Il fisco non digerisce Linux

L'Agenzia delle Entrate esclude ancora un volta il Pinguino dai sistemi operativi supportati.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 09-03-2007]

foto di l'otellier simon

I ricercatori della Libera Università di Lingue e Comunicazione di Milano hanno definito "Generazione Y" i giovani di età compresa tra i 18 e i 25 anni, quella generazione cioè allevata tra cellulari avanzati e computer multimediali, che ha ormai acquisito la capacità di sintonizzarsi anche mentalmente e senza problemi con il mondo intero.

Definita anche Tecnosexual, è una generazione che coltiva amicizie e intreccia relazioni davanti a monitor e webcam, e le coltiva chattando e magari confezionandosi un avatar su misura in uno dei mondi virtuali che cominciano ad abbondare sull'Internet.

Il Ministero delle Finanze invece continua a essere l'espressione di un mondo statico, perennemente attaccato alla tradizione. Tant'è che chi non possiede una macchina con installato Windows o al limite un Macintosh, è tagliato fuori da ogni possibilità di interazione con la burocrazia fiscale.

L'atteggiamento è ribadito anche in questo inizio d'anno (il buongiorno si vede dal mattino) con la distribuzione del software per calcolo e attribuzione del 5 per mille in denunzia dei redditi di prossima presentazione prodotto come il solito dalla SO.GE.I. -Società Generale di Informatica- azienda a capitale prevalentemente pubblico che cura l'intero patrimonio hard e soft del Ministero dell'Economia.

Al di là della fidelizzazione a sistemi operativi venduti dai produttori a caro prezzo e di cui non si comprende il motivo, anche sul software accessorio c'è da ridire, in quanto viene imposta agli utenti l'installazione di una JVM (la j2re-1_3_1_13) che non è proprio recentissima e va a sovrapporsi o confliggere con installazioni analoghe ma più recenti. Di ciò ne sanno qualcosa gli studi professionali, incaricati di comunicare all'amministrazione finanziaria i dati contabili e reddituali della clientela.

Ma di tutto ciò al Fisco non gliene può importar di meno; dopotutto, a comprar vecchiume e versare i balzelli sono ancora i padri, mica quelli della Y Generation.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (4)

Speriamo almeno che Microsoft abbia pagato - legalmente, attraverso una convenzione - per ricevere un trattamento di questo genere. Non riesco a sopportare l'idea che la nostra beneamata Agenzia, che ci tosa regolarmente e con grande piacere, intenda REGALARE a MS un simile privilegio. Sono pi propenso a credere, per, che si tratti di... Leggi tutto
9-3-2007 11:50

Si, completamente assurdo, anch'io ho avuto il piacere. E non dimentichiamo che ultimamente c'e' una novita' nei software ministeriali, programmi che necessitano nientepopodimeno che del .NET, altra cosa che non vorrei mai vedere sulle mie macchine. Leggi tutto
9-3-2007 11:35

L'idiozia diffusa Leggi tutto
9-3-2007 11:00

{Andrea}
strano davvero... Leggi tutto
8-3-2007 23:37

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual la pi grande inquietudine che hai a casa e che la domotica potrebbe risolvere?
Sentirsi insicuri in casa quando si l da soli.
Che le persone lascino le luci accese quando non serve.
Dimenticarsi se le porte sono state chiuse a chiave o se le finestre sono state chiuse a dovere.
Familiari anziani non autosufficienti quando in casa sono soli.
Preoccuparsi della sicurezza quando siamo lontani.
Perdere tempo a girare per casa ad accendere o spegnere le luci.
Preoccuparsi che le attrezzature della cucina (per esempio il forno) siano state lasciate accese accidentalmente.
Preoccuparsi che la casa sembri vuota quando siamo lontani.
Possibili incidenti nelle zone della casa che non sono adeguatamente illuminate durante la notte.
La casa troppo calda o troppo fredda per il dovuto comfort.

Mostra i risultati (947 voti)
Febbraio 2020
Il primo smartphone con Windows 10
Equo compenso, raffica di aumenti per Pc, smartphone e schede Sd
Come provare Windows 10X in anteprima, gratis
Windows 10, la patch causa più problemi di quelli che risolve
Gennaio 2020
Mummia di 3.000 anni torna a parlare
Microsoft per pietà aggiorna Windows 7
Agcom, due milioni di multa per Tim, Vodafone e Wind Tre
Windows 10: e adesso la pubblicità
Batterie al grafene, ormai ci siamo
Edge è morto, viva Edge (Chromium)
Il giorno della morte di Windows 7
The New Facebook, il social network cambia pelle
Samsung fa un balzo in avanti con il Galaxy S20
Dicembre 2019
Le peggiori password del 2019
Il chip che realizza la crittografia perfetta a prova di hacker
Tutti gli Arretrati


web metrics