Microsoft ha un'arma letale contro Linux e l'open source

Purtroppo i miei sospetti si sono rivelati fondati: esiste un modo perfetto per eliminare Linux e gran parte del software libero, e Microsoft l'ha scoperto.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 03-09-2001]

Fino ad oggi, Microsoft ha sempre avuto una politica commerciale molto efficace, che le ha permesso di conquistare la sua attuale posizione di sostanziale monopolio:

a) comperare i concorrenti
b) se un concorrente non vuole farsi comperare, creare un prodotto analogo e distribuirlo insieme a Windows
c) se neppure questo è sufficiente, regalare il proprio software per tagliare le gambe alla concorrenza

Il classico esempio è il browser Netscape, che era leader incontrastato del mercato finché Microsoft decise di spendere cento miliardi di lire l'anno per sviluppare Internet Explorer e integrarlo inestricabilmente in Windows. Cento miliardi l'anno per un prodotto da distribuire gratis, pur di spiazzare la concorrenza. Altri esempi? Qualcuno ricorderà WordStar e WordPerfect (eliminati da Word) e Lotus 1-2-3 (eliminato da Excel). D'accordo, Word non è gratuito, ma non è protetto contro la copia (almeno per ora): inizialmente lo era, ma poi Microsoft decise di togliere la protezione. In questo modo le copie pirata di Word dilagarono e il prodotto divenne lo standard di fatto. Quindi anche se ufficialmente il prodotto non è gratuito, Microsoft ne tollera la pirateria pur di acquisire quote di mercato e debellare la concorrenza. Poi, una volta acquisito il monopolio, si inizia la persecuzione legale dei pirati e si reintroduce la protezione anticopia: è quello che sta succedendo con Windows XP e Office XP. Geniale.

Con questo sistema, era praticamente impossibile che nascesse un'alternativa ai prodotti Microsoft. Nessuna società commerciale aveva le risorse e i fondi per contrastare questo monopolio in continua espansione. Non appena ci avesse provato, sarebbe stata assorbita da Microsoft o messa in crisi perché Microsoft avrebbe inondato il mercato di prodotti analoghi.

Neppure i processi antitrust sono riusciti a scalfire il successo Microsoft. In questi giorni l'Unione Europea sta iniziando una indagine su presunti abusi di posizione dominante, ma il mondo del software procede così veloce che qualsiasi tentativo legale è condannato al naufragio per obsolescenza istantanea. Un'avanzata inarrestabile, insomma.

E' per questo che tanti hanno fatto un sospiro di sollievo quando è entrato in scena Linux. Linux non è di proprietà di una società specifica, per cui Microsoft non la può acquisire e zittire. Linux è gratuito e liberamente distribuibile, per cui Microsoft non può inondare il mercato di soluzioni a prezzo inferiore. Sembra la ricetta ideale per contrastare il predominio del colosso di Bill Gates. E' anche per questo che Linux ha tanto seguito fra gli appassionati: è sempre divertente vedere un Davide che mette in crisi un Golia.

Purtroppo il sogno potrebbe finire presto. Dato che mi occupo per lavoro di brevetti, mi ero sempre chiesto una cosa: possibile che Linux non violi nemmeno uno dei tanti (a volte assurdi) brevetti sul software detenuti non solo da Microsoft ma da una miriade di società? Se non avete dimestichezza con il mondo dei brevetti, forse non sapete che esistono brevetti a tutela delle idee più banali: manca poco che non sia brevettato anche un metodo per eseguire la somma di due numeri (prendere il primo numero, prendere il secondo numero, aggiungere il primo al secondo, presentare il risultato).

Se pensate che i brevetti debbano descrivere vere invenzioni, quelle che cambiano il mondo, siete fuori strada. Ad esempio, il brevetto statunitense 5443036 descrive un metodo per far giocare i gatti puntando una luce contro un muro e muovendola. Quello che qualunque gattofilo fa da anni è una "invenzione" protetta da brevetto. Giuro! Il testo parla di "A method for inducing cats to exercise consists of directing a beam of invisible light produced by a hand-held laser apparatus onto the floor or wall or other opaque surface in the vicinity of the cat, then moving the laser so as to cause the bright pattern of light to move in an irregular way fascinating to cats, and to any other animal with a chase instinct."

In sostanza, è difficilissimo scrivere del software senza usare algoritmi o metodi già usati altrove e tutelati da brevetto. Ad esempio, recentemente la British Telecom si è accorta di possedere un brevetto che tutela i link delle pagine Web. In linea di principio potrebbe chiedere i diritti a chiunque crea una pagina Web (finora si è astenuta dal farlo, ma domani?).

Considerate ancora il brevetto US 6,275,829 di Microsoft: tutela un metodo per sostituire un'immagine grafica di una pagina Web con una sua versione più piccola (thumbnail), cosa che fanno da una vita tantissimi programmi. Però quel metodo adesso è tutelato da brevetto. Oppure, giusto per citarne un altro, il brevetto Microsoft US 6,260,043 (Automatic file format converter) tutela un metodo per convertire i file da un formato all'altro incredibilmente generico: esamina automaticamente la struttura interna del file sorgente per identificarne il formato e poi attiva il convertitore vero e proprio. Anche questa è una cosa che si fa da una vita. Il brevetto è formulato in modo talmente ampio che qualsiasi programma di conversione di file (ad esempio quelli contenuti in StarOffice per Linux) potrebbe essere in violazione di questo capolavoro legale di Microsoft.

Leggi la seconda parte - E se Linux avesse violato qualche brevetto poco conosciuto?

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
 

Paolo Attivissimo

(C) by Paolo Attivissimo - www.attivissimo.net.
Distribuzione libera, purché sia inclusa la presente dicitura.

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Sul tuo Pc (o notebook) c'č installato un hard disk oppure un disco a stato solido?
Entrambi
SSD: č pių veloce di un hard disk, si guasta meno, consuma poco.
Disco fisso: č pių affidabile, pių economico e pių capiente di una memoria flash.
Disco fisso sul Pc, SSD sul notebook.
Non so cosa ci sia installato: sono un utente, non un meccanico.

Mostra i risultati (2485 voti)
Novembre 2020
Seria falla in Windows 7, la patch c'è ma non è ufficiale
Clienti Amazon: i corrieri rubano le nostre PlayStation
Edge, una marea di estensioni pericolose ruba i dati degli utenti
Apple, multa milionaria per aver rallentato gli iPhone
Il malware che colpisce gli utenti dei siti porno
Google Foto, si va verso il servizio a pagamento
Expedia, Booking, Hotels e altri: dati degli utenti visibili e accessibili
L'aspirapolvere che recupera gli AirPod dalle rotaie
Open Shell riporta in vita il menu Start di Windows 7
WhatsApp, ora è più facile eliminare foto e video inutili
Ottobre 2020
Windows 10, Microsoft si prepara a rivoluzionare l'interfaccia
Windows 10 elimina la schermata Sistema, un trucco la riporta in vita
L'app che “spoglia” le donne: garante privacy apre istruttoria
Gasolio addio, FS vuole i treni a idrogeno
Windows 10, guai a catena dopo l'ultimo aggiornamento
Tutti gli Arretrati


web metrics