Redditi on line, le contraddizioni del Garante

Le motivazioni che hanno spinto il Garante della privacy a sospendere la pubblicazioni sul sito dell'Agenzia delle Entrate.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 02-05-2008]

In molti si chiedono quali siano le motivazioni che hanno spinto il Garante della privacy a sospendere, dopo poche ore, il servizio che rendeva accessibili a tutti sul sito dell'Agenzia delle Entrate i redditi del 2005 degli italiani.

L'Agenzia delle Entrate, effettivamente, non ha ritenuto di informare né di porre un quesito sulla questione al Garante per la privacy. Secondo l'Agenzia delle Entrate, la questione era già pacifica e risolta: le dichiarazioni dei redditi dagli anni '70 sono liberalmente consultabili presso i Comuni di residenza dei contribuenti o presso la stessa Agenzia delle Entrate, in virtù di una normativa che obbliga l'amministrazione finanziaria a rendere disponibili questi dati "su richiesta", ma, attenzione, non stabilisce un obbligo di approntare un servizio on line o meno.

E' altrettanto vero che molti ricorsi, presentati negli anni da cittadini seccati perché i giornali, andando a spulciare gli elenchi, avevano pubblicato i loro redditi, erano sempre stati respinti dal Garante. L'Autorità aveva giudicato prevalenti sul diritto alla privacy le esigenze di trasparenza, per l'amministrazione fiscale e per lo stesso mondo degli operatori economici.

Oggi il Garante sembra contraddirsi, tanto è vero che molti organi di stampa hanno voluto contrapporre l'opinione favorevole del precedente presidente Rodotà all'attuale Pizzetti.

In realtà, il Garante ritiene che il tipo di messa on line dei dati sulle dichiarazioni dei redditi non rispettasse la normativa che prevede che tali dati possano essere consultati liberamente solo per un anno (come dire nel 2008 quelli del 2005, nel 2009 quelli del 2006 e così via) mentre, si sa, su Internet questi dati rischiano di rimanere per sempre.

Il Garante inoltre pone per la prima volta l'esigenza della sicurezza dei contribuenti, tema molto più sentito oggi che in passato. Per Pizzetti un sito che permetta l'accesso ai dati, ma con una registrazione dell'utente che consenta di identificare chi accede a questi dati, potrebbe garantire questa esigenza di sicurezza.

Ora la palla passa al nuovo governo, dove c'è chi ritiene che la trasparenza sia un'esigenza sempre attuale, come ha affermato l'economista di Forza Italia Renato Brunetta, e chi invece vorrebbe cancellare addirittura anche gli elenchi cartacei consultabili nei Comuni.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 205)

{G.}
Secondo me, chi non vuole che i dati personali riferiti alle proprie denunce di redditi, e che non vengono pubblicati, perchè hanno qualche cosa o tante cose da nascondere. Essendo io un ex lavoratore dipendente adesso un pensionato, non mi vergogno far sapere quello che guadagno e far si che quando vedranno, direbbero "Ma come fa a... Leggi tutto
13-8-2011 14:14

second me e` vero
14-5-2008 14:40

{utente anonimo}
Leggo su una mailing list che in questo documento (Tutto il Fisco con un clic) alla pagina 25 c'è la frase: ----------------------------------------------------------------- È importante ricordare che i dati personali presenti negli archivi dell'Agenzia delle Entrate sono protetti per tutelarne la riservatezza e, inoltre, la... Leggi tutto
8-5-2008 15:54

sono onesto: sono andato a cercare la mia provincia (lucca), la curiosità ha preso ovviamente anche me... ho solo trovato il file simpatico che recita: "un c hai un c... da fare eh!?" :lol: quindi risultato zero. penso che questo tipo susciti sia incoraggiamenti per il suo operato sia maledizioni da parte di qualcuno, ma... Leggi tutto
7-5-2008 20:13

{Matteo}
Petizione Rivogliamo i redditi online! Leggi tutto
7-5-2008 14:36

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
I telefonini diventano sempre più potenti e sono dotati di fotocamere sempre migliori: a quella sul retro spesso se ne aggiunge una frontale, per meglio scattare i selfie. Per quanto riguarda l'utilizzo che ne fai tu personalmente, lo smartphone ha sostituito la fotocamera compatta tradizionale?
Sì. Non ho praticamente più bisogno di portarmi dietro la fotocamera perché quella dello smartphone è più che sufficiente per le mie esigenze nella maggior parte delle occasioni.
In parte. Sebbene la fotocamera sullo smartphone sia indubbiamente comoda, spesso ho la necessità di scattare foto di qualità migliore e con un dispositivo dedicato, quindi utilizzo molto anche la fotocamera.
No. Non posso fare a meno di portarmi dietro la fotocamera compatta, che per le mie esigenze non può affatto essere sostituita da uno smartphone.

Mostra i risultati (1654 voti)
Ottobre 2019
Il sistema operativo per sopravvivere all'Apocalisse
Pegasus, la nuova interfaccia di Windows 10
Dal papà di Android uno smartphone radicalmente diverso
Otto mesi di carcere per chi rivelò gli stipendi d'oro sindacali
Windows, l'aggiornamento impedisce di stampare
Antibufala: la Tesla della polizia rimasta a secco durante un inseguimento
Esplode lo smartphone in carica, muore ragazzina
Settembre 2019
Windows, l'aggiornamento di ottobre mette il turbo al Pc
Tutta la verità sul caso del dominio Italia Viva
Ecco perché gli aggiornamenti Windows hanno così tanti bug
A che età dare lo smartphone ai propri figli?
Usa NULL come targa pensando di beffare il sistema informatico delle multe
Gli USA scaricano Huawei e sui portatili arriva Linux Deepin
Falla nelle SIM, vulnerabili 1 miliardo di telefoni
La Francia non vuole Libra in Europa
Tutti gli Arretrati


web metrics