Il fisco non digerisce Linux

L'Agenzia delle Entrate esclude ancora un volta il Pinguino dai sistemi operativi supportati.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 09-03-2007]

foto di l'otellier simon

I ricercatori della Libera Università di Lingue e Comunicazione di Milano hanno definito "Generazione Y" i giovani di età compresa tra i 18 e i 25 anni, quella generazione cioè allevata tra cellulari avanzati e computer multimediali, che ha ormai acquisito la capacità di sintonizzarsi anche mentalmente e senza problemi con il mondo intero.

Definita anche Tecnosexual, è una generazione che coltiva amicizie e intreccia relazioni davanti a monitor e webcam, e le coltiva chattando e magari confezionandosi un avatar su misura in uno dei mondi virtuali che cominciano ad abbondare sull'Internet.

Il Ministero delle Finanze invece continua a essere l'espressione di un mondo statico, perennemente attaccato alla tradizione. Tant'è che chi non possiede una macchina con installato Windows o al limite un Macintosh, è tagliato fuori da ogni possibilità di interazione con la burocrazia fiscale.

L'atteggiamento è ribadito anche in questo inizio d'anno (il buongiorno si vede dal mattino) con la distribuzione del software per calcolo e attribuzione del 5 per mille in denunzia dei redditi di prossima presentazione prodotto come il solito dalla SO.GE.I. -Società Generale di Informatica- azienda a capitale prevalentemente pubblico che cura l'intero patrimonio hard e soft del Ministero dell'Economia.

Al di là della fidelizzazione a sistemi operativi venduti dai produttori a caro prezzo e di cui non si comprende il motivo, anche sul software accessorio c'è da ridire, in quanto viene imposta agli utenti l'installazione di una JVM (la j2re-1_3_1_13) che non è proprio recentissima e va a sovrapporsi o confliggere con installazioni analoghe ma più recenti. Di ciò ne sanno qualcosa gli studi professionali, incaricati di comunicare all'amministrazione finanziaria i dati contabili e reddituali della clientela.

Ma di tutto ciò al Fisco non gliene può importar di meno; dopotutto, a comprar vecchiume e versare i balzelli sono ancora i padri, mica quelli della Y Generation.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (4)

Speriamo almeno che Microsoft abbia pagato - legalmente, attraverso una convenzione - per ricevere un trattamento di questo genere. Non riesco a sopportare l'idea che la nostra beneamata Agenzia, che ci tosa regolarmente e con grande piacere, intenda REGALARE a MS un simile privilegio. Sono più propenso a credere, però, che si tratti di... Leggi tutto
9-3-2007 11:50

Si, completamente assurdo, anch'io ho avuto il piacere. E non dimentichiamo che ultimamente c'e' una novita' nei software ministeriali, programmi che necessitano nientepopodimeno che del .NET, altra cosa che non vorrei mai vedere sulle mie macchine. Leggi tutto
9-3-2007 11:35

L'idiozia è diffusa Leggi tutto
9-3-2007 11:00

{Andrea}
strano davvero... Leggi tutto
8-3-2007 23:37

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Hai mai acceduto a una rete Wi-Fi di qualcuno senza il suo permesso?
No, mai.
No, ma lo farei se ne avessi la possibilità.
Sì, ma era una rete Wi-Fi pubblica approntata appositamente.
Sì, ma era una rete Wi-Fi lasciata aperta e quindi ci potevo entrare anche senza le credenziali necessarie.
Sì, una rete Wi-Fi privata di cui ho hackerato la password (o di cui ho conosciuto la password).

Mostra i risultati (2141 voti)
Dicembre 2022
La settimana lavorativa di quattro giorni è un successo
L'app open source per vedere YouTube senza seccature
Novembre 2022
L'app per scaricare l'intera Wikipedia (e non solo)
La scorciatoia che sblocca Windows
Amazon Drive chiude i battenti
Le cinque migliori alternative a Z Library
Il visore VR che uccide i giocatori quando perdono
Gli Stati Uniti oscurano Z Library
Vodafone, sottratti oltre 300 GB di dati degli utenti
Pochi o tanti, ma contanti
Ottobre 2022
Chrome si prepara ad abbandonare i Windows ''vecchi''
iPhone 14, nessuno lo vuole?
Windows 11, in arrivo il primo "Momento"
TikTok, arrivano i contenuti per soli adulti
Addio Office, benvenuta Microsoft 365
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 7 dicembre


web metrics