Il proiettore da taschino

Una società coreana ha realizzato i primi proiettori portatili, poco più grandi di un telefonino.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 01-04-2008]

Il proiettore tascabile da collegare al cellulare

A che cosa serve integrare fotocamere sempre più potenti all'interno dei cellulari se poi le foto possono essere mostrate solo su display dalle dimensioni minuscole?

A che cosa serve il supporto degli smartphone ai file Pdf o alle presentazioni in PowerPoint, se poi i limiti dello schermo non permettono di mostrarli agli altri?

Tutti questi problemi stanno per finire con l'arrivo dei proiettori tascabili.

Poco più grandi di un telefonino o - nel prossimo futuro - direttamente integrati in essi, permetteranno di dire addio alla necessità di avere un proiettore e una sala a disposizione al fine di mostrare una presentazione quando si è in viaggio.

Basterà collegare il miniproiettore al telefonino, al laptop o a qualsiasi altro dispositivo portatile e ogni superficie poi andrà bene per fare da schermo: i prototipi della sudcoreana Iljin Dsp possono proiettare immagini con dimensioni che vanno dai 7 ai 20 pollici in ambienti illuminati, e fino a 50 o 60 pollici in ambienti bui.

Le presentazioni potranno essere quindi tenute praticamente ovunque, persino - e già qualcuno trema di terrore - in treno, dove l'unione di miniproiettori e Tv mobile permetterà ai passeggeri di gustarsi i propri programmi preferiti, e involontariamente sottoporre i compagni di viaggio a una nuova forma di tortura, ben al di là delle solite conversazioni urlate.

Nemmeno una presa di corrente sarà più necessaria: i proiettori tascabili integreranno una batteria agli ioni di litio che per ora, dice la Iljin, garantisce due ore di autonomia. Più limitati saranno i proiettori integrati nei cellulari, dalla cui batteria dovranno dipendere.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (2)

ma anche il primo passo del pargolo, la prima faccina del neonato, o qualsiasi altra cosa l'immortalatore voglia propinare :wink: però l'idea è buona e se i costi saranno nel tempo accessibili, potrebbe essere un simpatico gadget Leggi tutto
1-4-2008 16:28

No?!!? Ora chi ci salverà dai filmini delle vacanze? Leggi tutto
1-4-2008 16:24

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Fidanzati sospettosi o inguaribili diffidenti, qual è la vostra arma preferita tra quelle che Facebook mette a disposizione di voi gelosoni per controllare il vostro partner?
I cuoricini in bacheca: un segno per far sentire sempre e dovunque la propria presenza, nonché un espediente per marcare il territorio del partner.
L'applicazione "Chi ti segue di più?": bisogna convincere il partner a usare questa applicazione (apparentemente innocua) per scovare eventuali vittime da annotare sulla propria black list.
Facebook Places: permette di taggare compulsivamente il partner e rendere noto al mondo intero il fatto che lei e il suo lui si trovano sempre insieme.
L'auto tag nelle foto: indispensabile strumento per essere certi di ricevere notifiche qualora un'altra persona osasse commentare o piazzare "Mi piace" alle foto del/della partner.
I commenti minatori: il simpatico approccio ossessivo-compulsivo verso chi tagga il partner o ne invade la bacheca. Di solito consiste in un discreto: "Che bello il MIO amore!"
Il profilo Facebook in comune: un unico profilo scoraggia anche il più audace dei rivali dal tentare un approccio.
La password nota al partner: Della serie: "Amore, se non mi nascondi niente allora posso avere la tua password?". Nessun messaggio di posta, commento o notifica è al sicuro.
Il tasto "Rimuovi dagli amici": una volta in possesso della password del partner, qualsiasi rivale dalla foto profilo provocante o la cui identità è sconosciuta verrà subito rimosso dagli amici.
La trappola: spacciandosi per il partner (password nota), si inizia a contattare i presunti rivali e testare le loro intenzioni con domande e allusioni per far cadere in trappola anche i più astuti.
Il Mi piace minatorio: post, foto, tag, nuove amicizie sono regolarmente marchiati da un Mi piace del partner. Dietro una parvenza di apprezzamento, dimostrano quanto in realtà NON piaccia l'elemento.

Mostra i risultati (399 voti)
Novembre 2020
Clienti Amazon: i corrieri rubano le nostre PlayStation
Edge, una marea di estensioni pericolose ruba i dati degli utenti
Apple, multa milionaria per aver rallentato gli iPhone
Il malware che colpisce gli utenti dei siti porno
Google Foto, si va verso il servizio a pagamento
Expedia, Booking, Hotels e altri: dati degli utenti visibili e accessibili
L'aspirapolvere che recupera gli AirPod dalle rotaie
Open Shell riporta in vita il menu Start di Windows 7
WhatsApp, ora è più facile eliminare foto e video inutili
Ottobre 2020
Windows 10, Microsoft si prepara a rivoluzionare l'interfaccia
Windows 10 elimina la schermata Sistema, un trucco la riporta in vita
L'app che “spoglia” le donne: garante privacy apre istruttoria
Gasolio addio, FS vuole i treni a idrogeno
Windows 10, guai a catena dopo l'ultimo aggiornamento
Windows 10, Pc riavviati a forza per installare le web app di Office
Tutti gli Arretrati


web metrics