L'antivirus è bello, ma se è gratis è bellissimo

La protezione dell'amato PC si fa anche senza spendere una lira e non è detto che i programmi gratuiti siano meno efficaci di quelli a pagamento.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 24-10-2007]

Se si chiede a un migliaio di utenti, quasi la totalità dichiara di usare un antivirus e tra questi quasi il 60% usa un programma gratuito tra i molti a disposizione; però nemmeno un centinaio si è lasciato sedurre dalla possibilità di effettuare la scansione via web invece di installare il programma sul proprio computer. Questi i risultati di una recente indagine.

Parliamo ovviamente di Windows e dei rischi connessi alla navigazione sul web, mentre com'è noto i sistemi basati su Linux ne possono fare a meno. I motivi di questa scelta sono molteplici, non ultima la possibilità di protezione passiva anche in mancanza di connessione; inoltre di solito per le scansioni online viene richiesto l'uso di Internet Explorer, che di per sé non non gode di fama eccezionale per quanto riguarda la sicurezza.

Tra i programmi commerciali, indubbiamente Kaspersky e Symantec sono quelli di maggior fama e di indubbia efficacia; del resto sono il prodotto di anni di affinamento continuo e si appoggiano su di un estesissimo database di impronte virali oltre che su tecnologie proprietarie per scoprire la presenza di codici anche solo potenzialmente dannosi.

Ovviamente i "falsi positivi" possono essere tanto più ricorrenti quanto più massivo è il ricorso all'euristica da parte dei progettisti; e c'è da dire che prezzo, lentezza e difficoltà di disinstallazione sono in parte legate anche a quest'aspetto.

Altri antivirus che vanno per la maggiore quali Panda, Bit Defender e McAfee non sono da meno; e pressoché tutti integrano soluzioni per la sicurezza, tanto da presentarsi come "soluzioni antitutto", compreso il budget di chi deve acquistarli.

Ecco spiegato il motivo della fortuna dei programmi gratuiti; snelli e veloci, non sottraggono molte risorse alle macchine su cui sono installati e di solito non presentano particolari problemi di incompatibilità con altri eseguibili in memoria; tra essi primeggiano Nod32, Avast e AVG, tutti per altro in grado di offrire versioni a pagamento dotate di maggiori funzionalità - ma a nostro giudizio abbastanza marginali - e add-on.

LiveOn Care di Microsoft appare ancora poco maturo, mentre funziona benissimo ClamWin, antivirus Open Source per altro costantemente aggiornato; e ce ne sarebbero da citare tanti altri, se non fosse una ripetizione di quanto già detto.

Sull'efficacia si sono da sempre sbizzarrite le riviste specializzate, talvolta anche con risultati contrastanti; secondo noi il miglior antivirus non esiste, molto dipende dalle circostanze, dalla velocità e accuratezza degli aggiornamenti, dalle zone geografiche di diffusione.

Con la potenza degli odierni PC, la soluzione ottimale potrebbe essere quella di installare due diversi programmi, con la ragionevole certezza che almeno uno sarà dotato degli ultimi aggiornamenti; ovviamente non devono gravare né sulla memoria disponibile né sulla CPU e non debbono interferire tra loro, né con un eventuale firewall.

Per esempio, AVG e Clam convivono alla grande anche in presenza della versione gratuita di Zone Alarm, tutti rilevati dal sistema operativo e giacenti in memoria, pronti a risvegliarsi al primo accenno di pericolo; ma chi ha tempo e voglia può sperimentare altre soluzioni, altrettanto o maggiormente valide.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 38)

oltre alla leggerezza secondo me batte anche gli altri per l'affidabilità:wink:
27-10-2007 15:36

intanto dopo aver a lungo usato Avast in realtime e AVG installato ma solo per scansioni on-demand, dopo una formattazione ho deciso di rimettere su Antivir Indubbiamente mi pare leggero...vedremo come si comporterà..
27-10-2007 13:54

thanx Leggi tutto
26-10-2007 23:10

si appunto..solo chi ne capisce si orienta verso un AV migliore...
25-10-2007 15:32

Sbagli: quanti ne capiscono? :D Poi Vista per lo più è stato venduto come OEM coi portatili, e in questo caso si va dai 30€ ai 50€ circa per la licenza.
25-10-2007 15:04

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Come vedi il futuro dell'umanità, in ambito scientifico?
Il futuro è nella condivisione delle conoscenze. L'arroganza delle multinazionali nei confronti della proprietà intellettuale è solo il canto del cigno: infatti grazie alle tecnologie il sapere non potrà più essere detenuto da pochi potenti.
Per tutelare ricerche che richiedono investimenti cospicui, la proprietà intellettuale è uno strumento equo e ragionevole. Lo strapotere attuale della grande industria va solo limitato nel tempo ed emendato dagli aspetti più truci.
Lo scenario più probabile è un doppio binario tra scienza proprietaria e open source. La prima coprirà i settori che richiedono investimenti a lungo termine, la seconda quelli in cui la cooperazione raggiunge i risultati migliori.
Il potere si concentra dove c'è il denaro. Volenti, o nolenti, i big dell'economia mondiale si accaparreranno tutte le fonti di conoscenza, e sapranno farle fruttare a dovere, per il bene dell'umanità.

Mostra i risultati (1432 voti)
Dicembre 2019
Il preservativo per i dispositivi USB
Il motorino elettrico di Xiaomi che costa come uno smartphone
Il ransomware che riavvia il PC in modalità provvisoria
Il malware fileless che attacca i Mac
Il software per ricevere gli update di Windows 7 senza pagare
Plex sfida Netflix con migliaia di film e serie TV gratis per tutti
Aggiornare gratis a Windows 10 si può ancora, ecco come
Scovare il Product Key di Windows usando solo il sistema operativo
Novembre 2019
WhatsApp, arrivano i messaggi che si autodistruggono
Skimmer virtuali sempre più diffusi, a rischio i dati delle carte di credito
Il pickup elettrico di Tesla debutta con una figuraccia
Falla nell'app fotocamera di Android, milioni di smartphone a rischio
Windows 10, iniziano gli aggiornamenti forzati
Facebook attiva di nascosto la fotocamera dell'iPhone
Apple, deciso in una riunione segreta il dispositivo che sostituirà l'iPhone
Tutti gli Arretrati


web metrics