Il motore di ricerca "obiettore" che censura l'aborto

Un motore specializzato in letteratura medica censura le ricerche con la parola "aborto" per non perdere i finanziamenti statali.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 07-04-2008]

Il motore di ricerca che censura l'aborto

Popline, uno dei più noti siti di ricerca per la letteratura medica che riguarda la riproduzione, ha ultimamente iniziato delle pratiche di censura.

A essere colpite tutte quelle ricerche compiute usando la parola abortion (ossia aborto) come chiave: a partire dal mese di aprile, nessun risultato veniva più mostrato.

La spiegazione proposta a chi chiedeva chiarimenti è stata: "Visto che siamo un progetto finanziato dal governo federale, abbiamo deciso che era la cosa migliore per il momento".

Ciò perché l'amministrazione Bush, riportando in vita una pratica dell'era Reagan, nega i finanziamenti a quelle organizzazioni non governative che praticano l'aborto o che "attivamente promuovono l'aborto come metodo di pianificazione familiare in altre nazioni".

Nessun annuncio del cambiamento era stato fatto sul sito: la spiegazione è arrivata soltanto quando qualcuno, insospettito dalla mancanza di risultati, ha chiesto delucidazioni in prima persona.

Come ha fatto notare la direttrice della biblioteca del centro di ricerca sul cancro di Duarte, in California, qui la questione centrale non è l'aborto, ma la censura. Nascondere informazioni danneggia tanto i favorevoli quanto i contrari, così come l'ignoranza non è la soluzione a nulla.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (4)

Forse a loro non interessa avere utilizzatori, ma finanziamenti statali. :x Leggi tutto
7-4-2008 18:29

Mi pare una cosa profondamente stupida vista la possibilità di effettuare ricerche altrove. E sarebbe d'uopo che la punizione arrivasse proprio in questo senso, con un sensibile calo di utilizzatori. Quando si capirà che in contesti simili la censura è solo becera ma inutile?
7-4-2008 15:01

Fosse un motore di ricerca per un certo tipo di ricerche o rivolto ad un certo tipo d utenti (es. ultra-integralisti (*) , bambini, ecc.) purché Qeusto sia chiaramente dichiarato agli utenti del motore di ricerca (*) però a dirla tutta un ultra-integralista, che forse dsarà anche ultra-anti abortista, potrebbe lui sì aver bisogno di... Leggi tutto
7-4-2008 10:29

{Giambattista}
Censura legale Leggi tutto
7-4-2008 08:59

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Controlli su Facebook le tue (o i tuoi) ex?
No, non ci penso proprio.
A volte guardo il loro profilo o i loro gli aggiornamenti di stato.
Sì, controllo ogni loro mossa.
Le ex (o gli ex) in genere non sono miei amici di Facebook.
Ma quale Facebook! Io uso Twitter (o Google+ o altro social media).

Mostra i risultati (1753 voti)
Dicembre 2020
La storia segreta di un gioiello scientifico
Microsoft brevetta la tecnologia per eliminare le riunioni inutili
Novembre 2020
Seria falla in Windows 7, la patch c'è ma non è ufficiale
Clienti Amazon: i corrieri rubano le nostre PlayStation
Edge, una marea di estensioni pericolose ruba i dati degli utenti
Apple, multa milionaria per aver rallentato gli iPhone
Il malware che colpisce gli utenti dei siti porno
Google Foto, si va verso il servizio a pagamento
Expedia, Booking, Hotels e altri: dati degli utenti visibili e accessibili
L'aspirapolvere che recupera gli AirPod dalle rotaie
Open Shell riporta in vita il menu Start di Windows 7
WhatsApp, ora è più facile eliminare foto e video inutili
Ottobre 2020
Windows 10, Microsoft si prepara a rivoluzionare l'interfaccia
Windows 10 elimina la schermata Sistema, un trucco la riporta in vita
L'app che “spoglia” le donne: garante privacy apre istruttoria
Tutti gli Arretrati


web metrics