Linux supererà Windows Mobile nel 2013

Entro cinque anni il pinguino avrà il secondo posto mondiale nella classifica dei sistemi per gli smartphone.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 06-06-2008]

tux

Nel 2013 Linux sarà installato sul 23 per cento degli smartphone, surclassando Windows Mobile e conquistando la seconda posizione, dietro a Symbian. La previsione viene da Abi Research, che quantifica in 127 milioni di dispositivi l'esercito mobile del pinguino.

Per ora, i dati del 2007 dicono che Linux è installato su 8,1 milioni di smartphone; il balzo in avanti dovrebbe avvenire soprattutto grazie all'America, dove il sistema di Nokia non ha il grande vantaggio sui concorrenti di cui invece gode in Europa.

Intanto, Microsoft non starà a guardare. Dopo il lancio di Windows Mobile 6.1 sarebbe già alacremente al lavoro sulla versione 7, che secondo le voci dovrebbe avere un'interfaccia più user friendly e simile a quella dell'iPhone.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (1)

Da notare come Microsoft per recuperare terreno si affidi sempre alla scopiazzatura ... Comunque il ricorso a Linux su sistemi minimali è da sempre stato una strada molto battuta e che portava ad ottimi risultati, certo era una pratica da smanettoni, ora trovarlo nativo sullo smartphone sembra essere una tendenza
6-6-2008 17:38

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
In Islanda, paese protestante con 320.000 abitanti tutti on line, nei mesi scorsi si è molto parlato di una legge che proibisca completamente la pornografia on line (quella stampata è già proibita) attraverso filtri centralizzati. Secondo te...
E' giusto. Anche in Italia si dovrebbe fare lo stesso.
Non è giusto, perché limita la libertà.
E' giusto, ma tanto ci sarà chi riuscirà ugualmente a scaricare materiale pornografico.
Ci sono problemi molto più importanti.
Aumenteranno ancora di più i suicidi e gli alcolizzati

Mostra i risultati (5088 voti)
Dicembre 2019
Plex sfida Netflix con migliaia di film e serie TV gratis per tutti
Aggiornare gratis a Windows 10 si può ancora, ecco come
Scovare il Product Key di Windows usando solo il sistema operativo
Novembre 2019
WhatsApp, arrivano i messaggi che si autodistruggono
Skimmer virtuali sempre più diffusi, a rischio i dati delle carte di credito
Il pickup elettrico di Tesla debutta con una figuraccia
Falla nell'app fotocamera di Android, milioni di smartphone a rischio
Windows 10, iniziano gli aggiornamenti forzati
Facebook attiva di nascosto la fotocamera dell'iPhone
Apple, deciso in una riunione segreta il dispositivo che sostituirà l'iPhone
Bug in Firefox, truffatori già all'opera
Quattordicenne risolve il problema dei punti ciechi nelle auto
Ottobre 2019
Il grande database della cacca cerca volontari
Google, i domini .new diventano scorciatoie
Wind Tre, con l'anno nuovo aumentano le bollette
Tutti gli Arretrati


web metrics