Adinolfi: il Pd deve cambiare la Urbani

Il giovane blogger che sfida Veltroni nella corsa per la leadership del Partito Democratico sostiene che la legge Urbani sul peer to peer va modificata.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 02-08-2007]

Il blogger Mario Adinolfi

Mario Adinolfi di professione si definisce blogger: il suo blog è uno dei più letti in Italia, nonché il più letto della piattaforma del Cannocchiale; e ora, senza avere un apparato partitico alle spalle, ha racoccolto le firme necessarie per candidarsi a segratario del Pd, correndo contro nomi come Veltroni, Letta e Rosi Bindi.

A Mario Adinolfi abbiamo posto qualche domanda sul suo impegno a favore della democrazia elettronica e dell'innovazione digitale.

ZN: Il manifesto del Partito Democratico parla anche di valorizzazione di forme innovative di diffusione della cultura e della musica come il peer to peer. Secondo te il Pd su queste tematiche vuole passare veramente dalle parole ai fatti, dopo che nella scorsa legislatura Ds e Margherita approvarono la Urbani?

Mario Adinolfi: "Svelo a Zeus News un retroscena. Quel passaggio del manifesto per il Partito Democratico sul peer to peer l'ho voluto io e grazie alla sensibilità di Roberto Gualtieri è entrato in qualche modo nel testo della stesura definitiva. Lo scrivo da sempre, la Urbani va assolutamente cambiata. E' uno degli impegni che assumo nel caso dovessi essere eletto alla segreteria nazionale del partito democratico".

ZN: In Italia potrà nascere un'organizzazione on line democratica collegata al Pd come è l'americana Move On?

Mario Adinolfi: "E' già nata e si chiama Generazione U, che insieme alla mia storica sigla Democrazia Diretta promuove la campagna Adinolfi 2007 e l'attività del comitato Si Può Fare. Oggi un quotidiano mi definiva l'Howard Dean italiano. Ritengo che Generazione U, l'associazione dei blogger per il partito democratico, sia l'embrione della Move On italiana. Sul mio blog (tutto è nato e passerà da lì) trovate invece tutte le notizie quotidianamente aggiornate sull'andamento della campagna. E' la prima volta che accade in Italia, e sono sicuro che non sia una novità da poco".

ZN: In genere i programmi politici sono sempre lunghi e sbrodolosi, per cui ti chiediamo di dirci una priorità (che sia una) che il nuovo Pd dovrebbe assumere per far crescere il tasso di democrazia elettronica in Italia.

Mario Adinolfi: "Schierarsi con decisione per l'introduzione di un voto deliberativo on line nelle decisioni da assumere all'interno del partito, mutuando le tecnologie del modello estone. Se si dimostra che il meccanismo funziona ed è sicuro, potrà essere esportato agli ambiti istituzionali veri e propri."

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Commenti all'articolo (3)

secondo le ultime indiscrezioni, qualcosa potrebbe muoversi... bisogna solo crederci
9-8-2007 23:42

Che io ricordi nel programma si parlava in modo genericissimo del p2p. Un po' come di tutti gli altri argomenti, in pratica. :twisted:
3-8-2007 09:16

A proposito della Urbani, ho un leggero scetticismo... La riforma non era gia' stata inserita nel programma dell'Ulivo prima delle elezioni politiche del 2006?
3-8-2007 03:23

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Per quale servizio collegato a un prodotto per la smart home saresti pi¨ disposto a pagare fino a 15 euro al mese?
Lo scongiurare dei guasti dei prodotti smart, per esempio lavastoviglie, connettendoli ai fabbricanti, in modo da identificarli e anticiparne qualsiasi problema.
Collegamento alla compagnia assicuratrice che interviene in caso di allagamento, intrusione o allarme quando non sono in casa.
Assistenza nella vita di tutti i giorni per gli anziani.
Collegamento dei dati relativi alla salute al medico o al reparto ospedaliero per il monitoraggio dei parametri vitali chiave.
Collegamento alla societÓ di sicurezza che intervenga quando l'allarme si spegne.
Nessuno di questi

Mostra i risultati (712 voti)
Luglio 2018
Adesso che si fa? Strategie mitiganti
Bollette di 30 giorni, ma a vincere sono sempre i gestori telefonici
L'industria petrolifera semina disinformazione sulle auto elettriche
The Firefox Monitor ti svela se i tuoi dati sono stati hackerati
Giugno 2018
Facebook, un brevetto per attivare i microfoni degli smartphone a tradimento
Usare la batteria dello smartphone per rubare i dati
Bug in Windows 7, Microsoft si arrende e toglie il supporto alle vecchie CPU
PeerTube: come YouTube, ma senza censura e basato su BitTorrent
Come si fa a leggere i messaggi cifrati di WhatsApp e Telegram? Non è difficile
Come sarebbe Windows 7 se fosse nato nel 2018?
Il malware che infetta Windows 10 e scatta foto del desktop
Come si riconosce un video Deepfake? A occhio
Lucchetto ''smart'' annuncia a tutti la propria password
Lo smartphone pieghevole di Samsung con doppio display
Pseudoscienza al potere oggi: Sud Africa, Spagna, Stati Uniti
Tutti gli Arretrati


web metrics