Perdere i dati per colpa di un Mac

Seri bug in Leopard e difetti meccanici nei dischi dei MacBook minacciano i dati degli utenti Apple.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 09-11-2007]

Doug Olson

Chi fosse intenzionato a fare il grande salto, passando dai Pc ai Macintosh attratto dalle meraviglie - spesso a ragione - decantate dai fedeli di Apple, forse farebbe meglio ad aspettare qualche settimana, almeno finché i problemi attuali non saranno risolti.

Secondo quanto pubblicato da AppleInsider, alla Apple starebbero alacremente lavorando per realizzare il primo aggiornamento di Leopard.

Il motivo di tanta celerità starebbe nei troppi bug che a Cupertino si sono lasciati scappare, dai guai con il firewall, di cui abbiamo già parlato, a seri problemi di perdite di dati.

Quest'ultima situazione, in particolare, può avvenire quando, spostando una directory, il drive di destinazione per qualche motivo improvvisamente non è più disponibile: Leopard non si accorge che l'operazione è stata inopportunamente interrotta, anzi crede che sia andata a buon fine e rimuove la directory di origine, che a quel punto è ancora l'unica copia esistente. Il risultato è la perdita dei dati.

Questi bug, insieme a circa due dozzine di altri che interessano parecchi componenti tra cui Mail, Time Machine, iCal, AirPort e Bonjour, hanno convinto gli sviluppatori ad accelerare l'uscita dell'aggiornamento denominato Mac Os X 10.5.1, che dovrebbe essere disponibile entro poche settimane.

Leopard tuttavia non è il solo a creare grattacapi in questo periodo agli utenti Macintosh: un difetto nei dischi rigidi di diversi MacBook e MacBook Pro può portare al danneggiamento dei dischi stessi e, di conseguenza, ancora una volta alla perdita dei dati.

Gli hard disk interessati dal problema sono i Serial Ata da 2,5 pollici prodotti da Seagate che montano il firmware versione 7.01, piuttosto diffusi sui portatili della mela.

Il guasto si verifica in seguito a un errore di progettazione del disco, a causa del quale le testine di lettura/scrittura possono staccarsi dal braccio cadendo fatalmente sui piatti e rovinando irreparabilmente la delicata superficie.

Il direttore di Retrodata, compagnia inglese che ha scoperto e denunciato il difetto, si augura che Apple al più presto richiami i prodotti difettosi prima che i danni subiti dagli utenti aumentino.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 7)

Recentemente mi è "partito" l'hd del powerbook. Schermata bianca all'avvio. Purtroppo può capitare. Certo ho dato la colpa all'hd e non alla Apple, come non l'ho data a Microsoft quando a Milano ci fu una moria di hd Maxtor (nel mio studio 4, alla Bicocca dove lavora un mio amico 5 o 6) e persi TUTTI i dati sul pc di servizio.... Leggi tutto
12-11-2007 14:26

1- cambierei titolo : "perdere dati per colpa di Seagate. i suoi hard disk sono installati anche sui mac book" 2- in merito a leopard : qualsiasi nuovo sistema operativo ha sempre dei problemi. solo che quelli rilasciati da apple non sono mai così gravi da dover ricorrere all'invio gratuito di un "cd pack2" senza il... Leggi tutto
12-11-2007 13:43

perdita dati.a me e' successo. Leggi tutto
12-11-2007 10:03

{MaXXX}
Al di la dei bug e del software credo che il problema non sia tutto di apple, il problema grave dell'hd e di seagate.... che cmq fa ottimi prodotti a parte questo incidente.Speriamo vada tutto posto, cmq w i back-up sempre e cmq non si sa mai! ;)
9-11-2007 22:11

{utente anonimo}
Sarà anche una tecnica poco nota però... Leggi tutto
9-11-2007 21:25

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quasi la metà delle famiglie italiane (nel 2012 erano il 45,5% secondo Confindustria Digitale) non possiede ancora un collegamento a Internet. Qual è secondo te il principale motivo?
La connessione a banda larga non è disponibile.
Motivi di privacy e sicurezza.
Mancanza di skill e capacità d'uso.
Alto costo del collegamento.
Alto costo degli strumenti.
Internet non è utile.
Accedono a Internet da altro luogo.

Mostra i risultati (3481 voti)
Marzo 2020
La truffa della chiavetta Usb che arriva per posta
Windows 10, Pannello di Controllo verso la pensione
Windows 10, in un video un assaggio delle novità
Cellulari, app e privacy ai tempi della pandemia
Coronavirus Challenge, leccare una toilette per notorietà
Windows 10, patch di emergenza per evitare il nuovo WannaCry
L'open source contro il coronavirus
Windows 10, l'update KB4535996 mina le prestazioni
L'Unione Europea vuole un proprio sistema operativo
Addio, Dada.it
Febbraio 2020
Smartphone, la UE rivuole le batterie rimovibili
Il ransomware che prende di mira gli italiani
Il browser per navigare sempre in incognito
Equo compenso, raffica di aumenti per Pc, smartphone e schede Sd
Come provare Windows 10X in anteprima, gratis
Tutti gli Arretrati


web metrics