino molto meno di quelli dell'industria "seria". 8)
22-12-2006 22:19

E sottolineo SE .....evitiamo malintesi.... Leggi tutto
17-12-2006 00:10

una, nessuna, centomila
15-11-2006 04:50

fate capire ad un utonto...quantificate e sbilanciatevi....se mi scarico tipo un film al mese (niente di pornografico) quante probabilità ho di trovarmi gente poco gradita sotto casa??
14-11-2006 21:48

L'Unione a dir la verita' e' meglio che non tocchi niente: difatti nel programma diceva = La legge Urbani va anche bene, peccato non si riesca ad arrestare abbastanza gente e a fare qualche multone in piu'. Leggi tutto
18-9-2006 14:10

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Per quale motivo NON sei (più) sul social network più famoso?
Facebook mi ha stufato. Preferisco godermi Internet.
Non voglio che gli altri si facciano i fatti miei.
Ho da fare. Facebook mi fa perdere tempo.
Amo di più la vita reale.
Non voglio che si sappiano in giro i miei segreti.
Non ho testa per Facebook in questo momento.
A mia moglie (marito, fidanzat*, ragazz*) dà fastidio che io sia su Facebook.
Facebook vende i nostri dati e non rispetta la privacy.
Mi sono accorto che iniziavo a farmi sempre di più i fatti degli altri.
Facebook è morto. Io adesso uso Twitter (o Google+, Pinterest ecc.)

Mostra i risultati (3896 voti)
Ottobre 2019
Il sistema operativo per sopravvivere all'Apocalisse
Pegasus, la nuova interfaccia di Windows 10
Dal papà di Android uno smartphone radicalmente diverso
Otto mesi di carcere per chi rivelò gli stipendi d'oro sindacali
Windows, l'aggiornamento impedisce di stampare
Antibufala: la Tesla della polizia rimasta a secco durante un inseguimento
Esplode lo smartphone in carica, muore ragazzina
Settembre 2019
Windows, l'aggiornamento di ottobre mette il turbo al Pc
Tutta la verità sul caso del dominio Italia Viva
Ecco perché gli aggiornamenti Windows hanno così tanti bug
A che età dare lo smartphone ai propri figli?
Usa NULL come targa pensando di beffare il sistema informatico delle multe
Gli USA scaricano Huawei e sui portatili arriva Linux Deepin
Falla nelle SIM, vulnerabili 1 miliardo di telefoni
La Francia non vuole Libra in Europa
Tutti gli Arretrati


web metrics