Gli anti-DRM scendono in piazza

Mascherati da addetti ai rifiuti tossici, i "combattenti per la libertà" hanno deciso di diventare visibili.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 29-05-2006]

Una manifestante bardata

Alcuni membri di Free Software Foundation, i freedom fighters, stanno organizzando una campagna contro la Digital Rights Management (gestione dei diritti digitali) o, come più appropriatamente la chiamano, "Digital Restrictions Management". Indossando le tute gialle (che negli USA si utilizzano per maneggiare i rifiuti tossici), hanno battezzato l'iniziativa la scorsa settimana.

Il nome del sito di coordinamento è emblematico: Defectivebydesign (difettoso per progetto). Teatro della prima manifestazione è stata Seattle, un po' perché è la culla del movimento no-global, un po' per protestare contro il discorso che Bill Gates ha lì tenuto sul futuro di Microsoft.

La campagna, che ha come obiettivo i media e le industrie che applicano la DRM, non si fermerà a Seattle. Peter Brown, direttore esecutivo di FSF, incoraggia tecnici e appassionati alla partecipazione. "Ciò che vediamo è solo la punta dell'iceberg ed è nostro dovere fare qualcosa," ha detto.

"Sappiamo che i mezzi di comunicazione di massa, i fabbricanti di dispositivi DRM e le major hanno un piano per chiudere il libero accesso ai contenuti. Il loro scopo è mettere la DRM in tutti i computer e in tutte le case".

Tutti i computer, gli schermi ad alta-definizione, i telefonini, i videoregistratori e gli impianti stereo di ultima generazione non rispettano i diritti degli operatori di fare copie private dei propri contenuti digitali.

Ma l'aspetto più inquietante delle nuove tecnologie di protezione che fanno capo al Trusted Computing è la possibilità di monitorare le abitudini di ciascun fruitore di contenuti.

Ci stanno vendendo delle baracche, appositamente progettate per esserlo. "In qualunque altro settore, limitazioni o invadenze di questo tipo," sostiene Brown, "sarebbero considerate gravi difetti. Un Mp3 player che non esegue certi file è come un'automobile che non imbocca tutte le strade."

Henri Poole, presidente di Civic Actions, ha dichiarato: "I boss dei media sono stati a lungo, per gli artisti, l'unica chiave per entrare nel mercato. Adesso sono minacciati da nuovi strumenti di distribuzione che rovesciano il loro potere e permettono un rapporto diretto tra artista e pubblico. La DRM è il tentativo delle major di imporre le proprie vecchie regole".

È una guerra senza quartiere, che vede alleati vasti settori della grande industria, quella dell'intrattenimento, quella dell'hardware e i produttori di dispositivi DRM. A farne le spese sono gli utenti e gli artisti.

L'industria della pirateria, non toccata da queste tecnologie, se la ride fregandosi le manine: si prevedono grossi affari nel prossimo futuro.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (4)

DRM Leggi tutto
3-8-2006 11:51

Se "volete dare una mano", iniziate a leggere questo sito: http://www.no1984.org/ o qui: http://www.gnuvox.info/index.php/2006/06/16/il_drm_colpisce_il_cuore_stesso_della_de_1 ;) Leggi tutto
19-6-2006 07:53

ogni tipo di mobilitazione nei confronti di questi soprusi Leggi tutto
13-6-2006 02:25

No alla DRM Leggi tutto
31-5-2006 16:54

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quanti dispositivi sono connessi al tuo Wi-Fi domestico?
Nessuno.
Da 1 a 2
Da 3 a 5
Da 6 a 10
Oltre 10

Mostra i risultati (2775 voti)
Febbraio 2020
Come provare Windows 10X in anteprima, gratis
Windows 10, la patch causa più problemi di quelli che risolve
Gennaio 2020
Mummia di 3.000 anni torna a parlare
Microsoft per pietà aggiorna Windows 7
Agcom, due milioni di multa per Tim, Vodafone e Wind Tre
Windows 10: e adesso la pubblicità
Batterie al grafene, ormai ci siamo
Edge è morto, viva Edge (Chromium)
Il giorno della morte di Windows 7
The New Facebook, il social network cambia pelle
Samsung fa un balzo in avanti con il Galaxy S20
Dicembre 2019
Le peggiori password del 2019
Il chip che realizza la crittografia perfetta a prova di hacker
Apple al lavoro sull'iPhone satellitare
Il water inclinato che impedisce ai dipendenti di stare troppo in bagno
Tutti gli Arretrati


web metrics