Va di moda dire di no a Wikipedia

Ormai sono parecchie le università americane e ora anche comunitarie che invitano gli studenti visitatori dei loro siti a non fidarsi dei dati desunti dall'enciclopedia libera.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 21-01-2008]

wikip

Un mesetto fa Jimmy Wales, il fondatore di Wikipedia, aveva apoditticamente affermato che non c'era nessun problema per l'utilizzo da parte degli studenti, anche di livello universitario, dell'enciclopedia libera; fanno eccezione i ricercatori, ma qui saremmo già nel professionale, visto che sono pagati (e bene) per trovare cose e applicazioni nuove più che per convalidare quanto già a conoscenza di tutti gli interessati.

Secondo Wales, l'affidabilità di Wikipedia da ultimo si è accresciuta notevolmente rispetto al 2005, ponendosi un po' come "la Croce Rossa dell'informazione"; come in tutte le cose, la verità probabilmente risiede nel giusto mezzo.

Sembra eccessivo quindi il perentorio invito "Just say no to Wikipedia" ("di' di no a Wikipedia") che si sovrappone al logo dell'Enciclopedia, ma poco attendibili anche le affermazioni del suo fondatore, perché spesso le informazioni contenute sono incomplete e qualche volta inesatte, pur senza essere completamente inficiate dalla falsità.

In effetti il meccanismo di contribuzione e correzione dei contenuti si è evoluto nel tempo di pari passo con l'accuratezza della manutenzione e la partecipazione sempre più attenta di tecnici delle varie discipline; il meccanismo tuttavia non autorizza nessuno a prendere per oro colato tutti quanti i contenuti.

Chi ha effettuato ricerche scolastiche col metodo "classico" delle enciclopedie in biblioteca sa bene quanto anch'esse si rivelassero talvolta incomplete e contraddittorie; eppure i detrattori di Wikipedia basano proprio su ciò la più significativa delle eccezioni nonché sulla "facilità di accesso e riproducibilità ai dati" troppo agevole per costituire "un vero lavoro di ricerca".

Insomma tutto ciò che non costa gran tempo e fatica non sarebbe degno di essere considerato abbastanza impegnativo ai fini dell'apprendimento; ma invertendo le parti si potrebbe obiettare che neppure l'insegnamento, quando impartito senza un costante e di volta in volta rinnovato impegno, porta a risultati degni di questo nome.

Non è da escludere che chi propende per la ricerca libresca piuttosto che per quella informatica, probabilmente cada nel medesimo errore di chi sconsigliava l'uso della penna biro e della calcolatrice sui banchi della scuola, neppure tanti anni addietro; senza pensare che se tutti vedessimo soltanto i vantaggi delle cose del tempo che fu, useremmo le dita per contare e scriveremmo ancora con lo stilo sulle tavolette incerate.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 8)

in facoltà abbiamo tenuto un corso sull importanza delle fonti storiche... l'importanza di certificare la provenienza di ogni testo, la credibilità, ecc. unita alle origini di molti movimenti, tra i quali l'eredità romana nel fascismo (analogie e simbologie storiche) Molto interessante. Parlando di wikipedia, anche la nostra prof ha... Leggi tutto
2-2-2008 16:48

{stefano}
su Wikipedia in materia di accesso abusivo a sistema informatico ho messo una esauriente e comoda bibliografica (quasi completa. NOn credo sia tanto questo il problema. Io mi accorgo se un mio studente ha fatto taglia e cuci e non ha capito nulla..... Il problema e l'avversione delle università e forse di chi qualcun altro, nei... Leggi tutto
27-1-2008 19:14

Ma se intuisco bene da un pezzetto dell'articolo il problema delle università è dire no al copia-incolla. Che poi sia preso da Wikipedia o da un altra fonte, presumo la differenza sia ben poca. Infatti c'è il rischio che uno possa prendere un intero articolo e semplicemente stamparlo (magari senza neppure leggerlo). Quale apprendimento... Leggi tutto
22-1-2008 22:28

ops, sì: bibliografia.
21-1-2008 19:28

bibliografia suppongo.
21-1-2008 16:16

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quali sono i rischi maggiori del cloud computing?
Distributed Denial of Service (DDoS): cresce l'impatto dei tempi di indisponibilità di un sito web, che possono costare perdite di milioni di euro in termini di introiti, produttività e immagine aziendale.
Frode: perpetrata da malintenzionati con l'obiettivo di trafugare i dati di un sito e creare storefront illegittimi, o da truffatori che intendono impadronirsi di numeri di carte di credito, la frode tende a colpire - prima o poi - tutte le aziende.
Violazione dei dati: le aziende tendono a consolidare i dati nelle applicazioni web (dati delle carte di credito ma anche di intellectual property, ad esempio); gli attacchi informatici bersagliano i siti e le infrastrutture che le supportano.
Malware del desktop: un malintenzionato riesce ad accedere a un desktop aziendale, approfittandone per attaccare i fornitori o le risorse interne o per visualizzare dati protetti. Come il trojan Zeus, che prende il controllo del browser dell'utente.
Tecnologie dirompenti: pur non essendo minacce nel senso stretto del termine, tecnologie come le applicazioni mobile e il trend del BYOD (bring-your-own-device) stanno cambiando le regole a cui le aziende si sono attenute sino a oggi.

Mostra i risultati (1256 voti)
Ottobre 2020
Windows 10, Pc riavviati a forza per installare le web app di Office
Quel motivetto che hai in testa? Se lo fischietti, Google lo indovina
YouTube pronta a far guerra ad Amazon
Le cipolle troppo sexy per Facebook
Smishing, i consigli per non cadere nel tranello
Arrestato per recensioni online negative di un albergo
Windows 10, arriva l'installazione personalizzata
Il sito che installa tutte le app essenziali per Windows 10
Covid-19, casi sottostimati per colpa di Excel
Il furto automatico del PIN della carta di credito
Windows 10 avvisa l'utente se un SSD sta per morire
Windows 10 e i driver che vengono dal passato
Settembre 2020
Se tutte le auto fossero elettriche, quanta energia in più servirebbe?
Windows XP, il codice sorgente finisce in Rete
Vecchio televisore mette KO la connessione Adsl di un intero paese
Tutti gli Arretrati


web metrics