Un trojan per Word, e la patch non c'è

Un file .doc infetto, che si propaga come allegato di un'e-mail, installa una backdoor sul PC di chi sia tanto incauto da aprirlo.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 20-05-2006]

Foto di Dan Mulligan

Non c'è pace per i dannati. Una nuova minaccia si profila per gli utenti di Microsoft Word a pochi giorni dal rilascio della patch mensile di maggio mentre la prossima, che conterrà la soluzione, è prevista per il 13 giugno.

Il pericolo arriva dall'oriente (dove ha colpito un'azienda giapponese) e viaggia via e-mail sotto forma di allegato con estensione .doc: sembrerebbe un normale file creato con Word, insomma.

Se il documento viene aperto, il trojan lì nascosto per prima cosa sovrascrive il file infetto con uno nuovo e vuoto; a quel punto Word va in crash, informa l'utente del fatto che c'è stato un problema e chiede se riaprire il file che ora (essendo stato sostituito con uno "pulito") verrà visualizzato senza problemi.

Ciò di cui l'utente non si accorge è che nel frattempo nel suo computer è stata installata una backdoor che, come prima cosa, segnalerà la sua esistenza con un ping ad un indirizzo IP in Asia: così, se tutto è andato come programmato, l'attaccante ha praticamente il controllo del PC.

Tutto questo può essere fatto sfruttando un baco, ancora non patchato ma sul quale Microsoft sta già lavorando, presente in Word 2003; Word 2000, invece, va sì in crash, ma non permette l'esecuzione del codice pericoloso. Altre versioni, dice Symantec, non sono ancora state testate.

F-Secure ha battezzato il trojan W32/Ginwui.A, mentre Symantec è passata al primo livello di allerta salendo a ThreatCon 2: vale a dire che si aspetta la diffusione della minaccia.

Dal momento che per ora gli antivirus non sono in grado di riconoscere il pericolo, il consiglio è di diffidare degli allegati in formato .doc.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (3)

Son passati tre giorni... Leggi tutto
23-5-2006 11:38

{Blisser}
Imprecisione Leggi tutto
23-5-2006 08:31

{Massimo}
Smettiamo di usare prodotti dannosi allo sviluppo Leggi tutto
22-5-2006 02:32

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Per quale motivo NON sei (pi) sul social network pi famoso?
Facebook mi ha stufato. Preferisco godermi Internet.
Non voglio che gli altri si facciano i fatti miei.
Ho da fare. Facebook mi fa perdere tempo.
Amo di pi la vita reale.
Non voglio che si sappiano in giro i miei segreti.
Non ho testa per Facebook in questo momento.
A mia moglie (marito, fidanzat*, ragazz*) d fastidio che io sia su Facebook.
Facebook vende i nostri dati e non rispetta la privacy.
Mi sono accorto che iniziavo a farmi sempre di pi i fatti degli altri.
Facebook morto. Io adesso uso Twitter (o Google+, Pinterest ecc.)

Mostra i risultati (3921 voti)
Dicembre 2019
Il preservativo per i dispositivi USB
Il motorino elettrico di Xiaomi che costa come uno smartphone
Il ransomware che riavvia il PC in modalità provvisoria
Il malware fileless che attacca i Mac
Il software per ricevere gli update di Windows 7 senza pagare
Plex sfida Netflix con migliaia di film e serie TV gratis per tutti
Aggiornare gratis a Windows 10 si può ancora, ecco come
Scovare il Product Key di Windows usando solo il sistema operativo
Novembre 2019
WhatsApp, arrivano i messaggi che si autodistruggono
Skimmer virtuali sempre più diffusi, a rischio i dati delle carte di credito
Il pickup elettrico di Tesla debutta con una figuraccia
Falla nell'app fotocamera di Android, milioni di smartphone a rischio
Windows 10, iniziano gli aggiornamenti forzati
Facebook attiva di nascosto la fotocamera dell'iPhone
Apple, deciso in una riunione segreta il dispositivo che sostituirà l'iPhone
Tutti gli Arretrati


web metrics